Soros è l’Hitler liberale, l’Europa è la sua camera a gas, noi siamo i nuovi ebrei

Non ricordo bene chi ha calcolato quanto tempo ci vuole perchè una lite sui social arrivi al punto in cui uno dà del nazista all’altro. Le polemiche sullo stato in Ungheria e Polonia sono arrivate oggi a questo bell’articolo in cui abbiamo avuto la fortuna di leggere Soros è il nuovo Hitler. l’Hitler liberale. L’articolo è qua sotto e mi sono preso la briga di tradurlo ( l’originale è qui e mi perdonino i traduttori). non l’ha scritto una persona qualunque ma Demeter Szilard un uomo ai massimi vertici della cultura ungherese, il direttore del Museo della Letteratura di Budapest, ovviamente di fresca nomina e sappiamo messo da chi. E non gli fa onore il colpo basso degno del più umile degli haters da tastiera. con un’amica ci chiedevamo giusto un paio di giorni fa, visto che Soros il diavolo ha superato i 90 come farà Orban quando ci lascerà, certo ne troverà un altro, un degno erede. e Demeter Szilard, che ha anche incarichi di governo parte proprio da lì, dal vecchio Soros prossimo alla morte:

Vedo molti artisti o intellettuali, la cui vita volge al termine e che guardando indietro alla propria opera credono che verranno ricordati, ma due minuti dopo la loro morte ci si dimentica anche della loro vita. Comprendo questa frustrazione. Hanno fatto scelte sbagliate e ora ne affrontano le conseguenze. Ognuno vive la propria vita, ma, è ancora più importante, come dicono i filosofi ognuno muore della propria morte.

Indubbiamente Gyorgy Soros sta affrontando la stessa battaglia. E’ un luogo comune che quando siamo al termine della vita i soldi non diano la felicità, non possiamo portarli con noi dall’altra parte. Le future generazioni hanno garantita la sicurezza economica, rimane quindi una sola domanda: che ne sarà di Gyorgy Soros quando non ci sarà più?

Inetto nella scrittura, inconsistente e confuso il suo ragionamento. E’ abbastanza intelligente da riconoscere che non è un genio. Questo è forse la cosa che lo fa più soffrire.

György Soros scolpisce la propria statua nel cancello della propria morte . Sa di avere una missione. Missione: Gyorgy Soros, il nuovo messia, E’ solo che dietro di lui manca la trascendenza. il dio di Gyorgy Soros è Gyorgy Soros, che è disceso a noi a immagine di Gyorgy Soros.

Muove le pedine su una scacchiera di dimensioni mondiali. E siccome il segreto del successo nel mondo della finanza è giocare slealmente, cambia le regole del gioco continuamente a seconda dei cambiamenti che avvengono nel mondo. Lui è il maestro dei giochi, l’arbitro, il centravanti ed è ancora lui che tiene il punteggio.

Abbiamo già visto qualcosa di simile nella storia mondiale. Chi ha avuto potere e soldi ed è diventato dittatore, e chi no, è la serva del dittatore, e senza eccezioni ognuno di loro voleva scalare la montagna fino al trono dell’eterna verità.

La situazione è questa: la strada oggi conduce tramite noi al trono di Soros. L’Europa è la camera a gas di Soros: dalla capsula della società aperta multiculturale semina il suo gas velenoso, che è letale per il nostro modello di vita europeo, noi, l’europa delle nazioni, invece, siamo condannati a provare a salire gli uni sugli altri per lottare per l’ultimo goccia di aria.

I suoi liberali ora vogliono escludere ungheresi e polacchi dalla comunità politica, di cui hanno tutto il diritto di essere membri. Noi siamo i nuovi ebrei. Non importa se chiamano questi bastoni ricurvi società aperta, stato di diritto o solidarietà, sono tutti metodi per toglierci i diritti. quando cancellano la volontà degli elettori ungheresi, la loro capacità di scegliere come vogliono vivere, chi vogliono vedere al potere, allora praticamente possono dirci che abbiamo un naso grande che emaniamo un odore fetido e che siamo dei pidocchi. Ci considerano come “esseri” di grado più basso. Credetemi, praticamente è questo quello che pensano dell’Europa Centro Orientale, di tutte le nazioni dell’Europa K.

Quello che altrimenti sarebbe un classico comportamento coloniale di superiorità è guidato da una nebbiosa utopia. Perché in Occidente la situazione non è migliore, i liberaljak hanno la loro battaglia, il debole culto dell’altro ha come obiettivo che non ce ne sia uno di se stessi. Si metteranno contro tutti quelli che non possono intagliarsi in uomini multiculturali. Suona meglio si Ubermsnchm ma guardando alla sostanza è lo stesso.

Soros è il Fuhrer liberale. l’esercito dei liberalja, invece, lo venera in maniera più servile di come all’epoca i suoi fedeli osannavano Hitler.

non hanno imparato niente dal XX secolo

(Demeter Szilard)

E pensare che questo editoriale è apparso su Origo, un tempo no molto lontano il grande rivale di index, quando erano ancora indipendenti o quasi, il prim ogrande giornale online passato ocn un colpo di mano nel 2015 sotto qualcuno molto vicino a Orban. Nella mia rassegna stampa non lo cito mai, e ne sono contento. In genere ci sono solo una raffica di articoli legati a scandaletti di quei pochi dell’opposizione ad Orban che hanno qualche posto di comando in qualche amministrazione locale o questi attacchi alle potenze della plutocrazia mondiale, questi si, davvero degni dei nazisti (ecco, la regola funziona anche per me). in testa all’articolo la grande pubblicita di Szerencsejatek, la Lottomatica ungherese, azienda fiorente, orbaniana, che si fa pubblicità solo su questi giornali. òa stampa ungherese di regime (sempre la regola) si fa finanziare cosi dal governo (le pubblicità progresso sul Covid appaiono solo qui) e questa sproporzione di mezzi e introiti pubblicitari strangola pian paino i media indipendenti. Quando un giornale chiude il governo risponde sempre è il mercato, signori. Sic.

Rassegna stampa 28.11 – 152 decessi, ancora record

Covid: ancora per il terzo giorno consecutivo più di 6000 i nuovi positivi, 152 i decessi, ancora record (HVG) Il Comitato Medico, ha spiegato la divergenza tra i dati sui pazienti covid in ospedale comunicati da loro, 7200, e dal primo ministro, 9500-10.000, come casi sospetti, ma non ancora accertati di Covid.

