Caro ministero, che cos’è un migrante?

Il ministero della pubblica istruzione ungherese ha emanato una circolare chiedendo ai presidi una lista dei “migranti” che figurano tra gli studenti del loro istituto.

Pukli Istvan, preside del liceo Teleki Blanka, il liceo del XIV distretto di Budapest che ha  capeggia la protesta della scuola ungherese contro la riforma voluta da Orban, e che non la pensa come Orban ha risposto così:

<<Gentile Direttore,

il compito posto mi pone davanti a una grande sfida. Sono confuso dall’espressione migrante, per la quale non viene allegata alcuna chiarificazione.

Con quali criteri è da intendersi l’espressione migrante? Sono migranti gli studenti stabilitisi in Ungheria provenienti da paesi eropei (p.e. Svezia, ruteni di ucraina, russi) o la bambina che frequenta nella mia classe, che vive in Ungheria da quando aveva dieci anni? O lo sono solo quelli che sono fuggiti dalla guerra in Siria, Afganistan, Libia?

Quali criteri temporali vi sono? Bisogna controllare i loro avi? Dovrei interpretarlo nel senso che la bambina araba nat in ungheria, da un padre che qui si è sposato è una migrante? Non ritengo di dover risalire nell’albero genealogico fino ai bisnonni, per non fare cattive associazioni, ma Lei non è di grande aiuto.

Non voglia dio di dover ritenere migranti gli ungheresi che si sono stabiliti qui dalla Transilvania, dalla Transcarpazia o dalla Vojvodina. E con una interpretazione più ampia, forse sono migranti anche i magiari arrivati nel bacino carpatico ai tempi del'”occupazione della patria” (le grandi migrazioni dell’alto medioevo). Con questa linea interpretativa vi sono 576 migranti che frequentano la scuola.

Inoltre mi è sorta la domanda: sul motivo per il quale motivo ci chiedete questi dati. Spero per aiutare gli studenti, ma non c’è nessuna delucidazione in merito.

Negli ultimi tre anni uno dei principali motivi delle fonti di fraintendimento è stata la mancanza di informazione: non ci informate dei motivi, emanate solo circolari a breve scadenza e a mio parere incomprensibili. Quindi non posso sperare in un cambiamento, secondo l’approccio responsabile promesso.

Non mi sento quindi di poter adempiere al compito richiesto per la poca chiarezza dele domande, accuratezza del compito e per la scarsa comprensione della definizione della parola migrante.

Confidando in una cordiale e pronta risposta:

Pukli István

Preside del Liceo Teleki Blanka, Budapest XIV. Kerület >>

 

testo originale: http://magyarnarancs.hu/belpol/igy-reagalt-pukli-istvan-arra-hogy-a-klik-listazni-akarja-a-migrans-diakokat-100450

Advertisements

Sciopero

II. Rákóczi Ferenc Általános Iskola - Szolnok

La scuola ungherese ha vissuto una storica giornata di sciopero oggi 20 aprile 2016. L’ho vissuta con G.B. insegnante di spagnolo che giusto ieri ha compiuto 60 anni e che un po’ di cose ne dovrebbe aver viste e che alla domanda quando è stata l’ultima volta che avete scioperato, si è grattato la barba e ha aggrottato le sopracciglia. “Mai, non che io ricordi, credo di aver letto che l’ultima volta così fu nel novembre dicembre del 56″ (giusto all’indomani dei fatti del ’56). Il web invece parla di due ore di sciopero 10 anni fa, nel dicembre del 2006 (ed erano anch’essi tempi bui, con l’assalto alla televisione e i 100 feriti del 23.10.2006 durante le proteste contro gli scandali del governo socialista).

Per la verità due ore di sciopero c’eran già state venerdi scorso, ma era una specie di tappa di avvicinamento. La nuova costituzione, pardon, la muova legge fondamentale in vigore dal 2012, se ho ben capito prevede una lunga marcia verso lo sciopero con un tavolo di concertazione che duri almeno una settimana, durante la quale si può scioperare solo un paio d’ore. Quelle di venerdi. Chi si siede al tavolo lo decide  il governo. Ed ora si sciopera, un giorno intero, per la scuola, per una scuola migliore ed insegnanti più fieri di se stessi.

