Musica, Maestro

Vicino al mio vecchio (e odiato) luogo di lavoro, una volta fecero fermare il pullmino aziendale in uno spiazzo sulla strada, c’era uno che vendeva le fragole e più in là una roulotte abbandonata e la scritta Uvegtigris (tigre di vetro). Allora scendemmo tutti e facemmo foto ricordo. E’ quella una reliquia del recente cult movie ungherese Uvegtigris, una specie di “The van” dell’irlandese Frears in salsa magiara, cioè una commedia allegra e amara su due disoccupati che si inventano un chioschetto di birra e langos (tipica pastella strafritta).

Nel mio vecchio (e odiato) luogo di lavoro c’era poi un intervallo di metà mattina di 15 minuti annunciato da una melodia semplice e figa che avevo già sentito ma nn ricordavo dove. Poi 2 mesi fa un collega mi ha dato un CD con programma carino e già che c’era spazio qualche mp3. Il collega magiaro di 50 anni coi baffi ci ha inserito Beethoven, Mozart, tanta classica, un’operetta e almeno 20brani di Ennio Morricone, il grande maestro autore di celeberrime colonne sonore, anche qui molto amato. E tra i brani riconosco quella melodia: che è il tema principale di “Mission”. Per questo film Morricone ebbe la nomination all’Oscar ma non vinse. Ierinotte invece ha avuto un sacrosanto Oscar alla carriera, in una serata in cui han finalmente anche premiato uno dei più grandi registi viventi, l’italo americano (di Little Italy), il gran maestro Martin Scorsese.

L’Ungheria invece ha tifato ieri per Toth Geza, in gara per il miglior film di animazione con il suo “Maestro”, un pinguino tenore in camerino, lui sa solo cantare mentre un un braccio meccanico lo lava, lo veste e lo trucca e lo butta fuori sul palco. Inquietante. Il punto di vista, la telecamera se ce ne fosse una, gli gira attorno ad ogni scoccar di secondo dell’orologio.

Invece ha vinto un film canadese e la gente che ha visto la diretta al Merlin, il teatro in lingua inglese di Budapest e centro culturale, era triste, qualcuno anche in lacrime. E pensare che “Maestro” è un fim in 3D, dicono, mente qull’altro che ha vinto, è un film di animazione normale.

Maestro non è un caso isolato, nell’80 vinse l’Oscar per il miglior film di animazione “a lègy” (tradotto: la mosca), che si puo’ vedere su youtube qui, peccato che la mosca negli anni 80 è anche il titolo di qualcosa di ancor più famoso e inquietante, di un capolavoro del Maestro David Cronenberg..

che sfortuna questi magiari

Dimissioni dimissioni

Il giovane italiano all’estero del 2000, torna a casa dal lavoro, accende il laptop, apre repubblica.it per vedere che è successo in madrepatria, e contemporaneamente telefona alla famiglia con Skype. “Hai visto che Prodi si è dimesso?” mi fanno da Bari.. “Stavo appunto leggendo orora..” rispondo incerto. Ringrazio la politica del mio paese per essere sempre ricca di spunti e che mi fa passare delle allegre giornate tra interessanti cronache, dibattiti politici, politologi alla radio.rai.it e su rai.click.it perchè davvero di questi scenari futuri (Prodi, Prodibis, D’Alema si, D’Alema no, maggioranza allargata, convergenze, Marini,  Follini, Turigliatto, Trotskisti, senatori a vita, Pininfarina, autonomisti di Lombardo, e perchè no? legge elettorale) siam maestri. Quasi nessuno parla di guerra in Afganistan e politica estera che in fondo è quello che ha fatto cadere il governo, mi pare di aver capito.

Le cose di casa nostra son così complicate che index.hu, il miglior sito di news ungherese spende un lungo articolo solo per spiegare all’ungherese confuso quel che è successo e quel che succederà. L’unica cosa chiara è che Prodi si è dimesso,* quello che qui il buon Gyurcsany tra mille scandali polemiche e barricate nn farà mai. E’ questo che sorprende il mio interlocutore ungherese, che mi vede attento a sentire un dibattito alla radio: possibile che per una sola votazione il vostro primo ministro, seppur di 75 anni,  si debba dimettere? Provo a rispondere che era un voto sul programma di politica estera del governo, se  non c’è una maggioranza lì è cosa grave, ma l’interlocutore è perplesso. L’Ungheria dall’89 ha avuto sempre governi giunti al termine della legislatura, tranne nel 2004.  Nel 2004 si scopri’ che lu primo ministro era un ex collaboratore della polizia segreta dei comunisti  e allora al governo salì il ministro dello sport, multimiliardario ed ex capo dei giovani comunisti, il sig. Gyurcsany Ferenc.