Vaccini In una conferenza stampa comune insieme al collega russo Mihail Murasko il ministro degli esteri ungherese Szijjarto ha annuncIato che scienziati magiari saranno inviati nei laboratori russi per esami sul vaccino lì prodotto e sulla sua preparazione.. Secondo Murasko il vaccino pronto potrebbe arrivare in Ungheria a dicembre. Confermato anche un grosso contratto tra i due paesi per l’acquisto di gas (HVG)

Black Lives Matter Krisztina Baranyi, la sindaco di Ferencvaros, il IX distretto di Budapest, ha annunciato che ad aprile 2021 verrà inaugurato in una pubblica piazza un monumento intitolato BLack Lives Matter. La Barany, eletta a sorpresa nelle file dell’opposizione nelle elezioni dell’anno scorso si è già distinta per l’opposizione al governo per il progetto di maxistadio nel distretto per i mondiali di atletica del 2023 (telex)

Ceramiche Zsolnay Di nuovo a rischio fallimento, causa pandemia, la storica azienda di ceramica Zsolnay, a Pècs, nel cuore di tutti gli ungheresi per le ceramiche del lusso di inizio 900 come per i coloratissimi tetti in ceramica dei grandi palazzi liberty di Budapest. La ditta, dopo anni di difficoltà era stata rilevata dall’imprenditore svizzero di origine siriana Bachar Najari, osteggiato però dalla giunta comunale a guida Fidesz (Nèpszava)

Virtuozok Una storia assolutamente centroeuropea. Decisi ieri i finalisti nazionali di Virtuozok, in ungherese, una sorta di mix tra eeurofestival e talent show per giovani prodigi della musica classica, per la prima volta su base internazionale, coinvolgendo Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Serbia. il motto del talent è “la musica è la nostra lingua comune”. Per l’Ungheria la finalista è la 14enne pianista Rozsonits Ildikó (index)

Sport finisce 1-1 con gol al 92esimo l’anticipo di campionato del venerdi tra Paks e Ujpest. Oggi altri tre incontri della 12esima giornata della massima serie, spicca in serata, e sono serate fredde, il “derby eterno” Ferencvaros – MTK (Nemzeti Sport)

Rassegna stampa 27.11 – 135 morti, mai così tanti

Covid: si conferma il grande balzo in avanti nel numero dei contagi,acora sopra i seimila, 6393 ieri con il triste record di 135 morti (24.hu)

Orban Il venerdì mattina è il giorno della settimanale lunga intervista di Orban alla radio. i temo trattati:

  • Covid sul fronte covid parla a braccio di numero di pazienti ospedalizzati è tra 9.500 e 10 mila. Fino a ieri il numero comunicato era di poco superiore ai 7mila.
  • Natale: vedremo cosa faranno in Occidente, verrà presa una decisione 8-10 giorni prima. consiglia agli ungheresi di non prenotare le settimane bianche, in Ungheria l’espandersi della prima ondata fu indotta anche dal ritorno dalle vacanze sulla neve in Austria.
  • veto: l’Ungheria e la Polonia non ci hanno ripensato, resistono sulla decisione di porre il veto al budget UE e ai recovery fund. Ora è il tempo di aiutare i paesi in difficoltà e mettere da parte le dispute politiche. a luglio lo si era fatto, ma ora la Germania con un comportamento sbagliato e irresponsabile vuole rovinare molti paesi UE. Ungheria e Polonia ora sono tra l’incudine e il martello, ma l’Europa centrale saprà difendere la sovranità, la tradizione cristiana e fermare i migranti. A lungo termine la collaborazione tra i paesi dell’Europa centrale sarà molto significativa nei prossimi 10 anni. alla domanda se sarà possibile un compromesso risponde: “il compromesso è sempre possibile, ma le nostre posizioni sono chiare”. non vogliamo trovare un compromesso ma soluzioni. (HVG)

Vertice Ungheria – Polonia

“siamo appesi a un filo
o qualcuno rimarrà,
per descrivere questi
feroci e neri
tempi al mondo “

L’editoriale del Magyar Nemzet sul vertice di ieri a Budapest tra Ungheria e Polonia inizia cosí. con gli ultimi versi scritti dal poeta ungherese Sándor Petőfi poco prima di morire, al seguito del generale polacco Bem, nella guerra di indipendenza ungherese del 1848-49 contro gli Asburgo. e prosegue con: “Non esistono altri due popoli in Europa che sono stati trattati allo stesso modo nella storia negli ultimi secoli: guerre di indipendenze soffocate, parti perse del paese, mutilate o divise, molte, molte migliaia di vittime apparentemente futili e infine il ventesimo secolo e alla fine del XIX secolo, l’agognata libertà e indipendenza: questa è il destino comune del popolo ungherese e polacco. Forse è da qui che viene l’amore e il rispetto reciproci tra le due nazioni.” (Magyar Nemzet) Si é deciso di mantenere il veto al budget UE 2021-2027, l’Ungheria non ha immediato bisogno dei fondi, e l’obiettivo è quello non di rafforzare, ma di alleggerire il controllo sullo stato di diritto (24.hu)

legge elettorale Sono state già annunciate due volte importanti modifiche alla legge elettorale, in tempi di stato di emergenza, e si attendono altre novità, sempre volte a rendere più difficile la presentazione di liste singole nei collegi e a spingere l’opposizione a presentare una lista comune. Dal punto di vista della comunicazione sarebbe molto più facile per Fidesz etichettare tutto il campo avversario indistintamente come espressione di Soros, del partito dei migranti, o di Jobbik. Sarebbe un grosso ostacolo anche per i partiti fuori dai due grandi schieramenti come l’estrema destra di Mi Hazank, che potrebbe togliere voti a Fidesz, o il partito satirico del “cane a due code”, molto popolare a Budapest, ma poco presente nelle campagne (Telex)

Scacchi

la decisione finale verrà presa il 6 dicembre, ma con ogni probabilità verrà accettata la candidatura di Budapest ad ospitare nel 2024 le Olimpiadi degli scacchi, il più grande evento del mondo scacchistico, organizzato ogni 2 anni, a cui prendono parte più di 170 squadre nazionali (index)

@MagyarNemzet

Rassegna stampa 26.11 – Raddoppiano i contagi

Covid Raddoppia in 24 ore il numero di nuovi positivi al virus, ieri erano 6320. 115 i decessi (index) Molti parametri sembrano migliorare, ma la situazione negli ospedali resta critica e secondo l’ufficiale medico Cecilia muller non possiamo ancora dire di aver scavalcato il picco (telex) Si ocncluderà in settimana intanto il test di massa per i lavoratori sociali e gli insegnanti promosso nel paese, lunedi i primi dati (index) In gazzetta ufficiale i finanziamenti per rsafforzare il sistema dei medici di base, con aumento degli stipendi (24.hu)Prolungata la chiusura delle frontiere fino a febbraio , che era in scadenza il 30 novembre(HVG) si è improvvisamente aggravato ed è stato ricoverato in ospedale per polmonite bilaterale Kis Grofo, il piccolo conte, uno dei più famosi cantanti popolari ungheresi, le cui canzoni hanno avuto 50 milioni di visualizzazioni su youtube (bors)

Soros

Project Syndacate, il giornale che aveva ospitato un lungo articolo di George Soros sul sistema di corruzione clpetocratico in atto in Ungheria ha rifiutato di pubblicare la risposta di Viktor Orban in quanto non conforme agli standard del giornale. entrambi i contributi disponibili e commentati su Hungarian Spektrum (HS). Nel frattempo Orban concede un’intervista al settimanale die Zeit, rivendica la lotta contro il comunismo, l’aver imparato cos’è la democrazia direttamente da Kohl, il sistema di due pesi e due misure sullo stato di diritto se si accettano o meno i migranti, rifiuta l’etichetta antisemita verso Soros: “non mi interessa se è ebreo o no, è solo uno della cattiva Ungheria” (telex)

