l’orrore, l’orrore

sono stato interessato solo ad una cosa in particolare, alla morte. Niente altro. Sono diventato un essere umano quando all’etá di 10 anni ho visto morire mio nonno, che a quel tempo era la persona che amavo piú di chiunque altro.Solo da allora sono stato un poeta, un artista, un pensatore. La grande differenza che divide i vivi dai morti, dal silenzio della morte, mi ha fatto capire che dovevo fare qualcosa. Ho iniziato a scrivere versi. … Per me, l’unica cosa che ho da dire  é che sto morendo. Non provo altro che sdegno e ribrezzo per quegli scrittori che hanno altre cose da dire: sui problemi sociali, le relazioni tra uomo e donna, le lotte razziali… Mi rovina lo stomaco pensare alla loro ristrettezza mentale. Che lavoro superficiale che fanno, una cosuccia, e ne vanno pure cosí fieri.”

(Kosztolány Dézsõ) dall’introduzione di Eszterhazi  all’edizione inglese di Skylark)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s