finale di regina

io sapevo solo che c’erano tanti concerti lì al parco del popolo, al Népliget, (ma quando ci arrivo, con grande fatica, perchè ci arrivo senza pagare il tram),  il parco del popolo è strapieno di tantissimi stand, una specie di majalis (la fiera-baraonda che si fa il primo maggio al Varosliget) c’è pure una ragazza con un boa enorme attorno al collo (giura che era enorme)pagliacci, Dart Veder, auto d’epoca socialista, gara delle magliette bagnate e almeno 3 palchi con musica dal vivo, manca solo berlusconi insomma.. 

Dopo tutta questa baraonda, stanco, di una stanchezza eterna, che mi fa pensare al senso della vita, mi trascino a prendere una lattina di sanissima birra Borsodi e mi piazzo sotto un albero, ben dietro gli stand, ma un po’ rialzato che si puo’ sentire per bene la voce rocker della cantante del gruppo che ho scelto di ascoltare..

nn so da quanto nn mi stendevo sotto un albero. dopo un par d’ore che faccio per andarmene vedo su un tavolo lungo delle scacchiere, ci metto un po’ a capire che è una simultanea,  dai su gioca che c’è posto, dai, si, è na campionessa che gioca contro tutti, ma dai che ti diverti.. sono stanco e ho attacchi di ansia dalla mattina, ma mi siedo, conl’orribile sensazione di trovare strano avere davanti una scacchiera con pezzi veri sotto un albero anziche giocare contro uno sconosciuto che ha solo un nome di comodo e nn so neanche da quale parte del mondo venga, guardando una scacchiera sullo schermo..

[ok, è il mondo che va così, quando hanno chiesto al numero uno delle liste FIDE, la federazione internazionle degli scacchi, insomma il più forte, un ragazzetto norvegese di 20 anni, Magnus Carlson, che scacchiera ha a casa, pare abbia risposto, si, devo averne una da qualche parte..]

insomma sono al parco, emozionato e con la testa troppo leggera per la birra. per di più la signora apre di donna, e io rispondo con la mia difesa indiana di re, che ha un certo fascino, ovvio, e di cui ho capito appieno i principi generali, occupare la diagonale scura, fare attaccare al centro per contrattaccare violentemente sul lato i re, ma che ha tantissima teoria che nn conosco assolutamente, e difatti la variante della signora, con un fianchetto anche lei, mi è ignota.

si possono fare due partite, finiscono per essere quasi uguali, alla fine cambiamo i pezzi, e vince il finale, sconfitte onorevoli in fondo, ma accanto a me un ragazzo che mi pare di conoscere la batte e la signora inizia a perdere colpi con altri due o tre che si trovavano a passare. la signora ha 83 anni, ha uno sguardo gentile ma deciso che fa molta Ungheria, si aggira in piedi tra i banchi, mentre noi siamo seduti. Strano in fondo che abbia ripetuto la stessa apertura contro di me, dico il fianchetto contro l’indiana di re, in genere variano per provare nuove cose o varianti insolite nel loro repertorio, contro umili dilettanti.

tra i ragazzi che fanno parte dell’organizzaizone c’è un DVD a 2 euro, un dokumentumfilm come si dice qua sulla signora, 83 anni, il risvolto di copertina dice che si chiama Sinka Brigitta, nata nell’Ungheria profonda, maestro di scacchi (una specie di titolo di elite nazionale) ha giocato anche contro grandi campioni come Korchnoi e Bobby Fischer (e Grimaldi ora).

passa uno un paio di volte da me, si stupisce come nn abbia vinto, eppure sembravo averla messa in difficoltà, poi vengo a sapere che la signora gioca queste simultanee lì al Nèpliget da un 8 ore buone e ne avrà ancora fino alle 21.30. a tutti dice dopo la partita, se vuoi puoi farne 2, vai a ritirare un ricordino, lì dai ragazzi, mentre completa lei stessa e firma il cartellino della partita.

quando la cerco su google, apprendo che la signora dopo aver giocato a livello professionistico per 50 anni, si è accorta di potersi far certificare 12000 partite di scacchi e vuole arrivare a 13000 con queste simultanee per entrare nel libro dei record.

in giorni in cui mi interrogo sul senso della vita, chissà se Brigitta abbia trovato la risposta o se stia concludendo la sua nel vortice di una passione, compulsiva come gli scacchi sanno essere piu di tante altre, che la fa stare 10 ore in piedi mentre dietro di lei inpazza un concerto metal (vero erano a 30 mt da noi scacchisti…)