Sondaggi

Secondo l’istituto di ricerca Zavecz cala di poco il gradimento di Fidesz nel paese, dal 34% di settembre al 32 di novembre, sempre comunque triplo del partito che segue, DK. L’unica sepranza delle opposizioni è sempre la lista comune (24.hu)

sport

Anche l’Ungheria piange la morte del più grande calciatore di sempre. Maradona ha giocato cinque volte contro squadre ungheresi, a partire dal suo esordio in nazionale, nel 1977, a soli 16 anni in un’amichevole Argentina – Ungheria finita 5-1 fino alla coppa Uefa del 1990-91 quando il Napoli incontrò l’Ujpest, allora ancora col nome socialista Ujpest Dozsa. (Magyar Nemzet) l’intera nazionale maschile di pallacanestro in quarantena in Slovenia dopo 5 casi di positività durante il girone di qualificazione agli europei (telex)

Rassegna stampa 25.11 – L’Ivermectina, il farmaco del Budapest Covid Protokoll

Covid

3806 nuovi positivi al Covid in Ungheria ieri e 106 decessi (telex) è il giorno in cui il governo decide se prolungare o meno le misure restrittive entrate in vigore due settimane fa. HVG comparando i dati austriaci, che Orban ha sempre posto come “il nostro laboratorio dato che ci precede nella seconda onda”, e con le dichiarazioni di ieri del presidente della Repubblica Kover Laszlo scommette sul semplice mantenimento delle misure senza ulteriori restrizioni (HVG)

L’Ivermectina è un farmaco antieminitico, vermicida, ad ampio spettro scoperto nel 1975, utilizzato finora per eradicare parassiti, presente nella lista redatta dall’OMS tra i medicinali piu sicuri ed efficaci di cui ogni sistema sanitario dovrebbe disporre, la cui scoperta ha dato agli scienziati Szatosi Omura e William Campbell il nobel per la medicina 2015. L’Ivermectina è alla base del “Budapest Covid Protocol” per la profilassi e la cura dei pazienti affetti da Covid, in vari stadi della malattia (index) L’ospedale di Szombathely, nell’ovest del paese, ha esaurito i posti in obitorio, i cadaveri vengono ora messi uno sull’altro sul pavimento. Questa la triste testimonianza di un lettore del giornale locale Nyugat.hu, la cui foto, troppo dura, non viene pubblicata dal giornale (Nyugat)

UE

“Siamo nelle ultime fasi della trattativa, non sarà facile, ma siamo assolutamente sicuri che prenderemo una decisione comune nei prossimi giorni sul budget europeo e il recovery fund” così il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas; domani intanto il primo ministro polacco è a Budapest per concordare la strategia sulla minaccia di veto (portfolio)

Media

24.hu intervista Ziegler Gabor, proprietario al 50% del gruppo Indamedia che ieri ha acquisito la totalità delle azioni di index.hu: “index ha ad oggi un milione di lettori ricorrenti, il nostro giornale ha forse la redazione più sfaccettata del paese. la richiesta di indipendenza è soggettiva” non ci sono piani per nuovi licenziamenti, si farà un piano per il 2021. (24.hu)

Business

Kahoot ha comprato per 31 milioni di dollari il 100% di Drops, la app e piattaforma ungherese made in Hungary per imparare le lingue. ci sono 40 lingue a disposizione, la app usa immagini e trucchi psicologici e la si può utilizzare solo per 5 minuti al giorno, il che porta a concentrarsi davvero e a non perdere tempo (Forbes.hu)

Natale

Da ieri il tradizionale albero di Natale fa bella mostra di sè davanti al parlamento di Budapest. E’ alto 17 metri, viene dal giardino di una famiglia di Szekesfehervar, piantato 40 anni fa dal precendete proprietario (telex)

Sport

Stupisce il Ferencvaros ieri nella notte di Champions League passando in vantaggio in casa della Juventus e facendosi superare solo a tempo scaduto per un errore del portiere Dibusz (telex ) L’allenatore dei biancoverdi Rebrov molto fiero della prova suoi ragazzi, l’autore del gol ungherese Uizuni ha festeggiato il gol alla maniera di Ronaldo (Magyar Nemzet)

@index.hu

Rassegna Stampa 24.11 – Clooney vs. Orban

Covid 3929 nuovi positivi in Ungheria e 117 decessi (Nèpszava) attesa per domani la decisione del governo se modificare o meno le misure restrittive in atto finora. Intanto torna da oggi in tutto il paese la fascia protetta per gli anziani, in negozi di alimentari e farmacie sarà consentito l’accesso solo agli over 65 dalle 9 alle 11 nei giorni feriali e dalle 8 alle 10 il sabato (HVG) Su 24.hu la storia di Silvia che ha perso a distanza di 24 ore entrambi i genitori per coronavirus, Avevano da poco fatto il vaccino contro l’influenza e ai primi sintomi credevano che fosse una reazione al farmaco (24.hu)

Media index

Ancora grandi scossoni nel mondo dei media ungheresi e sempre tutti in una direzione. Ieri è stato annunciata l’acquisizione delle azioni di Index.hu in mano a una fondazione da parte del gruppo Indamedia Network (Telex) contemporaneamente sono stati allontanati il direttore Szombathy

pàl e il capo redatttore Sztankoczy Andras per decisione comune. Index.hu il giornale online di gran lunga più seguito nel paese anche in ragione della sua indipendenza politica a fine luglio aveva visto l’intera redazione dare in blocco le dimissioni e formare un mese piu tardi il sito telex.hu, aveva mantenuto finora un’impronta indipendente.

George Clooney vs Orban

George Clooney, famoso anche per le sue prese di posizione in campo democratico, in un’intervista data sul suo nuovo film al canale youtube di GQ ha detto ” l’atmosfera del film mostra quanta rabbia e odio c’è al mondo, guardate il Brasile di Bolsonaro o l’Ungheria di Orban” (444!) I media ungheresi replicano che è sotto l’influenza di Soros (Origo), Clooney nega e spera “che l’Ungheria ritrovi se stessa come quando nerl 56 lottò contro l’URSS per i principi democratici” (Telex) Chiude la telenovela per ora il sottosegretario agli esteri Menczer Tamas: “Goerge Clooney è un bravo attore ma questo non vuol dire che capisca di affari internazionali, di Orban ha detto solo idiozie” (index)

Cinema Prende il via oggi il Festival del cinema ebraico ed israeliano di Budapest, in modalità on line causa pandemia di covid. il festiva si inaugura con il film americano “Resistenza” in cui figurano anche l’attore ungherese, residente a New York, Röhrig Géza, magnifico interprete del protagonista in “il figlio di Saul” premio oscar ungherese come miglior film straniero nel 2015 (index)

Sport

E’ il giorno in cui il Ferencvaros scende in campo allo Juventus Stadium per la quarta giornata della fase a gironi di Champions League. Il Nemeti sport intervista l’uomo giusto, Aldo Dolcetti, ex fantasista del Pisa di Anconetani e in seguito allenatore dell’Honved e dello Siofok in Ungheria, ma anche tattico dello staff tecnico di Allegri al Milan e poi per 5 anni alla Juventus: “il calcio ungherese è in grande crescita, sia di mezzi che di prestazioni, ma la strada per arrivare ad alti livelli ingernazonali è lunga” (Nemzeti Sport) nel gruppo H il Lipsia degli ungheresi Gulacsi e Wiulli Orban potrebbe escludere dal torneo il PSG, finalista nella passata edizione (Magyar Nemzet)

