Perché Orban vince?

25 minuti in radio a Radio Capodistria, nel programma “I divergenti” (in fondo al file, clicca sulla radio o sul link, da 1.29.00) per cercare di spiegare come e quanto ha vinto Orban . E perché. E che effetti avrà sui suoi vicini di pianerottolo, sui paesi di Visegrád, sull’Europa, sul futuro del mondo.

Egészségetekre.

Link: http://4d.rtvslo.si/arhiv/i-divergenti/174531837

Napoli-Roma

Ho avuto un imprevisto, sono arrivato al  bar italiano un pelino tardi. nessun posto, le solite facce bigie. me ne vado. Dai vetri di un posto per turisti a Liszt Ferenc tèr vedo che la partita è su Digi2. c’è, anche se il partitone è Arsenal-Manchester Utd. Allla bettola sottocasa la seconda TV ha il calcio tedesco. Chiedo a Evi se la vede qualcheduno. Si, lui. Ma si, vediamo Napoli Roma. La bettola era colorata e rumorosissima. Ed Evi piu grossa che mai. Il tizio uno di quelli che beve succo d’arancia. segno che sei un postalcolista o un depravato. Al primo gol esulto. Sai sono di vicino Napoli, dico. allora mi dice qualcosa in italiano. Parli un po’ di italiano? no, io parlo italiano. e tu sei italiano? ti facevo ebreo. o al massimo serbo.

gli anni del maiale

Di che segno sei? – Maiale ascendente topo

(Diego Abatantuono e Stefania Sandrelli, Ecceziunale veramente)

.

27 gennaio, giornata della memoria. in prima mattinata su Rai2 passa Perlasca, con Luca Zingaretti, l’uomo d’affari italiano di stanza a Budapest che si finse console di Spagna per salvare migliaia di Ebrei ungheresi  nel lontano inverno del ’44. un eroe o una spia o tutte e due,  peccato che Wallenberg è diventato più famoso. Girato nel 2oo2. Un soldato nazista tenta di stuprare la bella ebrea. Il suo fidanzatino raccoglie un coltello a serramanico da terra e lo uccide piantandoglielo nelle spalle. La storia cambia. la scena del delitto è in posto grigio e polveroso, cortili bassi e grigi collegati da un lungo passaggio. il Gozsdu udvar, com’era nel 2002. Oggi insegne luminose pub, locali, la parte più figa della città.

 Italia e Ungheria unite nella memoria.  In italia han mandato teste di maiale a istituzioni ebraiche, si sa ci si diverte con poco e maiale è chi maiale fa.

il fatto è però che io vivo in Ungheria e l’Ungheria è un po’ la patria del maiale, quasi ogni famiglia di Budapest ha un parente in provincia con una maiale che ammazza due volte l’anno e l’economia si deve basare sul maiale. Certo ci sono stati i grandi lavori pubblici, il fiorino debole e le nuove fabbriche di automobili, ma la terza gamba per risollevare l’economia è il maiale sottoforma di generosi sgravi fiscali sui derivati del maiale e aumento del consumo di salsicce e costolette di maiale. Homer Simpson adorerebbe l’Ungheria..

nn mi stupisco allora se  alle tre teste di maiale italiane io associo i piedi di maiale messi nel 2009 sul monumento all’olocausto a Budapest, lì sul lungodanubio, alle spalle del parlamento e che se poi cerco il link perchè nei blog tanti link sono obbligatori ritrovo anche giusto 2 anni fa altri bei piedi di porco sul monumento di Wallenberg nel centenario della nascita.  la mia memoria è questa.. certo piccoli atti di una banda di goliardi, ma il problema ci si dice è nn dimenticare, nn chiudere gli occhi e nn giustificare

avevo in realtà in serbo dei vecchi appunti di qualche giorno fa che mi ero tenuto buoni per il giorno della memoria… gli appunti dicevano: “Alla radio leggono un pezzo di Furio Colombo,  ci si prepara con buon anticipo alla giornata della memoria, l’importante è andare preparati e nn affidarsi solo alla memoria a breve termine… Si parla dei diari dell’ambasciatore USA a Berlino, all’indomani dell’ascesa democratica di Adolf Hitler, erano anni in cui l’estrema destra faceva paura un po’ in tutta europa, ma si sa l’Europa ha forti radici democratiche. Ambasciatore: Non vogliono ricevere i nostri dplomatici perchè sono ebrei… Washington: Non importa, cambiamoli con dei non ebrei, è un fenomeno passeggero, non si preoccupi, passerà, la crisi finirà e saremo tutti più felici, ricchi, lavoreremo e saremo meno incazzati.

altri stralci  1933 Hitler è al potere ma la maggioranza dei tedeschi non lo ama. 1938 è incredibile come la popolazione sia così solidale col regime..  potere della propaganda e della buona amministrazione..

l’articolo si chiude con l’esortazione a tenere gli occhi aperti, l’esempio che pone Furio Colombo è l’Ungheria, terra di grande cultura e tradizione dove ora è tornato l’antisemitismo….. bene l’Ungheria sta diventando famosa, ci si candida Berlusconi, forse e  la cita il capo dei forconi come mito ed esempio da imitare.. Ma forse qui il grande Furio Colombo forse si sbaglia, l’antisemitismo non è tornato, giusto non se ne è mai andato e ora è uscito appena allo scoperto, è rimasto giusto sottotraccia, come un po’ in tutti noi del resto,  chi vorrebbe del resto un ministro nero e pure preparato in parlamento? è che non hanno visto le figlie. sono bellissime (foto)

il giorno in cui i nazisti ebbero paura della folla con la stella di Davide gialla sul petto..

