Nei giardini del castello…

Ultima forse delle grandi inaugurazioni (in ordine sparso: piazza del parlamento con nuovaanzivecchia statua di Kossuth bianco e imbronciato, OlimpiaPArk, statua del tenente Colombo, linea 4 della metro, nuova piazza della stazione, piazza Erzsebet e sicuramente dimentico qualcosa…)* ecco l’inaugurazione del Varkerti Bazar. Se una cosa ci voleva era il VarkertiBazar, una cosa che nn si riusciva neanche a definire, assi, graffiti e vetrirotti, un passato recente anni 80 da “Centro della Gioventu” con fantastici video su youtube di giovani in cravattino nero e gonna a pieghe a muoversi e oscillare e ballare l’alligalli o piu recente rock ani 70. NUn bel nome antisonante, il bazar dei giardini del castello con mosaici e affreschi, leoni in pietra all’ingresso e grandi scalinate, come lunghi tornati di montagna, per costringerti a guardare il danubio e dall’altra parte il palazzo reale di lassù, monumentali e basse per nn coprire  il panorama, ma belle belle per essere alla pari col lungodanubio neoclassico di Pest, quando a cavallo del 900 Buda era la sede dei ministeri della nova capitale gemella di Vienna..

Da quando son qui assi, graffiti  vetri rotti, e una zona che nenache a volerlo si riusciva a percorrere lungo Buda dal ponte delle catene al ponte elisabetta,e pensare che giusto il lato di fronte è il centro centro della città interna d Pest…

Ci arrivo con la nuova metro in questi giorni che posso… scendo da Rakoczi tèr, l’ex piazza delle mignotte… l’ingresso nella nuova metro d qui sembra sempre piu una discesa agli inferi con tutto questo cemento, questi cerchi e queste grandi scritte on le città di Rakoczi e queste grandissime scale mobili. cemento e scale mobili maestose, la metro del 2100 e risalgo a SzentGellert tèr giusto dopo il Danubio e quindi una delle stazioni piu profonde con i muri color ruggine e tutti quegli assi portanti di cemento incrociati a vista, che a Dicks del Vittula col suo panciotto pare di essere in un film del dopoguerra di entrare in una fabbrica segreta di un misterioso superarmento nucleare…

 

C’è pure una statua nuova, qui sopra, Cseh Tamas, il Gaber ungherese con la chitarra a tracolla tipo viandante hippy anni70, la dedica di Beremeny Geza, regista di Eldorado, suo grande amico e uno degli uomini di cultura fedeli sostenitori di Orban il Vittorioso. Due vecchine la guardano. Mi scusino ma questa è nuova giusto? Si.

Una fermata di 18 con una donna un po’ in carne  e senza trucco che nn smetto di guardare e scendo vicino ai Giardini del Castello. la struttura è enorme e si estende per quasi tutta la lunghezza del palazzo reale, ben rinnovata, ma transenne e tavolini tondi con tovaglie bianche fuori da inaugurazione.. solo al portale si può salire, ecco i mosaici e gli affreschi restaurati, finalmente dopo 9 anni di onorata militanza a Budapest posso salir su queste scale.. mi aspetto in cima una specie di grande spiazzo con i portici alle spalle, e tanta eleganza.. invece sol terra, terreno e vanghe, i lavori nn son terminati, ma le sale interne si. E’ pieno di hostess, capelli raccolti e gonna blu scuro appena sopra il ginocchio. Molto sexy per il mio amico famoushungarianpervert.com.Che ci sarà stasera? mi apsetto concerti e libagioni, ma no Caro amico torni domani autorità e inaugurazione della mostra nelle sale interne… nn posso che sorridere al fascino della divisa..

A lato c’è una scala, una scala mobile, porta al palazzo reale, da dove un tempo gli asburgo e il palatino accedevano dopo il tranquillo viaggio in traghetto. Un cartello avvisa: la scala mobile funziona in un solo senso, da qui si può solo salire. Filosofico.

This slideshow requires JavaScript.

*vien da pensare perhè diavolo abbiano inaugurato Ferenciek tere o l’Accademia d Musica Liszt fErenc nei mesi scorsi, pura follia, Orban vuol proprio perdere voti…

2 thoughts on “Nei giardini del castello…

  1. Pingback: Nei giadini del castello | L'altra Budapest

  2. Pingback: Rinasce la Scuderia Reale di Buda.. – L'altra Budapest

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s