(Photo by Tolga AKMEN / AFP) @24.hu

più connessi che mai

Perchè Orban è Orban il grande?
perchè Orban un genio della comunicazione, ovvio, e nessuno gli fa le pulci…

In questi giorni a tutte le famiglie di prof e studenti delle superiori d’Ungheria arriva una mail firmata vodafone o Telekom o Telenor che dice che il governo ti sta gentilmente offrendo 30 giorni di connessione da casa, finchè duri l’insegnamento a distanza. Anche il mio amico Enrico è corso subito ad attivare sul sito l’opzione. Orban è un genio, tuo padre ha perso il lavoro per il covid e il governo ha offerto solo minimi aiuti (il kurzarbeit, se nn vieni licenziato, ma lavori a orario anche molto ridotto il governo paga parte dello stipendio.. ma ristoranti, alberghi rtc preferiscono chiudere ebbasta) dicendo che i soldi preferisce investirli per creare nuovi posti di lavoro quando sarà il momento, essia, per ora la proverbiale arte d’arrangiarsi ungherese la trionferà, dicevamo tuo padre ha perso il lavoro e pazienza, ma il governo poi sbandiera che ti regala 15 euro al mese per la connessione da casa.

come le altre utenze che da anni arrivano con una fascia gialla che ti dice che il governo ti paga il 20% della bolletta, non importa se intanto vara la legge schiavitù. Come si diceva un tempo dell’operaio della Fiat contento per il panettone a Natale. Come il mio prof di tedesco che ad Aprile, quando avevo perso il lavoro mi diceva gongolando.. hai visto il governo Orban? siamo l’unico paese d’Europa ad aver fatto diventare gratuiti tutti i parcheggi in città. Che c.

Rassegna stampa 23.11 – Il prossimo segretario di Stato USA è di madre ungherese

USA

Il nuovo segretario di Stato USA sarà con tutta probabilità Antony Blinken, una nomina in parte ungherese e che sicuramente avrà ripercussioni nei rapporti tra USA e Ungheria. Antony Blinken è di madre ungherese, il padre, Donald Blinken è stato dal 1994 al 1997 ambasciatore USA a Budapest. Inoltre nel 2005 è stato a loro nominato l’OSA l’imponente Open Society Archivium della CEU, l’Università Centro Europea cacciata a Vienna da Orban con apposita legge. (index)

Covid

3334 i nuovi casi di positivi al covid in Ungheria e 91 decessi, anche se sono i dati del weekend, la curva sembra aver raggiunto il plateuax, anche se aumentano i pazienti in terapia intensiva (index)

UE

Nèpszava riporta un’intervista di Manfred Weber, presidente del PPE, a un giornale belga in cui afferma che se non ci fosse la pandemia l’esclusione di Fidesz dal PPE sarebbe già cosa fatta (Nèpszava) Editoriale di Tomothy Garton Ash sul Washington post sul veto ungherese e polacco: ad orban interessano solo soldi e potere (WP)

Scuola e nazione

Richiamandosi alle legge sulla pubblica istruzione del 2011 il governo ha richiamato gli asili pubblici a cancellare i corsi in lingua straniera, se non specificatamente riferiti a minoranze nazionali o a istituti bilingue. La risposta dei presidi: l’inglese non confonde il sentimento o l’identità nazionale. (telex)

Meteo

Primo settimana con la colonnina di mercurio che scende sotto lo zero in Ungheria primo caso di senzatetto deceduto per ipotermia, a Nagykanizsa (index). proibita intanto la distribuzione di pasti caldi ai bisognosi all’aperto, per il rischio assembramenti, forse non assisteremo alla famosa fila a Blaha la vigilia di Natale (telex)

Sport

E’ partita stamattina alla volta di Torino la squadra del Ferencvaros che domani sera affronterà la Juventus nel match di Champions League. Si è unito regolarmente alla squadra anche David Siger, diventato padre nelle ultime ore (Nemzeti Sport)

Ha annunciato il suo ritiro dalle competizioni su youtube Laszlo Fekete, dal 1988 al 1997 l’uomo più forte di Ungheria, arrivato anche alle finali mondiali delle gare di forza e protagonista di programmi TV. (telex)

Rassegna stampa 21.11 – Ieri 121 decessi Covid , mai così tanti

Covid Si mantiene sotto 5000 il numero di nuovi positivi al Covid 19 in Ungheria, 4397 oggi, segno che le misure di contrasto entrate in vigore ormai 10 giorni fa stanno dando i primi risultati, mentre si registra il triste record dei decessi giornalieri, 121 (index) Dove vanno i tanti senzatetto di Budapest di notte quando c’è il coprifuoco? Inchiesta di HVG: preferiscono ancora non trascorrere la notte negli ostelli, ma ognuno ha il suo posto segreto, spesso nei boschi, la polizia non li disturba, e nei ricoveri in cui ricevono assistenza e in cui si eseguono i test covid si riscontrano in percentuale molti più positivi tra i volontari che li assistono (HVG)

Opposizione “Se davvero il governo vuole introdurre il vaccino russo qui in Ungheria senza il parere favorevole dell’Ente del Farmaco europeo, che siano i membri del governo i primi ad essere vaccinati” Su Facebook Fekete-Győr András, presidente dei liberali di Momentum, sfida il partito di maggioranza (HVG)

UE Telex pubblica un’intervista con il portavoce del PPE, Pedro Lopez de Pablo: il PPE è fiducioso nella possibilità di convincere Fidesz a rispettare l’accordo sullo stato di diritto; ancora sul tavolo comunque la richiesta, da parte di 13 partiti nazionali che fanno parte del PPE di espulsione di Fidesz, che verrà discussa nella prossima Assemblea Politica (Telex in inglese!) Che cos’è lo stato di diritto ? “E’ un arma che hanno escogitato per regolamentare la destra e che usano per punire esclusivamente gli esponenti conservatori” l’editoriale di oggi sul più autorevole giornale conservatore ungherese il (Magyar Nemzet) che pubblica anche la lunga lettera aperta del primo ministro sloveno Janez Jansa al presidente del Consiglio d’Europa Charles Michels, secondo il quale non possiamo chiamare ‘stato di diritto’ una procedura arbitraria, senza una base indipendente e oggettiva, ma fondata su criteri politici (Magyar Nemzet)

Viaggi Accanto alle isole dominicane e ai ghiacciai argentini compare anche la puszta ungherese e il centro di Hortobagyi nella lista del National Geographic: “dove andiamo quando l’epidemia sarà finita?” (telex)

Sport Assegnato ieri il premio Golden Boy 2020 al miglior giovane U21 del calcio europeo, dal quotidiano sportivo torinese Tuttosport. Vincitore l’attaccante Erling Haaland del Dortmund, ottavo l’ungherese Szonoszlai (index) e per una parentesi italiana 13esimo Tonali e sesto Kulusevski.