FOTO: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.2137299666819.116558.1075926659

 

 

Advertisements

?Perchè sono qui?? (Alla ricerca di Bobby Fisher)

L’uomo se lo chiede da quando era appena venuto al mondo e guardava le stelle, ma anche l’expatriate a Budapest se lo sente ripetere sempre, perché sei qui?. Qualcuno ha una risposta facile, una donna, una ragazza o una moglie, una madre ungherese, un lavoro, ma spesso  è la gente meno interessante, quella che qui ci è costretta a stare, che se fosse a Copenhagen o Berna o a Capetown sarebbe uguale, che qui sopravvive controvoglia. Per gli altri la risposta  è più difficile, spesso molto personale. La prossima volta che me lo chiedono giuro che non dico la verità e rispondo come il mio amico Roy, irlandese, che a una ragazzetta capitata per caso al Vittula ha risposto: “Mah, ho sbagliato treno” semplice. “Volevo andare a Praga, ma ho preso il treno sbagliato, la sera prima avevo bevuto un po’ troppo, sono irlandese.” La ragazzetta secondo me capiva il giochetto, ma lui continuava “e cosi’ sono arrivato alla stazione, esco fuori e dico<<Oddio dove sono…, dove andrò a dormire stasera..>> sono andato in giro, mi è piaciuta la città, sono rimasto..” Semplice ed elegante.. L’altro giorno me lochiede un tipo, un americano, un giovine amico di Steven. Io dico qualcosa, qualcosa di incontestabile. E tu? Poi gli faccio.. Il giovane (ficko) tentenna. Steven allora dice che è un campione di scacchi, sai abbiamo tutti una vita segreta, io per esempio, prosegue Steven, io per esempio contrabbando animali rari, la mia specialità son le lucertole.. di 2 metri”

Il giovine invece è davvero un campione di scacchi, un professionista, gioca in un club di scacchi, è qui da 3 anni.. Budapest è la città migliore al mondo dove giocare a scacchi, mi spiega, certo i Russi sono i giocatori più forti al mondo, ma la Russia è così grande che sono troppo dispersi, cosi’ si possono incontrare difficilmente, Budapest invece è il centro in cui si raduna non solo tutto il movimento scacchistico ungherese, ma anche le grandi scuole della regione, gli jugoslavi, i tedeschi, i bulgari, etc. Anche se vai a Mosca lì c’è un grande torneo internazionale solo 3-4 volte l’anno, a Budapest ogni mese.. Budapest è la capitale mondiale del mondo scacchistico..

Per chi vive a Budapest gli scacchi sono quelli alle Szecheny, nelle vasche esterne, o quelli delle stazioni, a Nyugati o  a Keleti, dei budapestini spesso con le pezzealculo che giocano su panchetti di cartone, penso a lungo a comne porgli la domanda… “il livello di quelli lì com’è?” mi sembra buono.. dice mica male, a volte gli capita di vedere qualche Gran Maestro, qualcuno davvero forte forte che si ferma, in incognito, e sbircia interessato,

Il suo idolo è Kasparov, l’ultimo grande dal gioco brillante e dal sangue bollente. C’è un video su youtube con la sua ultima partita, a ogni mossa esulta o si dispera, si mette le mani tra i capelli, tifa che l’altro sbagli.. L’ultima partita fu contro un bulgaro, Topalov, uno alto e pelatino. Ne so qualcosa in più anch’io e mi sono un po’ appassionato perché ai primi dell’anno è morto Bobby Fischer, forse il più grande scacchista del XX secolo, Di nome lo conoscevo e poi in quei giorni mettendo Hungary sul motore di ricerca di Budapest ero capitato giusto nel necrologio di Bobby Fischer. Che cazzo ci faceva a Budapest? A 13 anni vinse il campionato americano, a 14 fu il Gran Maestro più giovane di sempre, a 18-19 campione del mondo, il primo a battere gli imbattibili russi, in un’epico scontro con Spassky nel 72, im campo neutro a Rejkiavik. Poi impazzì, Sparì o quasi. Bobby Fisher ha vissuto a Budapest per una decina d’anni, enny. Il posto migliore per giocare a scacchi abbiamo detto no?.

