la mia Budapest è un muro

La mia Budapest da 10 giorni è il muro davanti alle finestre di casa. Da 12 anni vivo in questa casa. ho sempre amato la vista delle mie finestre. Quando sono arrivato qui c’era un mercato di frutta e verdura, provvisorio. Vivevo nel quartiere e venivo qua a far la spesa. Poi il mercato si è trasferito nella piazza dedicata e un po’ dopo mi son trasferito qua. Abitavo al primo piano, ma avevo la vista sui tetti (era solo un piano) della struttura abbandonata, sono un romanticone, faceva molto Budapest, storia della città sotto casa. È arrivata la crisi, la ripresa. L’hanno abbattuto in 3-4 anni con molta calma e ora davanti alle finestre ho un grande spiazzo vuoto, bianco, con 2 camion tecnici e una di quei grandi muri di mattoni rossi bello lontano che fa molto Budapest. La città è li in un angolo, un incrocio, qualche passante molto molto in lontananza. Ogni tanto. Nn riesco mai a capire se sono molti o pochi. #stateacasa.

bricks mattoni wall muro budapest Covid

(Vigilia di) Natale a Budapest

(primo) Natale a Budapest da expatriates, c’è sempre una prima volta..

IMG_20171224_182737.jpg

A una cert’ora tutto chiude, si fa buio, nessuno per le strade, ritornando a metà pomeriggio a casa dal lavoro Budapest è lugubre e sembra aspettare un più che imminente attacco alleato..

Luci basse, chiusi i kebabbari sul korut in genere aperti tutta la notte anche il 15marzofestanazionale, chiusi i pub, tutti i pub, del settimo distretto (almeno fino a sera), chiusi i ristoranti, chiuso Rizsa, l’inquietante bar di mignotte di fronte alla Zeneakaemia, chiuso il KFC e anche il cinese dirimpetto con i neon rossi e verdi. Si salva solo il negozietto 24h indipendente di Kiraly utca, che difatti è pieno di gente. È Natale. Anzi è la vigilia di Natale di Buapest..

passo davanti alla bettola sottocasa, è ovviamente chiusa, ma domani già riapre, in fondo domani è solo Natale, e il buon Leopardi c’aveva visto giusto nel dire che l’attesa della festa è tutto, la bettola riapre domani alle 11 e ho promesso a evike, la barista, che passo a farle gli auguri. È chiuso il Roni, il grande supermercato 24h all’insegna arancio, che nn chiude mai e gli unici due che camminano per strada li noti da molto lontano, e li conosco pure, solo un expatriates può camminare alle 5 di pomeriggio per Budapest il giorno della vigilia di Natale, è Sid, il mio amico inglese, col figlioccio, un bimbo biondo un po’ frastornato, da lontano sembravano quasi Fonzie e Spadino. “qui è tutto chiuso” faccio io, “oh si, noi siamo andati fino al cinese tra Dozsa Gyorgy ut e Istvan utca per prendere qualcosa” rispondono. il figlioccio infila le dita nella busta e ne esce un raviolo al vapore..

la mattina invece anche il mercato era aperto, per la corsa alle spese per la cena della vigilia, in realtà era mezzo vuoto, preso d’assalto solo l’unico pescivendolo, la zuppa di pesce nn può mancare nel menù della vigilia, triste in viso la ragazza da cui compro un po’ di frutta secca, che io son meridionale, nn saluta neanche, gli unici ad augurarmi buon Natale sono stati cinesi.

Al supermercato mi scontro col carrello come nei film con un ragazzo basso, col doppio taglio. Ci conosciamo, Stefano, lui sa già per chi tiferà ai mondiali, per il Marocco di suo padre, domani è Natale, ma lui lavora, chè al call center in italiano di Budapest seguono le feste nazionali della casa madre indiana. è al supermercato a comprare cacao, uova, farina e mandorle, la madre è barese e lui allora preparerà castagnedde. Paga con la carta di credito, solo dopo si accorge di aver speso una fortuna, 25 euro per un chilo di mandorle, comprate in pratici pacchetti di 100grammi a 2,5 euro l’una nella piu classica delle disperate corse al supermercato. Buon Natale a Budapest.

Se accettassi gli inviti ci sarebbe la zuppa di pesce, regali, la messa di mezzanotte, TV accesa con il classico di Natale che è Reszessetek, Betorok! (alla lettera Tremate, Ladri!, ovvero Mamma ho perso l’aereo) su TV2, mentre la TV pubblica si affida a Johnny Dorelli protagonista di State buoni se potete, musiche di Branduardi.. Budapest ha messo una statua a Bud Spencer perché in segreto ama l’Italia..