Qualche impressione al volo sulla statua di Horthy svelata oggi sugli scalini dell’Hazateres temploma a Szabadsàg tèr e la contromanifestazione di protesta….

La sensazione che ho tornando a casa è strana, nn mi era mai successo di vedere quelli di Jobbik in fondo temere la folla che gli si assiepa contro, per di più in buona parte con delle belle stelle di Davide gialle al petto.. molto più numerosi (qualche migliaio contro qualche decina), comunque incazzati, e ben organizzati. Curioso vedere Jobbik per l’occasione non movimentata in tutti gli attivisti come son cosi bravi a fare di solito. In fondo solo un bandierone e gruppi di 3-4 bande e qualche nostalgico della sua infanzia felice ma poco piu. Più o meno un centinaio contro qualche migliaio dall’altro lato. Poi qualcuno che sembra stato chiamato in gran fretta..

Un plauso poi al  servizio d’ordine interno della protesta, spuntato dopo un 10minuti con un ulteriore cordone accanto a quello della polizia. Gente dura e pronta e grossa, nn come la poliziotta alta 1 metro e 53ultima dela fila della polizia, forse professionisti. Bene così. Quando la polizia invita a sciogliere la manifestazione, loro eseguono liberando la strada ma una buona parte della gente resta sui marciapiedi (tanto che sembrava un flashmob per altri mezzi), e poi subito scioglie la manifestazione dopo che tutto era finito e i poveri fascisti rimanevan là aggrappati alla statua ma in fondo circondati..

Leggo di tensione all’interno della chiesa… e dunque  per questo tardavano a uscire e liberare il povero reggente del lenzuolo.. Alla fine è stata una messa infinita, dalle 10 che è iniziata son scesi dalla chiesa solo alle 12.15 e han fatto tutto in fretta, e poi son rimasti là, a guardarsi negli occhi e a parlamentare con la polizia.. E poi quell’eterno scampanio, come a morto, durante i discorsi diffusi da un altoparlante che per fortuna non  si sentivano bene o un po’ quando capitava, unica risposta alle grida di chi protestava. Belle grida, spontanee. “Nazik háza” (nazisti a casa, riprendendo il Ruszki haza-russi a casa- del ’56) che è già molto bello. “Házaarulò” (traditore della patria – classico epiteto usato dalla destra) che è ancora più bello. “Többen vagyunk” (siamo di più) che era la verità. “Megvárjuk”e “Nem hagjuk” (aspettiamo fino alla fine e non molliamo) promesse mantenute. “Bünös Horthy” (Horthy colpevole, classico epiteto usato dalla destra durante il ventennio) neanche questo era male.. Un paio di volte dagli altoparlanti parte l’innonazionale. Per protesta innonazionale anche dall’altra parte.

In fondo siamo a Szabadsàg tèr e qualche turista che decide di andare dal Parlamento alla Basilica passa anche di qua.. Arriva una turista francese bionda ossigenata con figlia, fa qualche foto col suo ipad, ma nn capisce molto. Le spiego che sveleranno la statua di Horthy il reggente dell’Ungheria nel ventennio, un dittatore. Capiscono. Appena se ne vanno quello accanto a me mi dice, ok, va bene, ma la prossima vlta nn devi abbellire (szepiteni) il discorso. Dì subito che è un nazi. Annuisco.

E’ rimasta ancora molta gente. Ora sono accanto a una simpatica famiglia, con una ragazza in sedia a rotelle che urla Nazik haza. Ci si fronteggia ma nn si è armati. Anzi si. Nelle manifestazioni moderne si è armati di strumenti di ripesa, macchine fotografiche, videocamere. Ce le si punta contro. Anche la camionetta della polizia lì parcheggiata nn ha mica il cannone ad acqua in cima ma una bella telecamera  e i vetri oscurati. Sembra la Conversazione di Coppola.  Anche se sei abbastanza defilato le videocamere sembrano tutte contro di te.

Ecco una coppia di turisti, italiani. Qui è più facile. Horthy è il Mussolini ungherese. Certo con le dovute differenze. E chi c’è al governo?. Provo a spiegarlo. Beh come in Italia. Forse si o purtroppo no.  Ma vi immaginate un busto a Musollini a piazza del popolo? Ah si giusto…

Dopo un tempo infinito col fantasma di Horthy lì davanti col suo lenzuolo finalmente scendono i grandi uomini e la statua eccola risplendere tra boati di fischi e i cori Eljen Horthy (viva Horthy) dei fedelissimi. Passa un ragazzo, straniero. Che succede? Provo a spiegarlo—Ma a questa gente piace il dittatore? Vedi, a quelli sotto le bandiere si. A quelli dietro la polizia no. Capito. Inizia a piovere. Campane a morto. Nn è stato un bel giorno. Per nessuno.

 

i miei potenti mezzi nn sono un gran che, ma spero che questo video renda un po’ l’atmosfera.. http://www.youtube.com/watch?v=8-7o-Vb0QCE

 

l’Europa è unita nella pace e nello spirito. Viva Adolf Hitler! Viva la Germania! (Nyiro J.)