Ma in Ungheria spesso è tutto più complicato, in Ungheria nn si sciopera contro il preside sceriffo, ma al contrario si sciopera contro l’eccessiva supercentalizzazione della pubblica istruzione. In Ungheria il giorno dello sciopero non si scende in piazza a manifestare e urlare il proprio scontento, ma si deve restare nell’edificio scolastico per scioperare secondo la legge sul lavoro. Se è stata espressa l’intenzione da almeno il 30% dei prof della scuola di aderire allo sciopero, il preside può dichiarare anche un giorno senza lezioni, ma resta pur sempre un giorno scolastico, ci si scontra se ai ragazzi serva o no la giustifica, ma i ragazzi possono comunque girare per la scuola e bisognerà pur sorvegliarli. L’Ungheria è un paese con una bella burocrazia, ma anche uno in cui l’arte di arrangiarsi è sempre esistita.

IMG_20160420_113213

Si resta allora in sala professori, o nelle varie aule tecniche a corregger compiti, a parlar di politica sindacale e se sia meglio bloccare gli esami di maturità o solo rifiutare di firmare i verbali, allora si che ci devono concedere qualcosa.; se continuare nella lotta coi sindacati o darci dentro con i mille movimenti civili (il nome nuovo è Tanitanèk, “insegnerei”) che sempre animano l’Ungheria, che della politica non ci si fida e poco importa se le opposizioni stavolta si sono esposte a loro favore.

Il capannello di docenti che si infervora con parole come democrazia, lavoro e **** hanno due look ben distinti, entrambi diventati simboli (forse due son troppi) della protesta:

– quelli con la camicia a quadri (dopo un mezzo insulto del sottosegretario all’istruzione che ha tacciato i prof contestatari di essere rozzi tamarri barbalunga e camiciona) a sua volta divisi in quadroni grunge anni 90 (diffusissimi qui) o eleganti quadretti tipo camicia Brooks Bros.

– quelli tutti in nero (come le donne in nero dell’infermiera Sandor Maria). Scelta furba, il nero è sempre elegante v non sfigura mai.

– misti. esempi: Professoressa di educazione artistica tutta in nero con minigonna a quadri bianca e blu su leggins e professore di inglese camicia e pantalone nero con cravatta a quadi scozzese rossa.

IMG_20160420_104118

tanar-sztrajk_036aa

Il gran momento che tutti aspettavano è alle 12. Si voleva indire uno sciopero nazionale degli statali e non, ma si è avuta un po’ paura. Un ufficio può fermarsi, i mezzi pubblici no, e i negozi ni. Allora si è deciso di fermarsi per 5 minuti, chi vuole, chi può. Se il tram non si può fermare almeno rallenti, il cameriere stia in piedi. Il corpo docente della scuola di G.B. prende delle sedie da un aula e si siede davanti all’ingresso.

5-4-3-2-1 si senton le campane di mezzogiorno, restano seduti per 5 minuti con le loro camicie a quadri e i dolcevita neri. Lo chiamano Flashmob. Seduti per 5 minuti baciati dal sole. I fotografi nn aspettavano altro. I passanti passano avanti. Si ferma una donna con 10 rotoli di cartaigienica che sporgono dalla sporta e legge il tabellone che spiega le ragioni della protesta. Si ferma un bambino di colore (rarissimi in Ungheria) che mangia una girella enorme con evidente gusto. Si ferma un vecchietto, “Vergognatevi, è così che studiano i vostri studenti!”. Vorrebbero tutti rispondere, si, lo facciamo perché studino davvero.

Libera scuola in libero stato

La protesta degli insegnanti ungheresi davanti al parlamento, contro la scuola d Orbàn.
Pubblicato su Q code Magazine http://www.qcodemag.it/2016/02/16/ungheria-libera-scuola-in-libero-stato/

 

Il silenzio osservato alla fine della manifestazione dalla folla.