Io sono il campione dell’Hummus Bar, battevo sempre Juan, ho sbaragliato i regulars de Vittula e una volta ho battuto uno nelle terme Maria furdo si Szeged. Credo che basti no? Ma qui gli scacchi appaiono sempre in qualche trafiletto sul Nemzeti sport, che ci avvisa di come va Lekò nei tornei internazionali, Lekò è il miglior giocatore ungherese di oggi, 2-3 anni fa fu lo sfidante ufficiale al mondiale, contro Kramnik, è tra i primi 4-5 giocatori al mondo. Un tipo perfettino, con l’aria da Clark Kent bigotto, gli occhiali tondi dorati e l’aspetto serio serio, inutile dire che il suo gioco è perfetto e monotono, è molto forte nei finali.. No, l’americano studia poco le partite di Lekò, lui preferisce Polgar Judit, anche lei nell’elite mondiale, tra i primi 10, che una volta ho visto in un’intervista,  una tipa carina, estroversa e aggressiva, come il suo gioco. Ovviamente se la vorrebbe fare.. Bobby Fisher visse a Budapest presso la famigla Polgar, ora tutte e 3 le figle sono Maestre di scacchi.. gli avrà insegnato per bene, dunque.

 “Per me Bobby Fisher è vissuto fino al 1972, poi nn mi interessa.” L’amico di Steven ha una camicia blu scuro cangiante, sembra di seta e una cravatta slacciata viola. Tutti gli scacchisti del mondo vorrebbero essere il nuovo Bobby Fisher. Certo che poi fece una fine da leggenda, da leggenda del rock,  chiedeva somme di denaro sempre più grandi per giocare, inventò tanti di quei cavilli per la difesa del titolo contro Karpov, e gli fu tolto. divenne sempre più ipocondriaco, antisemita, anche se era di famiglia ebraica. Dopo un giro in Yugoslavia quando era sotto embargo e non si poteva andare lì, gli Usa gli mandarono il mandato di comparizione, ci sputò sopra davanti alle telecamere. Lo trovarono in Giappone, ando’ illegalmente nelle Filippine, poi l’Islanda gli offrì protezione, fino alla morte..

Chissà che cosa ha fatto dopo essere impazzito, se giocava ancora ed era forte.. Lui mi racconta la leggenda che corre: sul sito più famoso di scacchi on line, in cui giocano anche tanti gran maestri, per allenarsi, comparve circa un 5 anni fa uno che aveva come nick: “A very strong player”, giocò solo pochi giorni ma batteva tutti, anche i gran maestri, con una facilità sorprendente, ci sono anche computer che ogni tanto giocano qui ma i programmi appositi stabilirono che non era un computer, aveva uno stile aggressivo, come Bobby Fisher, era forte, fortissimo,  e nella chat dopo quasi ogni mossa scriveva messaggi intimidatori tipo: “Che schifo di mossa.. Stai per perdere.. Hai fatto una cazzata, e ora ti distruggo”

tutti sono sicuri che fosse Bobby..

Quando morì ero per caso alle Szecheny a guardare quelli che giocavano. Sentii questi discorso:

          “Hai saputo, è morto Fisher?

          Si

          Era forte?-

          Ma, insomma…

 

L’Apertura della Primavera

La primavera qui a Budapest è arrivata sabato, arrivata cosi come deve arrivare Primavera, sole e temperature più miti cioè sopra i dieci gradi. Il fozelek falo ha messo i tavolini all’aperto, non c’è piu lo strato di neve dura e compatta sul campo di calcio vicino al lavoro ed io ora quando esco di casa lascio il cappellino a casa che nn mi bisogna più coprirsi la testa.

E’ Primavera e ci si torna a sedere e giocare a scacchi di domenica sugli scrannetti di pietra bianca che spuntan qua e la per caso fuori dalla metro di Baross tèr.
Mi siedo li a guardare a rispettosa distanza una partita, due belle facce, due generazioni diverse, una sigaretta tra una mossa e l’altra, all’aperto, per rilassarsi nella prima domenica di primavera.
Quando vo fuori sulla Rakoczi ut mi accorgo che la gente che parla ma a voce bassa.

Noi italo-spagnoli parliam a voce alta. Perchè siam friendly, aperti e gioviali.

In treno mi si siedono accanto 2 ragazze, tra un paesino e un altro, sono una di fronte all’altra e parlano, ma io nn le sento, i loro occhi sorridono ma e come un sussurro, muovon appena le labbra e cinguettano dolci e delicate, e il nostro cuore si apre e in questa calduccio primaverile sembra la cosa più giusta del mondo bisbigliar sottovoce in fra di noi.

Sara ma da oggi ora so cosa dire quando son con gli ungheresi e devo dire una cosa carina su queste genti.