(E’ una di quelle volte in cui vorrei solo esporre i fatti che sono sufficienti, ma poi nn ce la faccio allora forzo la mano e la butto sull’ironia..)

il giugno di Budapest si colora sempre di rosso e di nero, i colori dell’estate, si sa, i colori dei ribes rossi e neri che si vendono al chilo al mio mercato. quelli neri sono più grossi e dolci, quelli rossi sono belli da vedere negli strati delle torte, costano uguale. Rosso e nero, qualcuno ci ha anche fatto un libro, un gioco d’azzardo popolare, un partito politico.  la politica, quella c’entra sempre..

C’è che ogni anno verso maggio-giugno qui nella bella ungheria esplode una bella polemica sul tema della maturità. troppi scrittori ebrei, no volevo dire solo scrittori ebrei, no lasciatemi esprimere meglio, se mettete uno scrittore ungherese di religione ebraica o uno scrittore ungherese la cui famiglia di origine è ebraica ovvero c’è ufficialmente un giudeo fino al secondo grado di parentela,  allora se sono questi gli scrittori che formano la nostra gioventù magiara, dovremmo inserire nei programmi scolastici anche i nostri grandi scrittori ungheresi di Transilvania che tante belle pagine hanno scritto sul popolo magiaro e ora sono ingiustamente esclusi perchè il comunismo e il post comunismo (la differenza sembra nn l’abbia avvertita nessuno) li hanno tacciati di essere fascistoni e antisemiti.. Accanto a Spirò ed Eszterhàzi rivogliamo Wass Albert la cui bella prosa recitata da un vero ungherese in audiobook mi fa sognare mentre guido al tramonto in autostrada.

la parola italiana è revisionismo, si iniziano a dedicare statue e piazze  al “controverso” capopolitico del ventennio, mise le leggi razziali e nel 20 ci fu una delle prime leggi in europa antiebraiche, restringendo il loro numero di matricole all’università, ma è anche certo che salvò molti ebrei. fa niente se qualcuno ci marcia sopra, se qualche ubriaco picchia un anziano rabbino o se un parlamentare dell’estrema destra (Jobbik) si fa fare il test del DNA per mostrare a tutti con orgoglio che nel suo patrimonio genetico nn ci sono i geni giudei o zigani. (però il test per la coglionaggine però nn ha osato farlo (n.d.a.)).

in settimana poi il premio nobel Elie Wiesel, (uno di quelli che si fa fatica a definire; ebreo (tedesco?) di transilvania (Romania) nato lì quando la transilvania era ungherese diciamo così)  rifiuta un’alta onorificenza avuta dal governo ungherese perchè Kover Laszlo, il secondo uomo più potente di Fidesz, quindi del governo e del parlamento e dell’Ungheria partecipa in veste uffiicale alla cerimonia del ritorno a casa delle ceneri di Nyiro, scrittore, transilvano, ungherese, anche ministro quando le croci frecciate (il partito filonazista) andò al potere nell’epoca d’oro, il favoloso 1944.

C’è stato un bello scambio di lettere (altro che le lettere di Veronica a Repubblica). caro sig. Kover la stimo molto, ma Nyiro era un gran fascista e antisemita. Egregio sig. Wiesel, nn era nè fascista nè antisemita. e poi abbiamo un famoso filosofo marxista che nn è stato messo all’indice e allora perchè fare due pesi e due misure (a saperlo prima…, se nn ci fossero state le foibe nn ci sarebbero stati i forni crematori).

ho uno corrispondenza privata (oggi si dice chat) l’amico  amico storico C.A. : Alessandro tu nn capisci l’universo transilvano e i poveri ungheresi di transilvania, certo sono passati 100 anni, ma sono ancora pochi per assorbire il trauma di nn essere più col passaporto ungherese, in fondo hanno semplicemente portato le ceneri al paese natale. si a esagerando è ua reazione eccessiva.

il mio amico S.L. ungherese di Transilvania, invece mi cita il passo in cui Kover dice che anche Ceaucescu gli aveva dato la pensione da scrittore già negli nni 70. ma si chiama fuori.

oggi qualcuno “nel mondo dei blog e dei social network” prova a mettere una frase virgolettata per chiarirci le idee:

“Confusion about Poetry Day at Weimar. The latest article says: The Third Reich has also arranged a Poetry Day in Weimar in which invited poets from the eleven Central and European nations will take part. Hungary will be represented by the Transylvanian writer Jozsef Nyiro. Nyiro in his statement to the press said: ‘We are witnessing the spiritual rebirth of Europe. I, like the rest of Hungarian literature, am happy to be able to take my part in this spiritual development. Earlier in the church I saw a beautiful painting in which Luther is pointing out the verse in the Bible that declares that we will be washed clean by blood. It is blood that will cleanse Europe. The nations of Europe are discovering each other and drawing together in the name of peace, of soul, and of spiritual revival. I support this enterprise with my heart and soul. Long live Adolf Hitler! Long live Germany! Long live the German Society of Authors!’ ” (1941)

quando chiedo la fonte è bella ma poco attendibile, è tratta dai diari di Radnòti Miklòs, un grande poeta, triste e sensibile, ungherese, ma ahinoi ebreo, morto in un campo di lavoro, era il favoloso 1944.

 

 

il mio amico Harp

Alle volte capita che ritorno agglegeny (una specie di scapolone che ama vivevere per i cazzi suoi senza una donna) e mi ritrovo a nn voler ritornare subito a casa e ad entrare nella kocsma vicino casa per una birra in pace.