– E secondo me questa notizia deve essere giunta anche alle orecchie di Berlusconi. me li immagino lui e Guzzanti al bar: “Ecco un bel motivo per delle dimissioni: Paolo, assolda qualcuno, e fammi sapere che Prodi è un’ex spia dei comunisti. Che bella pensata. Fa’ una cosa, dillo a quel Sgaramella, è il tipo che fa per noi, i soldi li trovi in qualche commissione inutile che ho creato.. –

Il principale quotidiano ungherese, Libertà del Popolo, socialista,  parla invece con circospezione, è politica, ed è caduto un governo amico, mette in risalto che  la coalizione di Prodi radunava ben 13 partiti (urca) e che sabato scorso qualcuno della maggioranza è sceso in strada contro l’allargamento di una base militare USA. E questa è musica per il CentroEst Europa, miei cari lettori: come ben sapete da un mesetto gli USA hanno annunciato nuove basi antimissilistiche  e radar in Rep. Ceca e Polonia. La Russia si è sentita minacciata e ha risposto con un dichiarato aumento delle spese militari e di missili a medio raggio. L’Ungheria no, l’Ungheria è un paese furbo e di gente ospitale, che cerca di essere amico di tutti, dove sono graditi ospiti sia Bush che Putin. E ospitare una base USA perchè si è un paese NATO, ma dichiararsi un po’ contrari è protestare è molto italico, pardon magiaro.

 

* del resto dimissioni: lemondàs è la parola magiara che tutti abbiamo imparato a dire in questi mesi

Non avrei mai creduto di leggere con tanto interesse la cronaca della manifestazione di piazza di sabato scorso a Pristina (che dopo la guerra abbiamo imparato essere la principale città del Kosovo, e dove stanno ancora i nostri carabinieri a fare la guerra, pardon la pace). Si era all’indomani della proposta del mediatore finlandese che dopo tanto pensare ha presentato un  piano con un’indipendenza “de facto” per il Kosovo, cioè il Kosovo potrà avere un proprio governo, inno nazionale, potrà avere un suo seggio all’ONU, e all’UE perchè no, ma resterà in una sorta di sistema federale con la cara madre Serbia, una specie di Bosnia, ma un po’ più spinta. 

E’ curioso,che anche ora che vivo oltrecortina gli slogan che leggo, Përpara, përpara, përpara”, mi sembran cosi’ esotici, e son catturato dai nomi delle strade, l’avenue Clinton, il viale Madre Teresa, il monumento a Skanderberg, il Garibaldi albanese che c’ha pure una targa a Bari al Piccinni, e sorrido che le bandiere nazionali per le strade son rossonere manco fossimo a Sansiro tra la Fossa, le Brigate e l’Inferno Rossonero.

E quello che leggo io l’ho già visto: gente per le strade, comizi improvvisati su un camioncino, avanti a tutti quelli del partito più radicale, vecchi col copricapo tipico e qualcuno più incazzato degli altri (perchè l’indipendenza vera vera ancora non c’è), scontri con la polizia, ognuno che accusa gli altri di aver cominciato, proiettili di gomma ad altezza d’uomo, giornalisti che passano dietro alla polizia per star sicuri.

Solo il finale cambia, qui tutto finisce verso sera, ma solo perchè ci son scappati 2 morti, per codesti proiettili di gomma ad altezza d’uomo. E il giorno dopo fiaccolata silenziosa per le stesse strade degli scontri. Ma soprattutto è significativo alle mie orecchie il commento finale catturato tra la folla di Pristina, che è lo stesso medesimo che si respirava a Budapest subito dopo gli scontri: “Non avrei mai creduto che una cosa possibile potesse succedere. Non è giusto che la polizia reagisca così”

Intanto qui l’inverno ancora nn arriva e forse allora nn arriverà più, oggi piove e vuol dire che fa caldo e che nn nevica. Il governo ungherese dice di aver sventato piani per assaltare il Parlamento ma ci credono in pochi. La piazza del Parlamento  è sempre isolata da poilizia e transenne di 2 metri. Ci si è dati un tacito appuntamento al 15 Marzo, festa nazionale, tradizionali grandi adunate, e tanta gente per le strade. Manca un mese.

Dio salvi il magiaro.

Fiocco Rosa

E’ nata stasera alle 22.00 a Milano la piccola Ailin Tanake, da una coppia di amici che si sono conosciuti qui a Budapest, dove il destino li aveva portati 2 anni fa. Questo mondo è tuo, Ailin.

Emigranti

 

Sono un italiano all’estero, quando mi chiedono per quanto tempo resterai qui rispondo sempre: nn lo so (la piú facile risposta), fin quando faccio cose positive, ma comunque voglio mantenere legami, anche lavorativi, con l’Italia. Per tutti gli italiani all’estero che forse leggono questo blog, vorrei inoltrare questa pagina di eurocultura.it:

 “Da qualche tempo constatiamo che la nostra consulenza viene richiesta sempre di più da persone che non vogliono fare semplicemente un’esperienza a tempo limitato all’estero. No, vogliono lasciare l’Italia per sempre. Vedono il proprio futuro lontano dalla patria, lasciandosi alle spalle situazioni del tipo: “sono stufo di essere preso in giro”, “non sopporto più questi stipendi da fame e questa precarietà”.
Raramente qualcuno si fa avanti con idee positive da realizzare fuori dall’Italia. La cosa più importante sembra la spinta a scappare via da una situazione insoddisfacente. L’emigrazione viene spesso vista come il gesto magico col quale si raggiunge tutto quello che a casa non c’è: stipendi buoni, stima del proprio lavoro, ambiente pulito, traffico ordinato. 