Rassegna stampa 20.11 – Orban: andremo avanti anche senza i fondi UE

UE è durato solo un quarto d’ora l’atteso vertice tra i capi di stato che si è tenuto ieri in videoconferenza. Non si è affrontato direttamente l’argomento della minaccia di veto ungherese e polacco, ma è stato chiesto alla presidenza tedesca di cercare un compromesso. Anche il primo ministro sloveno Janez Jansa si schiera dalla parte polacca e ungherese, ma senza minacciare il veto. (HVG) Nella settimanale intervista radiofonica del venerdi mattina Orban addita George Soros come “l’uomo più corrotto della politica mondiale, al cui soldo vi sono moltissimi politici, tra cui quelli che vogliono ricattare Ungheria e Polonia con i soldi europei” (Magyar Nemzet) Altri passi dell’Orban-pensiero: “Ungheria e Polonia restano sulla via del diritto, anzichè piegarsi alla volontà della maggioranza”; “L’Ungheria è un paese stabile, in cui tutti possiamo realizzare anche con le nostre sole forze tutti i progetti di sviluppo che abbiamo previsto per i prossimi 10 anni” (Index) “L’Ungheria ha già avuto accesso a 800-900 miliardi di fiorini di credito per più di 10 anni” (24.hu) “Non c’è nessuna indicazione di un rallentamento del virus nel paese” (Nèpszava)

Covid 4400 nuovi casi di positività al Covid in Ungheria e 96 decessi ieri in Ungheria (Nèpszava) l’Unione Euoropea contraria a scappatoie che permettano l’utilizzo del vaccino russo Sputnik V in Ungheria, come annunciato dal governo Orban, prima dell’approvazione dell’EMA, l’Agenzia Europea per i medicinali. Se i cittadini iniziano a mettere in dubbio la sicurezza e l’efficacia del vaccino sarà molto più complicato poter vaccinare la necessaria percentuale di popolazione (Index) Si aggravano le condizioni di Csaba Bojte, 61 anni, carismatico frate francescano attivo nelle opere di carità e vicino ad Orban, positivo al Covid e trasportato a Budapest dal suo centro di Deva, in Transilvania (Magyar Hirlap) Positivo al rettore della prestigiosa università di medicina di Budapest, la Semmelweiss Egyetem (telex)

Spettacoli L’anno prossimo ricorrono i 100 anni dalla nascita del grande pianista ungherese Cziffra Gyorgy. Lunga intervista con Balazs Janos, pianista che ne ha raccolto il testimone artistico e direttore artistico del festival Cziffra, che, in programma a febbraio 2021, ne ricorderà l’opera (Magyar Nemzet)

Sport Dopo la conclusione della Nations Leaugue ufficializzate le graduatorie FIFA per il sorteggio dei gironi di qualificazione ai mondiali di Quatar 2022, ce ne eravamo dimenticati. L’Ungheria grazie all’eccezionale 2020, promossa in terza fascia insieme a Russia, Cechia, Islanda, Scozia, Grecia, Finlandia, Irlanda, Norvegisa e Irlanda del Nord (index)

BLOG : La notte

Grazie a dio il Covid c’era già in primavera, cosi tutto questo autunno inverno di seconda onda ce la passiamo alla grande, chè le vacanze estive sapevamo già come farle fin da piccoli. Ormai non vedo l’ora che arrivino le 20, il coprifuoco che in ungherese con molta fantasia si dice divietodiandarefuori, e quando gli spieghi coprifuoco fa molto figo essere italiano. Alle 20 è già mezzanotte, puoi aspettare ancora un po’ per esser sicuro e poi mi godo la notte, la notte fonda arriva prima, le 23 è già notte, e la notte è tutta tua, come quando studiavi da pischello per quell’esame insulso col professore matto. Alla mezzanotte puoi aprire la porta e star fuori a fumare alla penso oppure non penso butto giù appunti, sai che nessuno passerà per le scale a disturbare il tuo spazio vitale, neppure quella dai capelli sporchi e dei cani pulciosi della soffitta, neppure lei. sai che il portone del palazzo non si aprirà mai. è lì davanti a te e quasi ti senti protetto, ora l’udvar-il cortile, questi splendidi cortili che solo Pest può avere è all’oscuro per non disturbarti ed è tutto per te, i ragazzi di fronte non faranno feste facendoti ricordare che stai invecchiando e la pioggia che finalmente si decide a cadere, è lì che ti fa compagnia, appena sussurrando, tanto non devi mica uscire. Fumo i miei sigari e non penso a quando finiranno

Rassegna stampa 19.11 – il fronte di Visegrad spaccato sul veto

Covid 4512 nuovi positivi al virus ieri in Ungheria e 92 decessi (telex) Sancita nella gazzetta uffiiciale la formazione della Direzione Generale Ospedaliera Nazionale, per integrare meglio la gestione sanitaria del paese. A suo capo è stato posto Zoltan Jenei, scelta inaspettata: Jenei è militare ed economista, cancelliere dell’Università delle Scienze di Pècs, ma era anche sottosegretario tra il 2002 e il 2007 nei governi socialisti, era l’uomo delle “transenne” davanti al parlamento dopo i disordini di piazza che Orban, allora, all’opposizione, abbattè simbolicamente in segno di protesta. Lui rispose allora “sono solo un servitore dello stato” (HVG) L’obbligo della mascherina nei negozi rende impossibile il riconoscimento da parte delle telecamere interne e la denuncia di taccheggiatori e ladri nei negozi (Magyar Nemzet)

UE Il Parlamento Europeo in una comunicazione chiede che la posizione dell’UE sullo stato di diritto non venga ammorbidita. Sembra spaccato intanto il fronte dei paesi di Visegrad, il ministro della giustiza slovacco e la diplomazia ceca prendono le distanze dal veto di Ungheria e Polonia (Nèpszava) Interviene nel dibattito ufficialmente anche George Soros, il magnate americano di origine ungherese, che Orban indica come potenza oscura dietro le decisioni UE, secondo il quale l’UE non può permettersi di scendere a compromessi sullo stato di diritto e dalla sua risposta dipenderà se potrà sopravvivere la società aperta in Ungheria e Polonia (telex)

Musica Rock is dead . E’ morto a 77 anni Laszlo Benko, tastierista e membro fondatore degli Omega, una delle storiche rock band ungheresi. Aveva 77 anni ed era malato da tempo. Con lui con tutta probabilità si scioglierà anche la band, dopo più di 60 anni di musica. Moltissime foto e video di 60 anni di rock, concerti e storia del paese su (HVG) In terapia intensiva in un reparto covid Balazs Feco, cantante di altri storici gruppi dell’Ungheria pre 89 come i Neoton e i Koral (Fb)

Sport L’Ungheria batte anche in casa la Truchia per 2-0. con un gol al 90.esimo alla Weah, un coast to coast, e vince il gruppo di Nations League , dove figuravano anche Russia e Serbia, in cui era sulla carta la aquadra piu debole (Nemzeti Sport) L’Ungheria nel 2020 su 8 match disputati ne ha vinti ben 5, sembra molto lontana la notte di giusto 12 mesi fa, quando perdendo a Cardiff, arrivando solo quarta nel gruppo di qualificazione europea dietro Croazia, Galles e Slovacchia e Marco Rossi l’allenatore diceva che la squadra aveva limiti tecnici evidenti, ma che si poteva lavorare tutti insieme per il futuro. la squadra l’ha seguito (Magyar Nemzet)