Accanto a me ci sono tre che giocano a carte, di mezz’ètà, dall’aria saggia, ma con sguardi e muscoli di chi ne ha viste tante. A un certo punto uno di loro fa: “per cortesia, canti a voce più bassa se è possibile…”. Nella scala di valori magiara queste parole sono pesanti come pietre e 15 minuti dopo il poveraccio, mezzo ubriaco che stava mettendo musica nel jukebox e la cantava a voce alta si ritrova sbattuto fuori in strada, con la sua bottiglia di Aszok (la birra più economica) e l’immancabile busta di plastica che questa gente si porta appresso.

Poi il kàrtyazò (giocatore di carte) torna al tavolo come se niente fosse e gli amici nn gli dicono niente. Io allora mi concentro di nuovo sul 90esimo minuto del campionato francese che il grandeschermo della kocsma sta generosamente trasmettendo, quando si avvicina un tipo con una felpa arancione, capelli ricci un po’ sporchi e occhiali tondi tondi moltopiugrandidegliocchi.

“Parli inglese?” mi fa. “Beh si” rispondo. Continua..”stiamo insieme? parliamo? sai io sono solo..” lo guardo, interdetto, e a ragione, poi “Sai io sono polacco, sto qui da poco in città, abito da queste parti e questo è il bar più vicino, sono entrato per caso, mica conosco qualcuno”

allora si siede.. è polacco di Varsavia, anzi di Lublino, meravigliatissimo dal sapere che io a Lublino c’ero stato, e anche a Zamosc, che è li vicino, lui va tre volte all’anno in Italia, perchè il padrino (cioà il padrino di battesimo) della ragazza è di Italia. bene, ora ci conosciamo, anch’io metto nel discorso la mia ragazza e ora tutto è a posto.

Anzi no, manca il che fai nella vita, orbene lui è artista, è giustappunto qui per una mostra delle sue opere, 3 mesi in una galleria. Alla domanda innocente: “Dipingi?” mi guarda come se avessi chiesto qualcosa di molto stupido.. “Che domande Alessandro, dipingi, cosa vuol dire dipingere.. se vuoi comunque nella galleria c’è uno che ha fatto una monografia su di me grande così..”

E’ un artista, deve fare domande, mi dice, mi chiede che cos’è l’Ungheria,e perchè e che posti frequento. Quando esce dal cesso anch’io gli domando allora che ne pensa della tragedia che ha colpito la Polonia, il presidente Kaczynski (morto insieme a tutto lo stato maggiore, e poi ministri, sottosegretari, nello schianto dell’aereo del Tupolev presidenziale in una nebbiosa mattina di Marzo mentre si recavan a Katyn, a rendere omaggio alle salme di un’altra classe dirigente polacca decimata….)

“bene alessandro, ma prima dimmi tu cosa ne sai.., che ne pensi..”

“cosa vuoi che ti dica, caro amicone polacco, proprio mentre andavano a Katyn, tutti insieme, e poi han sepolto Kaczynski, figura comunque molto controversa, proprio nella cattedrale del Wavel, a Cracovia, accanto ai re di Polonia, a Casimiro il Grande..” annuisce ma ha un sogghigno-..

premette che lui mica amava Kaczynski ma poi domanda calmo: “E tu pensi, alessandro, che sia stato davvero un incidente?” mi offre da bere un altro korso e va a pisciare, anche se sulle porte sono dipinte calze a rete e mocassini chiede a me dove entrare..

quando torna replico.. “Beh han trovato le scatole nere, le condizioni meteo erano molto cattive il pilota ha fatto un atterraggio molto difficile..” ma lui è molto scettico “sai io prima di essere artista ero un ingegnere aeronautico, qualcosa ancora me la ricordo, ho visto il materiale reperibile su internet e anche solo da quello si capisce che ci sono molte cose che nn vanno” mi fa qualche esempio, pezzi di carlinga inspiegabilmente a distanze siderali o qualcosa del genere… capisco, poi serio: “E allora l’hanno ucciso! e chi è stato..?”

mi rigira la domanda: “Secondo te?” e che ti devo dire: “i russi, i tedeschi?” “oh come sei antico Alessandro, ancora ragioni con queste vecchie categorie, con gli stati nazione, pensa in grande..” allora penso in grande: “mit tudom èn.. Gazprom? gli Ebrei, il sistema radar nell’europa centrale?” “ma no, ahah, io amo gli ebrei”

pausa

“ma tu conosci HARP?”

(Harp??? sembra un telefilm americano anni 80 con un pupazzo che vive in una famiglia semiborghese col padre nero… il mio amico Harp..)

provo a pensarci, “no davvero nn lo conosco.” OHIBO’! “Non conosci Harp? com’è possibile, pensavo fossi una persona che sa certe cose…” e io”Ma davvero, nn so cosa sia..” è sconcertato “Incredibile, tutti sanno chiè Harp, mi meraviglia CHE TU NN LO SAPPIA, davvero, scusa se ti dico certe cose. (pausa) E allora ti devo dire tutto io…”

E inizia la storia di Harp. la prende un po’ alla lontana “Tu sai chi è Tesla vero alessandro? Bene Tesla fu il primo scienziato ad iniziare certi esperimenti per la trasmissione di energia nell’alta atmosfera… poi dopo la seconda guerra modiale uno scienziato ebreo [gli ebrei, lo sapevano che c’entravano gli ebrei] ha ripreso i suoi studi e ha sviluppato la cosa, e alla fine è nato HARP, una specie di arma potentissima, che c’entra con lo scudo stellare americano, in mano ai potenti della Terra, pero’ la cosa nn è mai stata resa pubblica perchè HARP è un’arma troppo potente. si potrà persino traferire tantissima energia premendo un bottone nella propria tasca..,,,”

