Domenica 4.3. Duelli televisivi a chi?

duello TV Horn Gyula – Orban Viktor, elezioni politiche 1998, guardate che giacca Viktor…

bene, eccoci al voto, dopo una campagna elettorale italiana povera e noiosa, candidati che sono corsi come un treno a prometter l’impossibile, fino all’ultimo poi in lunghi soliloqui davanti a giornalisti paludati e conduttori tra cui forse il solo Mentana ha avuto la statura di tener testa a nonno Silvio. è mancato il dibattito, il faccia a faccia, il duello o anche i classici 3-4 politici in studio a confrontarsi e quasi nn ce ne siamo accorti. un 18enne penserà che sia questo la normalità e nn il guardarli tutti e due insieme e decidere chi ha raggione.

Giusto oggi su index.hu lo stesso argomento, ci si accorge anche in Ungheria che l’ultimo “duello televisivo” è del 2006, guarda caso da quando è iniziata l’era Fidesz, è una stupida usanza che nn si tiene più, semplicemente è inopportuno “perchè non c’è nessun candidato della sinistra con possibilità di governo.”

Sappiam tutti che in campagna elettorale chi è in vantaggio deve nascondersi e chi insegue attaccare, del resto come in tutti gli sport che si rispettino.  e del resto la storia della democrazia ungherese è stata anche segnata dagli scontri televivisi a 3-4 giorni dal voto, sempre con Orban protagonista, spesso come fiero sfidante contro l’entourage socialista. si arrivò alle combattutissime elezioni 2006 (col paese spaccato in due, bei tempi) con un faccia a faccia Gyurcsany-Orban davanti a un caffè e poi prima del doppio turno tutti i leader di partito.

c’era un tempo in cui l’Ungheria coleva sentirsi giovane libera e democratica, coi dibattiti in TV e le saponette. ora addirittura son più di 10 anni che, a parte brevi dichiarazioni, Orban nn rilascia interviste ad organi di stampa che non siano i suoi. Democrazia ungherese 2.0

Advertisements