Orban Judit Varga

Se siete stufi di sentir parlare solo dell’Ungheria di Orban dalle parole preziose di Orban (che si concede alla stampa internazionale, specie qualche importante giornale tedesco, solo una manciata di volte all’anno) questa crisi del veto ungherese al Recovery Fund ha visto il debutto in grande stile nella trasmissione Hard Talk della mamma BBC del giovane ministro della giustizia Judit Varga, primo ministro donna dopo due legislature tutte al maschile, in uno stile di governo tutto al maschile. La ministro Varga è bella, giovane (dimostra meno dei suoi 40 anni) è uno di quei giovani fedelissimi che Orban mette nei ruoli chiave, (l’altro bell’esempio è il ministro degli esteri Szijjarto Peter, al terzo mandato, i primi due con un doppio taglio di capelli giovanilisticissimo, ora al 16esimo giorno di Covid a casa) preparati alla curatissima scuola di partito, e che non lo insidieranno mai (come Berluscono Viktor è stato abilissimo nel segare chi ha provato a deviare dalla linea ferrea che bisogna tenere, come l’ex commissario UE Navrancsics), conosce le domande (che sono quelle che mezza Europa vorrebbe porre al governo) e conosce le risposte, rispondere con una domanda e rispedire al mittente con una logica da democrazia dei social: avete fatto una legge ad hoc per cacciare l’Università centro europea, avete fatto una legge per cacciare o neutralizzare le ONG liberali, o le leggi sulla famiglia che discriminano le minoranze, la risposta è sempre che l’Ungheria ha il diritto di far parte dell’Unione Europea e di fare le leggi che vuole, siete voi a imporci “il vostro” stato di diritto, come se i diritti fondamentali siano negoziabili e siano a pari livello col diritto di discriminare. 100 anni fa qualcuno sarebbe andato alla CNN a dire che è un diritto del popolo tedesco o italiano di essere nell’UE e di fare leggi contro gli ebrei (il confronto con i fascismi è l’unico che può essere abbastanza forte per tener viva l’attenzione), sempre col sorriso e la splendida Budapest by night lì dietro sullo sfondo. come dice 444! la risposta più bella è quella sulla libertà di stampa ed è l’ultima (min. 17) buona visione

Rassegna stampa 18.11 – diplomazia UE al lavoro per domare i Ribelli

Covid “Il picco dei contagi è atteso per il 10 dicembre, bisognerà mobilitare 30.000 posti letto in infettologia e 5000 in terapia intensiva”, queste le parole del ministro della salute Miklos Kaspar in un’intervista a (Inforadio). Finora era su base volontaria, ma ora verranno ufficilamente “chiamati in servizio” anche gli studenti di medicina per dare una mano alla sanità ungherese in difficoltà nel far fronte alla pandemia. 100 studenti dell’università di Pècs ad esempio saranno utilizzati per eseguire i tamponi. E non si parla solo di iscritti a facoltà mediche, in qualità di autisti o personale amministrativo arriveranno anche studenti di altre facoltà (HVG)

UE La Commissione europea e la Germania sono pronte a rilasciare una assicurazione scritta all’Ungheria e alla Polonia che il regolamento inerente lo Stato di diritto non viola la sovranità di alcun paese e l’equilibrio delle competenze nazionali ed europee. Intanto sono partiti i colloqui informali per rabbonire i due paesi ribelli e il prossimo round ufficiale per le trattative è stato rimandanto a Dicembre (Nèpszava). il ministro della giustizia Judit Varga al vertice UE interministeriale: “lo stato di diritto è una ideologia. vogliono affamare l’Ungheria e farci del male(HVG) Sul conservatore Magyar Nemzet compare a riguardo l’altro cardine della narrativa interna orbaniana, i migranti: paesi UE che più si battono per lo stato di diritto in Ungheria sono quelli che non hanno mai accolto migranti (Magyar Nemzet) sui giornali online trovano un timido spazio anche le reazioni dell’opposizione. Secondo i liberali conservatori dell’LMP: il veto sarebbe un peccato storico che: “spingerebbe sotto las soglia di povertà molti ungheresi e toglierebbe finanziamenti alla svolta verde”. Per l’altro partito liberale, Momentum: “se i soldi dell’UE non se li possono intascare allora non li deve avere nemmeno il paese” Dello stesso tenore anticorruzione legato ai fondi UE anche Coalizione Democratica dell’ex premier Fyurcsany (telex)

Sahara In un periodo in cui dal Medio Oriente al Caucaso abbiamo visto riaccendersi conflitti dimenticati, è tornata di nuovo tesa la situazione nel Sahara occidentale, dove da anni nel contingente di pace c’è anche una presenza ungherese, l’intervista al comandante Janos Besenyo (Magyar Nemzet)

Sport Con Ungheria – Turchia di oggi a Budapest si conclude il terzo girone della Lega B di Nations League con tre squadre ancora in lizza per la vittoria del gruppo. In conferenza stampa l’allenatore italiano dell’Ungheria Marco Rossi confessa di aver ricevuto molte richieste ma di voler restare al timone della nazionale per le prossime avventure in Europa (Nemzeti Sport)

Il nodo gordiano di Orban il grande.

Nei file di Wikileaks riguardanti l’Ungheria pubblicati dal quotidiano di sinistra Népszava, la voce del popolo (non il più importante e oggi l’ultimo rimasto sul campo dopo l’ecatombe della stampa indipendente di questi anni) si attribuisce ad Orban, in un colloquio informale con ambasciatori la frase “Ormai l’ho imparato. Se hai l’opportunità di eliminare i tuoi rivali non pensarci. Fallo e basta“. E’ quanto ha fatto Orban nel 2015 quando ha fatto fuori l’amico d’infanzia e di caserma Lajos Simicska, “il più intelligente di noi”, diceva, diventato miliardario e magnate dei media nella crescita impetuosa di Fidesz che lui ha sospinto quando era il fundraiser del partito, diventato poi troppo potente per restare dov’era accanto ad Orban. Ancor oggi quando si marcia per protestare contro Orban uno dei simboli sui cartelli è O1G, acronimo di “Orban è un pezzo di ..”, parole di Lajos Simcska. Orban è così, ama il potere, assoluto, non fa prigionieri, quando va a Bruxelles scirve su Facebook che scende sul campo di battaglia, va a combattere e mira alla vittoria.

E se ha la possibilità di fare una cosa la fa. Cosi come i pieni poteri senza limite temporale che si è fatto dare dal parlamento a marzo, all’inizio di una pandemia che ha solo sfiorato l’Ungheria per fortuna. Così anche ora, l’Ungheria che alla fine non è la nazione guida dell’europa sa di avere potere di veto su una cosa come il budget dell’unione per i successivi 7 anni e sa di avere il potere di veto per il più grande piano di aiuti economici ai paesi membri che l’UE abbia mai osato concepire. Val bene di sfruttare il jolly per mantenere quell’impunità sui dossier giustizia, libertà di stampa, libertà accademica con cui si è assicurato e si conserva il potere. Perchè che non si dica che non ha consenso, l’Ungheria profonda segue il suo padre fondatore, ma il consenso è sagacemente cesellato da un pieno controllo sulla stampa, consentito da leggi ad hoc, che la corte costituzionale tutta eletta da norma è lì per sancire e non per ridiscutere. ad esempio. E se questa cosa la può fare, Orban la fa.