Muoversi, però, spinti da motivazioni “negative” è rischioso. La delusione è dietro l’angolo. 

Appena mettiamo il naso fuori dai 15 paesi dell’Unioni Europea, incontriamo i vari “Bossi-Fini” stranieri. Ogni paese ha le sue misure di “autodifesa” per ostacolare l’arrivo degli stranieri. Il numero chiuso c’è dappertutto, anche nei nuovi 10 paesi dell’Unione, che per qualche anno ancora richiederanno un contratto di lavoro già firmato prima di alzare la sbarra di confine, come tra altro facciamo anche noi con loro. (hey amici di eurocultura, questo é superato, per tutti i nuovi membri UE, dal decreto Amato di fine luglio 2006, nn leggete il mio blog)

I quattro paesi del “dream team”, cioè Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda, attuano una rigida selezione basata su qualifica, esperienza lavorativa, età, lingua ed altro.
Sono veramente pochi i fortunati in grado di dimostrare di possedere tutti questi requisiti e possono, perciò, costruirsi una nuova vita oltreoceano. 

Mete spesso richieste sono anche l’America Latina e i Caraibi, i quali, però, non hanno bisogno di lavoratori stranieri se non portano soldi da investire. È vero che in questi paesi ci sono parecchi italiani ma spesso con un visto turistico e di conseguenza illegale se lavorano. Rischiano di perdere lavoro, casa, famiglia e futuro se qualcosa va storto. 

Ma l’inserimento nella vita sociale locale rimane sempre difficile per chi è straniero, in caso di crisi sono i primi a perdere il lavoro, la banca è restia a dare un credito o un mutuo. Addirittura l’assicurazione della macchina può costare di più perché il proprietario è straniero. 

Tutte cose superabili, come hanno dimostrato in passato migliaia di italiani. Ma, senza avere una forte motivazione positiva per emigrare, si rischia di naufragare negli infiniti meandri sulla strada dell’integrazione e di tornare a casa disillusi, incassando una sconfitta bruciante. 

Emigrare significa oggi avere un progetto chiaro da realizzare. Può essere la vita in mezzo alla natura, può essere l’utilizzo delle proprie capacità, può essere la costruzione di qualcosa che a casa è impossibile, può essere l’affinità culturale. 
Solo così, guardandosi allo specchio, si trova conferma dell’idea di una vita nuova: “Faccio bene ad andarmene”.

 

L’Ungheria in piazza – venerdì 2.2 sera

Ripartenze 

Come ai vecchi tempi, oh che bello, si prende il filobusz che va verso Kossuth tér verso le 20.00 ( allora che c’è il pienone in piazza) e il filobusz ci lascia al capolinea provvisorio di Honved utca, alle spalle della piazza, perchè non può proseguire..

Allora si gira e si vede in piazza tanta gente imbandierata (non tantissimi, un migliaio circa, ma così tanti nn se ne vedevano dal23 Ottobre) e tutta diversa e di tutte le età, uomini coi baffi e il figlioletto sulle spalle, teste rasate, bandiere dell’estrema destra, facce pulite e belle ragazze..

Si, va bene, la piazza è stata transennata di nuovo e dietro le transenne ci saranno un centinaio di poliziotti col loro casco scuro, dei bei bomber invernali e maschera antigas, e dietro di loro ancora un alto centinaio, e altri ancora; ma di fronte han rifatto un palco improvvisato con in vista una bandiera magiara e il numero 139 (i giorni dall’inizio dell’occupazione della piazza), e a Nador utca, la via laterale, fa troppo freddo per i tavolini all’aperto dell’Irish pub, ma il pub accanto, (dove domenica scorsa ho visto con 4 gatti l’Ungheria eliminata dai mondiali di pallamano con un gol all’ultimo secondo della Russia) è stasera stracolmo di gente che beve birra e guarda Hir TV, il canale all news che segue in diretta non stop l’evento, come ha seguito le manifestazioni dell’autunno scorso, prima che una bella legge le impedisse di trasmettere immagini in diretta per turbare l’ordine pubblico.

Tutto è tranquillo per adesso, la manifestazione è pacifica, ma a girarci in mezzo la sensazione è strana, si sa già quel che è successo e quel che può succedere.

Siam grandi ormai. Tutti noi al di qua e al di là della barricata. Eppure ci guardiamo negli occhi.

Ringraziamo Orban Viktor per aver ridato il via ai giochi.

 

Dio benedica il magiaro