Mentre sono indaffarato in cucina due passerotti bussano alla mia porta, sono i vicini, han visto le luci accese, ci siamo incontrati ieri, è il primo Natale che passo qui a Budapest, e i miei cari vicini mi augurano Buone Feste con i loro sorrisi alla Black Hole Sun e un piattino con il pan di zenzero e il beigli il dolce di Natale alle noci e semi di papavero.

Buon Natale a tutti.

Con un leone in cima

DSCN5663

E ora dove si va? Andiamo al cimitero? Si, si, ottima idea… No, nn sono Huckleberry e Tom Sawyer appena prima della mezzanotte con un gattomorto in mano, ma io e Sid in una tranquilla domenica di novembre.. si, è novembre, e la giornata  è incredibilmente mite e il cimitero monumentale di Budapest splendido, con le sue statue liberty, donnealate e angeli di bronzo che piangono sulle tombe e i viali di platani centenari dei colori dell’autunno.

Sid viene ogni tanto qui a Budapest dall’isola, e con me vuol parlar di politica “Orban è sempre meno popolare, chi diavolo lo ama più, eppure gli ultimi sondaggi lo danno in larghissimo vantaggio, addirittura Fidesz riprenderebbe la maggiornaza dei 2/3, sarebbe la terza volta, altro che Putin o erdogan…”

ci guardiamo, essi, un giorno sicuramente avremo viale Orban Viktor in pieno centro e forse nn un altro mausoleo di Kossuth, ma una bella tomba di marmo bianco e concezione complicata come quella di Antal Jozsef primo ministro della repubblica ungherese post 89 quello si… “lui è potente e ha buoni dottori quindi, ed è solo di poco più anziano di me, oddio spero proprio di farcela”.. Sid sospira..

dico la mia, che nn è che la gente ama Orban, è che nn c’è nessun altro da amare, l’opposizione praticamente non c’è.. son stati addirittura capaci di scegliere con un anno e mezzo di anticipo (!) il candidato sbagliato (Botka Laszlo) o comunque quello più divisivo..” e allora non rimane che Jobbik, che ora ridiventa estrema destra sotto elezioni (poveri migranti, è come sparare sulla croce rossa e nn è una metafora) ma che sembra quasi un’alternativa centrista..

ho detto la mia.

 Alle 16.30 scende la sera e la ronda in auto dei guardiani del cimitero ci fa cenno di avvicinarci all’uscita. eravamo arrivati fin quasi al muro di cinta (e il cimitero monumentale di Budapest è enorme), chiedendoci dove saranno mai sepolti gli zingari, da qualche parte saranno pur seppelliti. Abbiam trovato giusto la tomba con leone in cima di Beketow, storico direttore del circo di inizio novecento.

All’uscita risplende illuminata dall’interno la grande carrozza di Apponyi, un incrocio tra le carrozze di Versailles, la carroza di Cenerentola e il carro funebre di Fantozzi alla coppa Cobram, l’ultima grande attrazione del cimitero, il secondo più grande carro funebre d’europa come annuncia trionfalmente la didascalia.

Nota si servizio 1: È novembre, permettetemi un posti sui cimiteri.

Nota di servizio 2: il blog riprenderà a essere narrativo per un po’, saluti.

Nota di servizio 3: le foto son mie

DSCN5681..11

Papajoe

All’inizio di settembre ti può capitare a Budapest di passare le ore della sera nel silenzio del parchetto davanti alla birreria Papajoe, con gli alberi che ti respirano addosso nell’oscurità e la barista che fuma accanto a te.

Tutto tace, piazza H. concilia il sonno dei giusti, Papajoe altrimenti detta il brindisi sembra chiudere lentamente gli occhi dopo una giornata dura. Come a conciliare il sonno all’interno la TV è accesa su un realityshow dagli arredi rosa, senza volume, sullo schermo marito e moglie uno di fronte all’altro in una camicia di forza, ognuno nella sua, devono cercare di indovinare cosa dice l’altro cercando di leggere il movimento delle labbra. Eccitante. La frase è: “Molti avevano visto in questo la prova lampante di come per tutto il creato ormai serpeggiasse la pazzia.” (nn è vero, ho letto a caso nel libro che stavo leggendo, ma ci sta bene).

