Basta con le elezioni..

Apro la cassetta della posta una volta alla settimana, anche se mi piace, perché mi fa sentire proprietario di qualcosa, di una chiave, anche se ho paura perché chissá cosa ci sará come quella volta che c’era una lettera col marchio del comune e tanti timbri e invece era solo il documento di domicilio che mi veniva consegnato…

 

Apro la cassetta delle lettere una volta alla settimana, mi scrive lam UPC, poi la Főgaz e l’Elmű (e anche questo si capisce, El)poi mi arriva Erzsebetváros, la rivista di Erzsebetváros, il mio quartiere, e Thema, giornale gratuito un pÓ filogovernativo, un pó cronaca rosa e nera che mi arriva gratis.

Ma siamo sotto elezioni e mi aspetto di vedere la cassetta inondata di posta, va bene che siamo sotto l’era digitale e accanto al mio facebook c’é il partito che google crede debba fare pubblicitá a me, ma il mio palazzo ha anche persone discretamente anziane che ordinano per posta l’apirapolvere nuovo e magari con loro funzionerebbe la pubblicitá cartacea.

Invece a parte qualche simpatico fascista coi colori nazionali che mi dice che il movimento sta diventando un’onda niente o molto poco. oh si, c’é anche il faccione di Orban che mi ricorda che  lui é giá il presidente in carica e gli ungheresi lo fanno meglio.

Il problema é che di elezioni nn si parla, son diventate inutili, c’é un solo partito, nn fa exploit e nn fa sfracelli, si puó solo votarlo o nn votarlo, se combina diasastri si scende in piazza e si assalta la sua villa col cesso d’oro. e lo zoo.

annulliamo le elezioni, nn servono.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s