E’ cosi’ che ho scoperto chi ha ucciso veramente Kaczynski

La mattina dopo  mi sveglio stanco e con un gran mal di testa. Il mio primo pensiero è: “sa anche il mio numero di telefono.” (aveva promesso di invitarmi alla sua mostra in galleria.” ma poi almeno mi rassicuro, “almeno nn sa dove abito”

 

Arcsil Szulakauri

Quando mi trovo al bar di Angelo, ho una mezz’oretta libera e un velo di tristezza nel cuore, mi ritrovo a ad andarmene quasi senza accorgermene verso la vicina Nyugati, la stazione orientale, e scendere le scale verso la metropolitana.  In ungherese si dice aluljaro, sottopassaggio, che qui collega la metro e la stazione, mi turo il naso e scendo. In genere vado dritto in fondo. Proprio di fronte all’ingresso del Westend, l’enorme centro commerciale dove l’italiano in vacanza si fa un giro a caccia di plazacica (gattine da centro commerciale) c’è uno che vende libri a basso prezzo e io mi dirigo proprio lì.

Il negozio di libri avrebbe anche  un piccolo stand dove si vendono romanzetti rosa o thriller storici come le edicole, ma il pezzo forte sono 2 grandi casse in compensato, più alte che larghe, dipinte in nero in cui butta libri di seconda mano. Tutto a 100 fiorini, 40 centesimi di euro. Il lavoro del titolare è giusto quello di riempirlo ogni tanto quando è arrivato quasi a metà e incassare 100 fiorini al pezzo. C’è sempre qualche curioso che rovista nel mucchio, per il semplice fatto che ci puoi trovare qualcosa di buono. E’ qui che mi sono fatto un’intera libreria di libri di lingua, tedesco, francese, russo ovviamente, libri di viaggio, qualche classico della letteratura ungara, anche un libro di barzellette ebraiche, che tengo sulla scrivania a Bari:

la battuta che ricordo meglio è “rabbino posso fumare mentre leggo la Torah! – certo che no, è peccato. Rabbino posso leggere la Torah mentre fumo? Certo, è bene leggere la Torah in qualsiasi occasione.”

oppure c’è questa: “Il commerciante Guld in treno. Un altro passeggero gli fa: Perché viaggia senza sua moglie? Ma, risponde lui, è buona norma non portare mai con sé troppe cose inutili che puoi trovare anche durante il viaggio, al bisogno..”

  Il momento migliore è ovviamente quando l’ha appena riempito, e i pezzi migliori sono ancora disponibili, mentre in fondo restano sempre gli atti di qualche congresso medico romeno e “perché il calcio ungherese è malato” dell’88, stampato evidentemente in un numero enorme di copie allora, perché lo ritrovo sempre, ma sempre attuale dato il recente MTK-Fenerbache 0-5 delle qualificazioni per la champions league. Ci vuole anche una certa tecnica, che i più esperti mostrano di padroneggiare,si scava sempre in una direzione ammonticchiando in un angolo uno sull’altro secondo una torre perfetta i libri che via via non interessano. In genere le casse hanno dunque un buco al centro e i libri ordinatamente messi uno sull’altro lungo i lati. Accanto c’è uno dei posti dove la budapest proletaria piazza un panchetto e una scacchiera e giocano ore intere.

Chi non ne vuole sapere della polvere ripiega sull’Antikvarium “Eiffel” a metà strada tra il Westend e la metro, accanto alla kocsma (bettola) dell’aluljarò, che da poco si è un po’ aggiustata. Questo è un vero Antikvarium, ha i libri di seconda mano sugli scaffali secondo la sezione letteratura e le altre sezioni,sport, giardinaggio, etc.  ma ha all’ingresso due bei banconi con libri a 100 forini. La scelta è limitata, ma alle volte può dirti bene e non c’è polvere. Qui ho scoperto Moldova Gyorgy. Il secondo bancone però è stato da poco alzato di tono, i libri sono di qualità media migliore, ma costano 200 o 300 fiorini. Ma a luglio, ho notato una scatola di cartone, a terra, fuori dal negozio, con una scritta a penna 50 fiorini. Dentro qualche numero della “Modern Konyvtàr” la “biblioteca moderna” le edizioni economiche di stato dei bei tempi, per la verità abbastanza eleganti nel loro stile asciutto, ogni numero con la copertina monocromatica, una banda nera al centro, una citazione. La biblioteca moderna comprendeva, a quanto mi par di vedere, quasi solo scrittori dei paesi fratelli del patto di Varsavia e dintorni, tutti nomi che a me non dicon niente e che magari mai son stati tradotti in italiano. finisco per sceglierne 3 o 4: Lojze Kovacic (il retro dice scrittore sloveno nato in Germania…); Wiktor Woroszylski (polacco), Arcsil Szulakauri. Magari fra questi c’era il nuovo Hemingway, ma è nato nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Magari l’ultimo, Arcsil. Arcsil Szulakauri è georgiano, e quindi ora di grande attualità e appena è scoppiata la guerra ho provato a leggiucchiarlo per rinfrescare le mie conoscenze di letteratura georgiana del novecento (chi cazzo sarà). Il suo libro è ambientato a Mtacminda (la nuova Macondo?), ai piedi di Tibisli, il protagonista Dato Maramidze è un adolescente, esce con gli amici, ha tanti sogni, guarda i grandi per capire come affrontare il mondo. Mirian è suo fratello maggiore, un bravo ragazzo, è andato in guerra contro i tedeschi, lo avevan dato per morto, invece era in un campo di prigionia. E’ stato anche a Magadan. Mirian ora è tornato a casa, è sempre il bravo ragazzo di sempre come se lo ricordan tutti, ma un po’ chiuso e isolato, come chi è stato tanto tempo all’estero e ha tante esperienze che non può dividere con nessuno..

