Domani sarà inverno.

A Giugno – Luglio Budapest si permette una due settimane di vera afa e temperature vicine ai 40. Anche questa è Ungheria. A Giugno Luglio di quest’anno nell’ascensore di un grande istituto, mentre sono in compagnia del mio conoscente Istvàn, entra una signora di mezz’età. Si lamenta, che caldo, insopportabile, mamma mia che caldo, non ce la faccio più. Istvàn è nervosetto ed è ungherese, ma di Nagyvarad, che da quasi 100 anni ormai è territorio romeno, e si chiama Arad. Istvan: “gli ungheresi si lamentano sempre, prendi i soldi: se nn hanno soldi si lamentano, se ce li hanno, si lamentano perché devono fare di tutto per nasconderli e tenerseli cari”. I romeni invece nn hanno una lira (romena) ma sono felici lo stesso. Son poveri, ma scendi pure da noi e mangiamu insieme e si beve u bicchiere di vinu e chissenefrega. Dunque Istvàn nell’ascensore è nervosetto e risponde secco. “E’ estate! (Certo che deve fare caldo n.d.r.) domani sarà inverno.”

Oggi è già domani, ed è inverno e nevica, e l’ungherese è  fedele a se stesso. Fino a 2-3 settimane fa era una stagione fredda abbastanza mite ed era piacevole tenersi il cappottino da mezza stagione addosso. Ma guai a parlarne in giro. “Eh già, fa caldo e nn fa freddo. Il freddo uccide i germi ed io invece ho il raffreddore e trovo i moscerini se lascio un bicchiere mezzo pieno d’acqua in cucina”. Ora invece nevica e si batte i denti dal freddo anche al mercatino di natale in mezzo alla folla, il termometro per strada segna -8 alle 4 del pomeriggio e neanche son curioso di vedere al tg che freddo fa alle 5 di notte, ma saran -15. Almeno nevica, l’anno scorso nevicò solo a fine febbraio, certo la neve è bella, la vista sui tetti dalla mia finestra è dolce dolce e qualcuno porta il figlio con la slitta in mezzo a Kiràly utca, ma “il comune è povero e nn sa fare le cose, nn spalano la neve e le strade si riempiono di fango appena la gente circola per le strade..”. A se vivessimo in fondo al mare, almeno lì nn ci sarebbero questi problemi..” ma che ci vogliamo fare. Signori miei, “E’ inverno. Domani sarà estate!”