Rassegna stampa 17.11 – focus crisi UE

Speciale crisi UE

EU L’Ungheria insieme alla Polonia alla ribalta della stampa internazionale (Nèpszava) per la lettera aperta in cui Orban annuncia la volontà di porre il veto insieme al collega polacco Morawiecki sull’approvazione del bilancio UE per il 2021-2027 e per il pacchetto di auti Next Generation, da noi chiamato Recovery fund, ai paesi UE per i danni causati dal coronavirus. Motivo del veto le condizioni economiche poste dall’UE al rispetto dello Stato di diritto. (politico) La base della lettera di Orban è stata; “non c’è accordo su nulla finché non c’è accordo su tutto”.

Probabilmente nel vertice di giovedì la ratifica dell’accordo non verrà messa ai voti, bisognerà comunque farlo al più presto, perchè dopo il via libera serviranno i dettagli tecnici.

è il fallimento di una politica europea basata sui compromessi. l’UE non pensava che Orban sarebbe andato fino in fondo con la minaccia al diritto di veto, ma si sbagliava (HVG)

Sui media filogovernativi gli uomini vicini a Orban spiegano la decisione:

Gulyas: il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gulyas, in un ‘intervista sul Magyar Nemzet, doce che l’EU vuole affermare lo stato di diritto calpestando lo stato di diritto, ovvero la volontà espressa dagli elettori ungheresi nelle urne che ha espresso il suo favore per questo governo. La sinistra incita all’odio (Magyar Nemzet) Kovacs Zoltan, sottosegreatario alla comunicazione internazionale: “Noi non abbiamo modificato la nostra posizione, nè potevamo farlo, perchè ne abbiamo ricevuto mandato dal parlamento. La responsabilità ricade su coloro che, pur conoscendola hanno voluto cambiare le carte in tavola” dello stesso parere Varga Judit, ministro della giustizia. (Index)

Analisi

Secondo l’ex sottosegratario agli esteri e deputato UE, il liberale, István Szent-Iványi non è nell’interesse dell’Ungheria attiriarsi ulteriori inimicizie da parte di altri paesi, l’Ungheria comunque cosi rinuncerebbe a 6 miliardi di euro di aiuti. (Index)

Telex parla di un all-in di Orban sul tavolo delle trattative, puntando sulla necessità estrema dei fondi Next Generation per paesi come Italia e Spagna. Orban dichiara che “L’Ungheria ha bisogno di una economia che funzioni e per i prossimi due anni i soldi per farla funzionare li abbiamo già. E abbiamo facilmente accesso ai prestiti sul mercato finanziario”. In realtà uscendo dal NG dovrebbe ridare già 2.8 miliardi di fiorini e già ci sono i piani di spesa in infrastrutture pubbliche di questi soldi per i prossimi anni. (Telex) Ciò potrebbe ovviamente danneggiare l’economia ungherese in crisi, ma secondo Orbán, non danneggerebbe gli altri paesi tanto quanto la mancanza di un fondo di ripresa.

Scenario No deal

– Se lo stallo persiste fino alla fine di dicembre, l’Ungheria riceverebbe un dodicesimo dei fondi avuti nel 2020 (circa 4,5 miliardi di euro) per ogni mese nel 2021. (Telex)

– Dopo molte settimane di trattative non c’è molto spazio per modificare gli accordi raggiunti e molti paesi si oppongono a “comprare” i due paesi, ovvero ridistribuire i sussidi per abbonire i paesi dell’est. Orban ha anche detto che l’Ungheria potrebbe sganciarsi da Next Generation. Ma questa possibilità è estremamente complicata sul piano pratico. (Nèpszava)

Rassegna stampa 16.11


Covid suoera le 6000 unità il numero dei nuovi casi di coronavirus in Ungheria, mai così tanti in 24 ore (24.hu)Lo strano caso dei numeri ufficiali: la denuncia del deputato indipendente Hadhazy Akos, secondo il quale c’è una discrepanza tra l’aumento negli ultimi giorni di pazienti ospedalizzati e pdi pazienti in terapia intensiva e il numero, sempre costante, di decessi causa covid (444!) Da oggi il personale dell’esercito negli ospedali per svolgere compiti manuali, logistiici e per la misurazione della temperatura. Contrariamente al parere del sindaco di Budapest e dell’ex ministro della Difesa socialista gireranno armati “parte dell’equipaggiamento”. (HVG) I positivi del giorno: Anita Gorbicz, una delle piu forti giocatrici di pallamano femminile degli ultimi 20 anni, chiamata all’estero “la regina della pallamano” (index) Nel black Friday ungherese la emag, azienda di ecommerce, propone sconti sul test rapido, le autorità vigilano (24.hu)

UE Il commissario alla parità Helea Dalli vuole includere i diritti della comunità LGBT nello Stato di diritto, la cui mancata osservanza osservanza può essere sanzionata con perdita di fondi strutturali e del recovery fund deciso per il Covid. (Magyar Nemzet) Il volto di Viktor Orban, invecchiato di 15 anni, compare per le strade svedesi con la scritta ” Sostienici e contribuisci a creare un futuro in cui gli oppressori non possano dare per scontato il loro potere ” del partito dei diritti civili. le elezioni sono quelle immaginarie del 2034 (telex) Editoriale di Pataki Tamas sul Magyar Nemzet che prende spunto dal romanzo distopico del 1914 di Ferenc Herzeg, all’epoca popolarissimo, in cui l’umanità è diventata tutta uguale, ‘le donne sono diventate uomini e gli uomini donne anziane’ (Magyar Nemzet)

Sport In Nations League l’Ungheria, rilassata dopo la bellissima vittoria contro l’Islanda di giovedi e la qualificazione a Euro 2020, pareggia con la Serbia con un bellissimo assist di Nemanja Nikolics, appartenente alla minoranza etnica ungherese in Vojvodina (telex)

Rassegna stampa 14.11

Covid

grido di allarme di Botka, l’amatissimo sindaco socialista di Szeged:” in città abbiamo migliaia di contagiati e più di 200 pazienti covid negli ospedali”. Anche gli studenti degli ultimi anni di medicina chiamati ad aiutare negli ospedali (index). siamo ormai al terzo giorno di misure speciali per il Covid, e gli ungheresi sembrano averle accettate di buon grado; ieri in tutto il paese solo 300 multe staccate per il mancato rispetto dell’obbligo di mascherina in strada (nèpszava) positivo al covid Ivanyi Gabor, 69enne, carismatico capo della chiesa evangelica ungherese, molto attiva nell’aiuto ai senzatetto e ai piu bisognosi, uno dei leader dell’opposizione democratica negli anni 80, ha battezzato due figli di Orban, prima della loro divisione, ora è uno dei principali esponenti dell’opposizione al governo (24.hu). Il ministro degli esteri Szijjarto, al settimo giorno di isolamento e cura a casa perchè positivo la covid ringrazia il primo ministro Orban Viktor per avergli consigliato di leggere “la peste” di Camus.”quando a marzo sono arrivate le prime notizie sull’epidemia, l’ho preso dalla mia libreria e ho iniziato a leggerlo. Se non lo avete ancora fatto, prendetelo dagli scaffali e leggetelo” (index)

Economia Rapidissimo decreto del governo che abbassa l’IVA sul cibo da asporto che passa dal 27 al 5%. (HVG) la soddisfazione degli operatori della ristorazione, che chiedono ancora altre mosse al governo (Magyar Nemzet)arrivano i dati dell’ISTAT ungherese. l’economia è cresciuta del +11,3% nel terzo trimestre rispetto al trimestre precedente, ma siamo a -4,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (Magyar Nemzet)