Ho scritto la trama in questo modo, vuol dire che è un buon libro, vuol dire che il buon Arcsil scrive bene e non è mai banale, se l’arte è tale quando racchiude più livelli interpretativi, questo è il mio, quello di un espatriate italiano a Budapest. Il libro si chiama “il pesce rosso”, non so come andrà a finire, come la vita, l’amore, come la guerra, che sappiamo com’è finita ma che ne sarà di NATO, Georgia, Ossezia e Abkazia nei prossimi mesi mica lo sappiamo ancora..

 

Szzenes Hannah

 

In, Talk Radio il grande Eric Bogossian (attore, scrittore, autore statunitense di radici armene ed ebraiche) è il conduttore di un filo diretto con gli ascoltatori, senza filtri. Lui ha una parlantina incredibile, ma  all’ennesima invettiva antisemita e fascistoide si blocca e fa: “Ci siamo un po’ fermati”. Esce dalla radio e nel parcheggio uno lo ammazza. Il film finisce così.

Anche il blog si è fermato, ma io sono ancora vivo. E si che avevo tante cose da dire, fatti grandi e piccoli, sfilate paranaziste per le strade, tanto buon Vittula, nuove scoperte e invenzioni, e pure stretta di mano con Monicelli Mario, dViareggio 1915. Ho avuto da fare, da lavorare e da correre su e giù. Pian piano finirò a raccontare la ricerca della casa, ma la buona notizia intanto è che non son finito sotto l’Arpad hid, ma a 10 minuti dal mio vecchio indirizzo, sempre nel mio amato VII distretto. L’indirizzo dice Josika utca (via Giuseppina) ma l’edificio si affaccia in verità su una piccola piazza intitolata a Szenes Hannah. La piazza è triangolare, all’angolo con via Rosa, ed ha al centro una brutta fontana dei bei tempi della repubblica popolare, con sul bordo una dedica alla libertà del popolo, in mezzo una statua in bronzo di un giovane che infilza con una lancia una grossa serpe (e somiglia incredibilmente a una statua di Torre a mare frazione di Bari; ma qui il muto autore non si è ispirato all’ex sindaco di Bari Simeone per il soggetto). Chi mi viene a trovare gradisce la mia casina, ma anche la piazza, gli alberi, i mattoni rossi, il silenzio tra gli scuri palazzi di Pest.

Mi fa però Balint: chi sarà Szenes Hanna? Ma, sicuramente sarà stata un’ebrea si risponde, questo quartiere era tutto ebraico un tempo (e il nome è stranuccio, da ebrei magiarizzati n.d.r.); d ove abitava lui, qua dietro, c’eran le stelle di Davide. Infatti qualche giorno dopo mi manda un link: Szenes Hannah, poetessa ungherese di origine ebraica. Come Kertèsz Imre, premio Nobel per la letteratura 2001, come Molnar Ferenc, quello dei ragazzi della via Pàl, il romanzo ungherese più noto all’estero, ma forse non troppo ungherese, non veramente ungherese. Hannah è morta nel ’44 a 23 anni. Non dovevano essere tempi allegri, commentiamo. Il mio Josika invece era uno dei generali della rivolta antiasburgo del 1848, come Damjanich.

Curiosando tra i recenti numeri dell’Herald Tribune oggi però’ mi imbatto e traggo coraggio per riprendere da qui il blog in: “Memoriale di eroe dell’olocausto commemorato in Israele

Il memoriale di Hannah Szenes, ebrea ungherese, catturata e uccisa dai nazisti nell’Europa occupata, è stato trasferito di fronte alla sua vecchia abitazione in un Kibbutz, di fronte al mare, a 60 anni dalla sua morte. La giovane Szenes nel ’39 emigrò in Palestina (illegalmente, il mandato Britannico, scoraggiava l’immigrazione) e si legò a un kibbutz nel nord del paese. Aderì poi alla formazione clandestina sionista Haganah, e fu inviata nella Yugoslavia occupata e da lì nella sua Ungheria per aiutare chi era rimasto. Era il 1944, Hitler aveva rovesciato il maresciallo Horty (il Mussolini ungherese) ed aveva instaurato un suo governo fantoccio. Per gli ebrei fino ad allora relativamente risparmiati (solo negazione dei più elementari diritti e stelle di Davide al braccio), erano iniziate le deportazioni verso i campi di sterminio.

.Fu catturata mentre cercava di attaversare la frontiera e giustiziata in un carcere di Budapest il 7 Nov. 1944. Aveva 23 anni. 550.000 degli 800.000 Ebrei che vivevano in Ungheria furono uccisi durante l’Olocausto. Dopo la guerra la sua salma fu portata in Israele, nel cimitero del monte Herzl, accanto ai leader politici e militari israeliani. Szenes è conosciuta in Israele per la sua opera poetica che riflette i valori della vita nei kibbutz. La sua ultima lirica, trovata nella cella dove fu rinchiusa nei suoi ultimi giorni si conclude con i versi: “Ho scommesso su quello a cui tenevo di più. Ho tirato i dadi. Ho perso.”

