Brothers?

Avrò avuto ventun’anni. Mi chiese A., mentre eravamo in macchina, dalle parti di Quintino Sella, “se dovessi abbinare una cosa da bere ad un genere musicale, per una serata ideale che diresti?”. Ma Guinness senz’altro, disse il cucciolo che era in me, “e la musica?, ma dillo senza pensarci.” Beh, allora Guinness e del rockabilly, rispose sempre il cucciolo che era in me.. E allora quando avevo letto su pestiside.hu di un imperdibile festival delle band rockabilly di Budapest al Godor klub, (uno dei posti dove la vita a Budapest diventa vita culturale e vita notturna insieme) e mi ero morso le mani che non ci ero stato, mannaggia.

Ieri invece mi han proposto in tempo di andare sempre al Gödör per il festival zingaro e accetto volentieri.

Divertente, tanti canti, balli, musica zigana, tutti a ballare nella grande sala interna o sulla pista accanto al bar al suono delle più famose band zigane. Dentro anche mostre di quadri e fotografie. Fuori in quella specie di auditorium postmoderno creato come ingresso del Gödör, sotto Erzsèbet tér, piazza Sissi, ancora danze e teatro, tavolini, posti in prima fila per famiglie cigane. Dall’1.00 disco. E tanta altra gente fuori, sulle panchine e attorno al laghetto artificiale della piazza, con i palazzi liberty del kiskorut e dell’Andrassy in lontananza dietro gli alberi, tipo Central Park a Nuova York. Tutti ballano e si divertono e sorridono in questa calda serata budapestina direbbero le cronache.

E’ la New York di oggi, di inizio secolo, o qualche decennio fa non saprei, ma doveva essere proprio così con i bianchi del luogo che affollano i posti dove suonano questi dalle pelle più colorata, e dove la birra costa cara, per sentirli suonare che sono proprio bravi a suonare e ballare e hanno la musica nel sangue.

E con i bianchi del luogo che guardano questa gente, venuta per qualche motivo nella terra dei bianchi e pensano siano cosi’ strani, e parlano la nostra stessa lingua, ma con un accento strano, e qualche battuta poco piacevole se non razzista può anche scappare.

Magari si chiamano anche fratelli fra loro, anzi no.., quelli eravamo noi bianchi (“fratelli” usato spesso, insieme ad “amici” e “compagni”, quando tutti erano fratelli sotto il comunismo).

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s