Nera San Diego, John J. Sipos, cittadino USA di origine ungherese, 75 anni, è stato arrestato per l’omicidio avvenuto 51 anni fa di Mary Scott, ballerina di un locale a luci rosse, grazie alle tracce di DNA (telex)

Sport

Nell’estate del 2012 al ristorante da Pippo sul viale Andrassi il giovane allenatore Marco Rossi incontraFabio Cordella, direttore sportivo dell’Honved e poi George Hemingway, l’allora proprietario dell’Honved, che ne coglie preparazione e ambizione e tra una rosa di candidati di vari paesi, olandesii n particolare, lo sceglie per guidare lo storico club di Budapest. Marco Rossi è oggi l’artefice della rinascita della nazionale maggiore ungherese. Intervista di index ad Hemigway (index)

La qualificazione agli europei 2020 della nazionale ungherese avrà una grossa ricaduta sul piano economico, si calcolano 10 miliardi di fiorini, solo dai maggiori acquisti degli ungheresi, tutto questo sempre che gli europei si svolgano, non si svolgano tutti in Russia, non si svolgano in una bolla, sia consentito ai tifodi entrare in Ungheria ed uscire dai loro paesi.. (HVG)

E’ morto di Covid a 53 anni Attila Horvath, medaglia di bronzo nel lancio del disco ai mondiali di Tokio 1991, prima medaglia di sempre ai mondiali di atletica per l’Ungheria, e quinto a Barcellona 92 (ugytudjuk)

Rassegna stampa 13.11

Covid nuovamente sopra 5000 il numero dei nuovi contagiati e sul centinaio, 99, i decessi da Covid. l primi effetti delle misure restrittive di questi giorni si vedranno solo tra due settimane (telex)

Orban come ogni venerdi di buon mattino Orban intervistato alla radio pubblica. lo spazio principale per una volta se lo prende il calcio, vedi sotto, per il resto parole rassicura sul covid: vedremo gli effetti delle restrizioni tra dieci giorni, ci sono ottime probabilità che il sistema sanitario tenga e ogni ungherese avrà il dovuto trattamento. (telex). Il presidente dell’ordine dei medici parla sempre della grande difficoltà negli ospedali per la carenza di medici specializzati, senza i quali la probabilità si sopravvivere al Covid cala drasticamente (Nèpszava) La denuncia su 444 di un ospedale ungherese in cui la primario chiede in nero 50.000 fiorini al mese ai pazienti per non essere allontanati dal reparto dei malati cronici (444) In economia Orban, che a parte qualche forma di aiuto per 30 giorni a ristoranti e hotel non ha concesso sovvenzioni, promette la creazione di posti di lavoro finita la pandemia e l’arrivo di tagli fiscali nel 2021 (Magyar Nemzet)

Opposizione E’ stata annunciata l’alleanza tra Momentum, il partito dei giovani liberali, protagonista di un ottimo risultato alle elezioni europee del 2019, e i deputati indipendenti Bernadett Szél e eAkos Hadhazi, tra i più tenaci e fieri oppositori del governo, protagonisti delle proteste contro la “legge schiavitù”. Hadhazi. veterinario di formazione svolge ora, da esperto di infezioni, un ruolo di critica al modo in cui il governo ha affrontato la pandemia (telex)

Gender la nuova modifica costituzionale che decreta che la madre è donna e il padre è uomo è stata scritta in particolare per impedire le adozioni da parte di single (Hungary today)

Calcio Ungheria in festa per la rocambolesca vittoria di ieri sull’Islanda per 2-1, con due gol nel finale ribaltando l’iniziale vantaggio degli scandinavi. L’Ungheria accede cosi per la quarta volta alla fase finale degli Europei ( index) Orban stesso ha detto; siamo molto orgogliosi dei nostri figli, era una battaglia e sconfigger ei vichinghi in battaglia è una gran cosa” (24.hu) Il Magyar Nemzet ripropone gli scontri diretti della nazionale nel passato, il riferimento piu prossimo è lo spareggio, per gli Europei del 72, in campo neutro, a Belgrado, contro la Romania, vinto con gol all’89esimo di Szoke Istvan. Il merito della mentlaità vincente è dell’allenatore italiano Marco Rossi (Magyar Nemzet) Se il programma originale verrà confermato Budapest ospiterà un quarto di finale e un girone degli Europei, e non un girone particolare, ma il girone di ferro con Germania, Francia, Portogallo e, appunto, Ungheria (index)

Rassegna stampa 12.11

Coprifuoco primo giorno a Budapest di coprifuoco esteso dalle 20 alle 05. la città non viveva una situazione simile dal ’56 (HVG) anche l’esercito a presidiare le strade, “anche non in tempo di guerra difenderanno il paese” ha detto Orban (hirado.hu), che pubblica in serata un breve video in time lapse e poi ringrazia la popolazione per il rispetto delle misure, quasi uno spot al coprifuoco (index) L’ufficiale medico in capo Cecilia Muller favorevole alle visite dei parenti in ospedale ai pazienti covid in fin di vita (index)

Mascherine In extremis il governo ha imposto l’obbligo di mascherina anche all’aperto per i comuni con più di 10.000 abitanti, lasciando però ai sindaci la facoltà di far osservare o meno la misura. Caos soprattutto nella capitale dove ognuno dei 23 distretti fa comune a sè, per l’incubo di diverse regole passando da quartiere a quartiere da una strada all’altra. (index)

Vaccino Il governo ha semplificato le procedure per il via libera a farmaci provenienti da paesi terzi (HVG). E’ la via maestra a Sputnik, vaccino russo in arrivo per l’ultimissima fase della sperimentazione la settimana prossima. Lo ha confermato un visibilmente provato ministro degli esteri Szijjarto in un’intervista televisiva dalla sua casa, dove è in isolamento da 6 giorni, dopo aver contratto il covid, con sintomi (telex)

Leggi Arrivate ieri le reazioni delle opposizioni alle nuove modifiche costituzionali introdotte dal governo appena scattate le leggi speciali: per il sindaco di Budapest Karacsony “anzichè pensare a salvare vite il governo pensa subito a controllare le chance elettorali dell’opposizione” (telex) Secondo il politologo Gabor Torok invece la nuova legge costringerà l’opposizione a presentarsi unita sotto la medesima lista in tutti i collegi e potrebbe essere di beneficio per superare le divisioni (24.hu) il thinktank Political Capital si aspetta nuove modifiche alla legge elettorale a venire, in particolare la redifinizione dei collegi elettorali (24.hu)

Sport E’ il giorno di Ungheria – Islanda, allo stadio Ferenc Puskas di Budapest, spareggio per Euro2020, la partita dell’anno per la nazionale magiara. ieri però la tegola della positività al Covid del loro allenatore, l’italiano Marco Rossi. “sono molto arrabbiato con me stesso per aver preso il virus proprio un giorno prima della partita” ha dichiarato. Non sarà ammesso allo stadio, guarderà la partita in TV e sarà sempre in contatto telefonico col suo vice Cosimo Inguscio che guiderà la squadra dal campo (Magyar Nemzet)