La prossima volta attraverserò la piazzetta più fiero.

E cercherò di scommettere sul 7. E’ meglio

Uomini e no

Ho scoperto per caso all’Istituto di Cultura Cesare Pavese e sono ancora sotto perchè almeno fino ai 26 anni c’è più di qualche tratto in comune nelle nostre storie. Allora ho preso il libro più famoso di Vittorini, il suo rivale letterario dell’epoca, “Uomini e no” un libro sui partigiani nell’inverno del ’45 a Milano (trovato anche a 40 centesimi nell’edizione ungherese: Milanoi rapszodia. Szikra Kiadas Budapest 1949).

Verso la fine quando i nazisti han radunato a San Vittore un po’ di gente sospetta perchè a quei tempi era giusto che ne dovessero morire 10 per ogni tedesco, leggo questo dialogo tra militi:

– Cos’è? – uno domandò – un barese?
– No, no, è di Monza
– Così scuro? sembra un barese
– Invece è di Monza
– E perchè? – domando’ un milite – porta le pantofole?
– Si vede che nn guadagna abbastanza da comperarsi le scarpe
– Non poteva mettersi nella milizia?
– E’ qui per la politica.
– E’ qui per la politica?
– Io credevo fosse un ladruncolo. E’ qui per la politica?
– I militi guardarono più attentamente Giulaj che ora stava rispondendo alle domande dello scrivano..
– Padre
– Vincenzo
– Madre
– Parisina
– Parisina come?
– Disse un milite: Cioè è contro la milizia

(Il barese Giulaj è li perchè ha ucciso il girono prima uno dei cani del generale tedesco e morirà sbranato dai cani)

Viste le seguenti considerazioni:

1) Il Giulaj (cazzo pure un nome quasi ungherese)
2) Al ritorno in Ungheria ho portato con me dei mocassini estivi eleganti e scarpe di cuoio dell’inverno in condizioni pietose da distruggere definitivamente  e ci sto riuscendo molto bene, son spaccati al tallone e 2 bei buchi nella suola e tagli di lato.
3) Sabato una tedesca taciturna all’apparenza lesbica mi ha detto: You are not italian (sono barese, cara) forse nn avevo i baffi neri come si aspettava. (qualcuno disse temete sempre le persone silenziose)
4) Alla parola cane mostro i segni che mi ha lasciato sul braccio destro un simpatico rottweiler anni fa e cito “Naked” di Mike Leigh: “I cani sono cattivi o stupidi”.
Ho imparato che can che morde si dice -harapos kutya-
4) Alla milizia preferisco la malizia
5) Sono tempi in cui militi della terra di Bari muoiono nel deserto senza ragione vera

Io ho una paura FOTTUTA.
(E il libro l’ho riconsegnato oggi.)

Kertész e Primo Levi

Per noi italioti che sappiamo chi era Primo Levi e abbiam letto “Se questo ő un uomo”, leggere Kertész é una lettura doppiamente significativa.
Primo Levi ha 25 anni, fresco di laurea (in Chimica), mentre Kertész ne ha 15 con le grandi speranze, una vaga idea del mondo dei grandi e osserva quel che succede con lo sguardo ironico, intelligente e paraculo che a volte possono avere gli adolescenti, (é in fondo ragionevole fare una doccia appena arrivati dopo il viaggio di 3 giorni e 3 notti in un vagone sigillato no?), ed é per questo che ha preso il Nobel.

Nel ’44 Kertész aveva 15 anni e come molti qui a Budapest (compresa il mio ramo egittologo) parlava anche tedesco ed era poi dell’idea che i Tedeschi, qualunque fosse la loro opinione sugli ebrei, in fondo -come del resto tutti sapevano- erano persone pulite e per bene, che amano l’ordine, la puntualitá e il lavoro, e che sanno apprezzare anche negli altri le stesse qualitá. 

Lascia la scuola per il “lavoro obbligatorio” allo stabilimento della Shell a Budapest, poi va a lavorare a Buchenwald e dintorni. Ma prima sta 3 giorni per lo smistamento a Birkenau. Il ragazzo ci dice che rispetto a Birkenau a Buchenwald nn si sta poi tanto male e c’è poco da lamentarsi a ben guardare: è un campo di concentramento e nn di sterminio (ci sono solo 2 ciminiere con del fumo qua), gli ebrei sono raggruppati per nazioni e una volta a settimana c’è pure la zuppa di latte.

Come in Levi la lotta furiosa per mettersi in coda alla fila per la zuppa, cosi’ la zuppa è quella del fondo + densa e i più ammirati e temuti son i concentrati di lungo corso, i greci di Salonicco di Levi, qui sono i Finlandesi? cioè gli ebrei delle’alta Ungheria, ebrei che nn si sono assimilati e nn parlano ungherese ma yiddish (vi ricordo che il finnico appartiene alla stessa famiglia linguistica del magiaro, ma nessuno qui ci crede perchè per loro e’ assolutamente incomprensibile), ed entrambi si salvano perchè han la bravura di ammalarsi ma nn morire alla fine dell?inverno del 1944-45 (Kertész giusto una lieve dissenteria, scabbia e un ginocchio spappolato) e aspettare il domani dentro all’infermeria.

