Dormivano per la tristezza

“infine me ne andai a letto: quando uno è malato di solitudine è la cosa migliore che si puo’ fare”(M. Twain, le avventure di Huckleberry Finn)

“Feeling sorry for myself I ate in front of the TV set and went to bed early” (M. Richler, Barney’s version)

 

A tutti quelli a cui capita di andare a dormire prima, perché ci si sente tristi e non si sa perché, oppure lo si sa eccome..

Ora è Primavera e splende il sole fino alle 7 e la domenica passeggio pei parchi, in buona compagnia. Prima invece, nelle scure e tristi domeniche pomeriggio mi aggiravo per le sale del Szepmuveszeti Muzeum, il Museo delle Belle Arti di Budapest.

La collezione permanente del Museo è semplicemente gratis (ovvero mi danno un biglietto a zero fiorini) e la collezione di primordine, uno dei grandi musei europei. Potevo permettermi allora di essere selettivo: una domenica la parte egizia, un’altra i dipinti fiamminghi, un’altra l’espressionismo tedesco. E ogni volta mi stupivo della lunga fila per la mostra temporanea di Van Gogh (6 euro), con un discusso parallelismo tra qualche quadro di VanGogh e qualche quadro di artisti ungheresi che dovrebbero averlo influenzato (?? Che sia questa l’oscura origine della sua pazzia??)

Una delle chicche della collezione permanente è la sezione spagnola “la migliore raccolta fuori dalla Spagna”. Tra i capolavori un “Gesù sul monte degli ulivi” di el Greco, perfetto per questo periodo paquale, dove però Gesù è illuminato dal divino, ma piccolo piccolo in alto sul monte e in primo piano ci sono gli apostoli invece che dormono sui sassi, tutti storti e a bocca larga. Evidentemente el Greco era rimasto colpito da Luca 23.13 (+ o -), vangelo di oggi: “.. poi andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza”. Ed allora anche a el Greco deve essere capitato di sentirsi solo e triste e trovarsi a dormire presto e a lungo mentre viveva…

Il Vangelo di Luca poco dopo dice anche: “questa è la vostra ora, è l’impero del terrore”: questo è scrivere!, altro che stati canaglia e madri di tutte le guerre e terre di mezzo.

Diceva Singer: “Dio è uno scrittore di commedie”. Uno scrittore ispirato, a volte.

 

Advertisements

One thought on “Dormivano per la tristezza

  1. Pingback: Budapest si fa bella | L'altra Budapest

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s