L’uomo davanti al microfono ha una sciarpetta chiara, un po’ di stempiatura gli occhi azzurri e un sorriso furbo alla Bill Murray: “Quando andavo a scuola una mia compagna di classe ingoiò il gesso per saltare un giorno di scuola; oggi i professori di mio figlio stanno bene attenti perché non ci sono soldi per il gesso e se un bambino lo ingoia salta la lezione di fisica” la piazza sorride. Nella piazza del parlamento di Budapest ci sono 60.000 insegnanti in un umido sabato mattina . Piove da 12 ore, molti hanno un ombrello colorato, il prato davanti alle grandi e tristi statue di Kossuth e il governo del ’48, tutte col capo chino, sta diventando fango, ma la gente non si muove.

É la manifestazione di protesta contro la riforma della scuola voluta dal governo Orban, e la gente non si muove fino ai 5 interminabili minuti di silenzio finali, voluti per dimostrare che non sono scesi in piazza per giocare o creare disordini, come ipotizzato dal sottosegretario alla presidenza del consiglio, Lazar Janos, ma perché hanno dei problemi seri. E i problemi non sono solo la mancanza di soldi (l’Ungheria è l’ultimo paese dell’OCSE per la spesa nella scuola pubblica), o gli stipendi ridicoli “un bibliotecario prende meno di 300 euro” dirà un sindacalista dal palco; sotto accusa è l’intera riforma della scuola voluta da Orban, imperniata su una forte centralizzazione, in un paese che aveva visto dagli anni 90 invece una progressiva autonomia scolastica: basti dire che ora gli insegnanti non possono scegliere il libro di testo, lo sceglie (impone) il governo per loro.

Prima era salito un ragazzo sul palco, lui invece senza sciarpa, né colletto di una camicia, beata gioventù, “Siamo stanchi di avere insegnanti stanchi, demotivati, a cui avete tolto il piacere di insegnare. Non è questa la scuola che vogliamo

La piazza annuisce, molti si riconoscono in queste parole. Si guardano, molti sono giovani e motivati lo erano davvero, molti loro hanno un secondo o un terzo lavoro, magari in nero, e più remunerativo, ma quando si presentano si presentano come insegnanti, quello che sarebbe il ruolo che avevano scelto per sé nella società. È per questo che c’è gente in piazza anche con questa pioggia, 60.000 persone dirà il capo del PDSZ, sindacato della scuola. Soprattutto società civile, come al solito abolite le bandiere di partito, il mito della società civile sopravvive in ogni buon ungherese, ed è questo il vero problema, che la manifestazione è contro la politica del governo e non ci si deve vergognare se compare la parola politica.

All’inizio avean preso la parola i professori della scuola superiore di Miskolc (ex grande città industriale a nord di Budapest) che hanno dato il via alla protesta, con una lettera aperta al governo, senza risposta, che è stata poi firmata da moltissime scuole in tutto il paese. E oggi alla protesta si sono poi uniti molti altri sindacati degli statali dai ferrovieri ai minatori ai sindacati di polizia. E poi c’è Sandor Maria, colei che ha formato le ”sorelle in nero”, un’infermiera che lotta come una leonessa per un po’ di giustizia sociale ed economica nella bistrattata sanità ungherese. Ed è lei che ha chiesto i 5 minuti di silenzio, per rispondere alla provocazione di Lazar.

Orban invece ha affermato: “C’è qualcuno dietro questa protesta, qualcuno di forte e potente che vi sostiene”. (Orban aveva già visto l’ombra di Soros, noto finanziere ungherese naturalizzato americano, dietro la crisi dei migranti). Gli risponde uno degli organizzatori: “Dietro di me chi c’è?? C’è la lavagna signor primo ministro, c’è la lavagna. E ci sono gli studenti. E i genitori. E i miei colleghi, tanti colleghi.”. E quelli sono anche qui tutti attorno a lui..