Se ricordo pero’ Levi conclude che ora il compito dei Salvati è la testimonianza perchè quello che è accaduto mai più accada.
Kertész invece a Budapest, sul tram lo ferma un giornalista, parlano un po’, gli da’ un bigliettino, voglio intervistarti, cosi’ racconti tutto dell’Inferno dei lager.
ma lui pensa che nn sa cosa sia l’inferno, la vita nei lager quella sì che era reale, e straccia il bigliettino appena il signore si allontana. Reale come una cosa realmente accaduta, mica come l’inferno.
E Kertész è stato 10 anni per giungere alla stesura finale di Essere senza destino, come il libro della vita, il libro che vuoi assolutamente scrivere e scrivere senza ripensamenti.

Kertész (Imre)

Domani la Betty ci lascia, dopo 14 mesi di onorata presenza a Budapest, e dunque oggi si beve tutti insieme in un posto adatto, che so il Szimpla o il Vittula.

Il Vittula è uno dei posti più nascosti di Budapest, una tana per spie e pocodibuono ed ho l’onore di spiegare io alla budapestina Olgi che è su Kertèsz utca, all’altezza di Dohàny utca, nella parte più scalcinata del vecchio quartiere ebraico.

Dohány vuol dire tabacco (via del Tabacco, uh!), Kertész nn so chi fosse. C’è un Kertész importante pero’ nella storia ultima magiara e che e’ di recente entrato nella mia biblioteca personale qui, per gentile prestito dell’Istituto italiano di Cultura, ed e’ il premio Nobel per la letteratura 2002, primo Nobel della categoria a un ungherese.

A dispetto del nome Imre che a me par turcofono, Kertész è ungherese di religione ebraica e il suo libro + importante, oggi a casa con me in un giorno di riposo assoluto sul mio lettino, è il racconto autobiografico attraverso i campi di concentramento e i campi di sterminio istituiti nel corso della seconda guerra mondiale dalla Germania, che allora aveva assunto il nome di 3o Impero Reich tedesco.

Ricordo ai lettori che negli anni 20 un ammiraglio della Marina Ungherese (Marina che ancora esiste e pattuglia il Danubio, aspettando di riavere Fiume e l’Adriatico) si dichiarò reggente (di un re che nn c’era) e instaurò una dittatura di destra filonazista. Poi nel ‘44 quando la situazione degenerò la Germania occupò per davvero l’Ungheria ed iniziò la deportazione degli ebrei.

Appena aperto il libro una brutta sorpresa, il romanzo è stato scritto in tedesco, del resto prima di diventar famoso faceva il traduttore dal tedesco, e sono un pò deluso che il Nobel ungherese scrivesse in tedesco. Solo dopo la 5.a ripassata mi accorgo che è Feltrinelli che ha preso i diritti e l’ha tradotto dal tedesco. Chissà perchè. mentre il titolo originale è il magiarissimo “SORSTALANSAG” e che quindi lui scriveva in ungherese.

SORSTALANSAG è un bellissimo titolo esempio di come le lingue in cui è facile costruire parole composte possano essere evocative se ben sfruttate (SORS= destino, TALAN=forse*, SÁG=desinenza per i sostantivi) e allora SORSTALANSÁG suona come destinoinforsetudine, ovvero essere senza destino.

 

*talan/telen sono i suffissi per fare la negazione (ügyes=bravo, ügyetlen=inetto, imbranato), ma questo l’ho capito solo anni dopo., quando ero meno idealista..

In Germania la negazione dell’Olocausto è un reato perseguibile penalmente.

17.4
Ieri era il giorno dell’Olocausto. Si commemorava l’inizio della deportazione degli Ebrei in Ungheria durante l’occupazione nazista. Ma occupazione è un termine sbagliato, l’Ungheria era un buon alleato dell’Asse, per questo la sua storia fu strana: qui la ’Soluzione finale’ iniziò molto tardi, nel ’44, ma dall’altro lato il Governo, cioè gli Ungheresi, collaborarono di buon grado da bravi alleati.

Ci sono state catene umane, fiaccolate, discorsi del capo del governo e del leader dell’opposizione.
Ovviamente c’è stata pure una bella e pacifica manifestazione di teste rasate al castello di Buda, quando si dice che si fa solo pubblicità a loro e bisognerebbe nn parlarne proprio, forse qui capisco perchè.

Il corteo (che in genere si dice colorato, ma mi sa che era piű nero del nero) si è fermato di fronte all’ambasciata tedesca che ha sede là sulla collina del Castello. Han protestato contro l’incarcerazione del camerata ungherese Zundel Ernst. Il signor Zundel sconta in Germania una condanna a 5 anni per aver negato l’Olocausto.

La negazione dell’Olocausto in Germania e un reato perseguibile penalmente

Un paese difficile da comprendere (E. Deaglio)

Oggi c’era Deaglio all’Istituto di Cultura Ebraica, che poi è dietro casa, in Revay utca. 
L’hanno invitato per parlare d Perlasca, e lui ne parla bene, e sono un po’ contento che quest’uomo buono, preparato, e nn scemo ci rappresenti qui. 

Parla di Perlasca e cita senza sforzo i nomi di Budapest, la sinagoga a Dohany, la Kiraly utca e si vede che mentre scriveva il suo bel libro su Perlasca qui c’è stato per davvero e un po ha girato e un po’ gli sono familiari questi luoghi..

E un po’ anche mi conforta quando sento dire anche da un bravo giornalista quale lui è:
“diciamo la verità, l’Ungheria e un paese difficile da comprendere