la mia Budapest è un muro

La mia Budapest da 10 giorni è il muro davanti alle finestre di casa. Da 12 anni vivo in questa casa. ho sempre amato la vista delle mie finestre. Quando sono arrivato qui c’era un mercato di frutta e verdura, provvisorio. Vivevo nel quartiere e venivo qua a far la spesa. Poi il mercato si è trasferito nella piazza dedicata e un po’ dopo mi son trasferito qua. Abitavo al primo piano, ma avevo la vista sui tetti (era solo un piano) della struttura abbandonata, sono un romanticone, faceva molto Budapest, storia della città sotto casa. È arrivata la crisi, la ripresa. L’hanno abbattuto in 3-4 anni con molta calma e ora davanti alle finestre ho un grande spiazzo vuoto, bianco, con 2 camion tecnici e una di quei grandi muri di mattoni rossi bello lontano che fa molto Budapest. La città è li in un angolo, un incrocio, qualche passante molto molto in lontananza. Ogni tanto. Nn riesco mai a capire se sono molti o pochi. #stateacasa.

bricks mattoni wall muro budapest Covid

Le chiavi

Come si fa a perdere le chiavi di casa in questi giorni? Ieri ce l’ho fatta. Cosa c’è di più sacro in questi giorni, quale la nostra unica difesa, il nostro fortino da difendere con i carri in circolo, gli arcieri con le frecce infuocate mentre donne e bambini sono al sicuro? La casa. Bene ierimattina all’alba torno a casa con le buste della spesa cariche, avvisto due tizi nella piazzetta sottocasa, li aggiro passando per il parco, fò una scrollatina alla tasca della giacca, sento tintinnare qualcosa ma son monete, mi fermo, mi frugo pian piano cercando di mantenere la calma, ma niente. Inizio allora freneticamente a travasare una busta nell’altra nella speranza che sian li, arance, cavolini di bruxelles, fagiolini, lamponi surgelati (ho deciso di combattere il virus con le vitamine, so che forse riuscirà a sfondare le difese del castello, ma lo aspetto al varco con un valido esercito di anticorpi ben allenati) niente. Panico. Continuo a farlo davanti alla porta di casa, escono degli operai, mi intrufolo, frugo ancora, vedo la ragazza del terzo piano scendere le scale il suo cane pulcioso, lo fa 4-5 volte al giorno, qui nn è cambiato niente, ho visto l’altra vicina rientrare a casa con due uomini che sembrano gli zii della provincia che hanno un’impresa di ristrutturazioni interni, quale momento migliore per rifare il parquet di casa. Le lascio le buste, corro al supermercato, poi al secondo (ho trovato code lunghissime e avevo provato a cambiar esercente, da Despar a Penny Market cambia poco, vuoti gli scaffali di pasta, pomodori pelati, conserve varie, anche la crema di fegato, legumi secchi, le penne liscie ungheresi sono le lenticchie gialle). Nel mentre chiamo amico uno poi amico due, no, i doppioni delle chiavi ho avuto la brillante idea di riprendermeli, ora ce li ha una mia amica che in genere è a Budpaest ma che ora è a 100km da qui, pratico no?

Mi permetto il lusso di una scenata alla Mario Merola davanti alla tipa del Despar che mi dice, qualcosa tipo io nn ce le ho in tasca, cazzi tuoi amico, (chiamasi solidarietà). Vado verso la stazione, ho deciso, chiamo l’amica, nn raggiungibile. Attraverso la carreggiata all’angolo tra via Damjanich e via Rottenbiller, a due passi da Lovolde ter, dove soffia sempre il vento, dice la canzone, di fronte alla chiesa metodista che ti dice che ti ama. Il semaforo mi fa fermare sull’enorme spartitraffico, riprovo, l’amica risponde, pronto senti vedi che…., mi giro, vedo un oggetto metallico sull’enorme portafiori al centro dello spartitraffico. Mi avvicino, vedo sporgere un pendaglio bruttarello di un bel verde acceso. Le mie chiavi.

Da qualche anno han deciso che i viali alberati di questa parte del mio quartiere devono convertirsi a la modernità e oggi per molte strade ci sono schiere di alberelli rachitici che nn son mai cresciuti e nn hanno mai messo foglie da anni perchè nn piantati nel terreno, come Cristo comanda, ma in un gran portafiori anonimi di metallo. Ieri l’ho trovata una idea eccellente…

rosso virus

vivo a Budapest e so che qui sarò sempre, in fondo, uno straniero. e se l’italia da giorni è nelle prime pagine dei giornali per le vicende che sappiamo io sono un po’ come un cinese in Italia, sappiamo che vive nel quartiere da 20 anni e ha chiamato il figlio ocn gli occhi a mandorla Pino, ma in fondo frequenta cinesi, ha amici cinesi e lavora con cinesi, nn si sa mai, meglio comprare la carta igienica nel tutto a mille lire accanto. ecco, io ho avuto una coppia di clienti napoletani ieri e lei tossiva, oddio pioveva e c’era vento che l’ombrello si piegava, ma un cinese nn può starnutire.
 
è cosi sovrappppensiero a Blaha attraverso la strada ultimo nella coda, mi trovo che il rosso è già scattato e due viigli incolori fosforescenti che mi guardano con occhi stupidi e mi fanno la ramanzina. Documenti, lo sa che nn si attraversa col rosso. si ero disattento, mi spiace molto. l’ungherese sa essere spietato. Nn faccia lo gnorri. Sta a vedere che mi becco la multa ai pedoni. cosi la gente la smette di stupirsi che nn ci sono vigili e forze di polizia a pattugliare le strade (no, Budapest non è Guadalajara). esco dalla tasca magica la lakcimkartya, il documento di domicilio. lo sbirro 2 mi dice per ora se la cava con un ammonimento verbale, lo sbirro 1 controlla sulla app gli estremi del documento. ecco ora ha visto che sono italiano. è dall’inizio che penso lo so che nn lo faranno, ma se mi portano in ospedale.. (dove mia suocera ha appena preso una seconda infezione..). Mi guarda, guarda l’italiano. Sicuro che nn ha anche la carta di identità?. fossi matto che te la do. no, mi spiace. starò attento. Scatta il semaforo, altre 12 persone attraversano col rosso …