FEL

Nn ho paura dell’influenza dei polli(la stronco in dù’ ore) e compro usualmente il pettodipollo al CBA sottocasa, “un kilo fa il macellaro?”, ma oramai l’ungherese nn ha più segreti per me e faccio ad alta voce “Fel kilot”, mezzo chilo, con una bella “e” lunga e chiusa, (che se la apro diventerebbe un chilo in alto, upwards) che ormai mi è naturale come dire c’ ng na ma sci sciamanin..

Fèl, meta, e penso che aver paura, temere, in ungherese si dice uguale, fèl (felni all’infinito ma qui i verbi si chiamano dalla 3a persona singolare del pres. Indicativo)
Aver paura in Ungheria si dice essere uomini a meta.
Ma io ricordo la frase di nn so quale generale “I coraggiosi nn sono quelli che nn hanno paura, quelli sono gli stupidi”