dietro una scrivania

per tutti quelli che vivono dietro ad una scrivania
“....cosi piu tardi, all’interno di comunità di altro genere sedetti alla mia scrivania: disciplinato ed estraneo, come un anarchico sotto mentite spoglie che in apparenza, a giudicare dalla sua posizione professionale, svolge un’opera di “pubblica utilità” ma in cuor suo è altrove.
E io tento di mantenere un equilibrio in questo fragile dualismo su cui si basa la mia esistenza; questo è la vita, e niente di più

(Marai Sandor, “Confessioni di un borghese”, p.154)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s