Mark nn ha fatto che mostrarmi foto di case sperdute nelle campagne attorno a Budapest che vorrebbe comprare se avesse i soldi e i più assurdi reperti bellici di 60 anni fa che si vendono sull’ebay ungherese: come il kit per respirare sott’acqua in dotazione ai carristi magiari nel 1954, nel caso il tank finisse in un lago, la mantelina per le autoambulanze dell’esercito svizzero tipo il figlio del Mascetti lo riconosci subito chi altro metterebbe il cappotto alla macchina, per questo ha i soldi.

È una bella serata. Al tavolo accanto le ragazze sono andate via da un po’. La barista inizia a portare tavoli e sedie all’interno del locale. Papajoe è un’isola felice di piazza H., qui di giorno ci vedi gli studenti squattrinati dell’accademia di belle arti, che è quel palazzo nero nero qui dietro sul viale alberato, di sera diventa come un rifugio di montagna nel buio della notte, praticamente vuoto. L’altro giorno però sono arrivate due famiglie di zingari praticamente ad occupare tutti i tavoli fuori, passeggini, catene d’oro e bimbetti con le pistole ad acqua. Al tavolo accanto a me han fatto: guardali.. (gli zingari sono in ungheria da 500 anni e piu, parlano ungherese, sono ungheresi, hanno case e lavori normali, solo sono ancora lo strato piu povero ed emarginato della società) Guardali, arrivano qua da migranti, generazione dopo generazione per migliroarsi nella vita e nello status sociale, a lavorare e far studiare i figli, metter su famiglia e fare progetti per il futuro e per arrivare al fine cosi… mi piacerebbe replicare tante cose, (tipo quella famosa vignetta coi bambini di diverse altezze, e gli scranni alti ugauli che solo il piu alto riesce ad arrivare alo steccato, mentre ci voleva uno scranno alto per il piu piccino, o che anche le stazioni di Budapest sono rimaste grandi stazioni di ormai due secoli fa che quando entri ti sembra di entrare in un film con i cappottoni coi baveri alzati mentre Vienna Hauptbanhof è praticamente un aeroporto).

Mezz’ora dopo siamo davanti alla macchinetta d’azzardo della bettola Isabella, solo che qui il gioco d’azzardo è vietato, 5 anni fa han tolto tutte le macchinette e le uniche permesse fan vincere solo consumazioni (alcoliche almeno), si inizia con domande alle Carlo Conti ma già alla 4a ci si presenta davanti il grande Mike Bongiorno. Sul colore delle penne di un animale metà uccello metà mammifero perdiamo la nostra 4a monetina.

L’Aurora sorgerà ancora

20170628_194720.jpg

protesta spontanea afavore di Aurora nella vicina piazza Giovanni Paolo II (ex piazza della Repubblica nell’era preOrban, fotomia)

Una volta a settimana a Budapest scoppia un temporale estivo. Nel pub “piccolo negozio” entra Justin un po’ zuppo, se l’è beccato mentre era in bici, io invece ero dentro incollato allo smartphone come a una radiolina, a seguire anzichè Ciotti dall’Olimpico la diretta Facebook della conferenza stampa di quelli di Aurora, il pub – campo base di buona parte delle associazioni culturali, sociali, politiche che si oppongono ad Orban che le autorità han fatto chiudere da oggi con effetto immediato.

Il tipo diAurora in completo azzurro slavato parla bene, li dentro il cortile cinto da una palizzata, ghiaietta e arredamento giardino tipico dei pubinrovina, poca gente attorno, ma lui parla bene, se c’è una cosa che nn manca ad Aurora sono i buoni avvocati e i giovani motivati..

ché un po’ se lo aspettavamo, dopo la battaglia per far chiudere il Ceu, l’Università Centroeuropea, e l’ultima grande iniziativa parlamentare di Orban contro le ONG presenti in Ungheria che ora hanno lo stesso stato di “agenti stranieri”, come in Russia, i prossimi potevano essere loro.. Ludovico lo aveva anche detto: in fondo se vogliono colpire le ONG, nn devono chiudere l’Università Centroeuropea, o attaccare ancor piu direttamente Soros, è piu facile, in fondo è tutta gente che si vede ad Aurora. Ed era vero.

20170628_194240.jpg

Aurora

L’Aurora sembrava inespugnabile, in un punto della città anche oggi dimenticato da dio e dagli uomini, un edificio a due piani, rosso scuro in via dell’Aurora (che nome fantastico) nel cuore dell’ottavo distretto, il quartiere malfamato di Budapest, vie di barboni e zingari coi capelli unti in strada e cartacce mosse dal vento. Fuori il vessillo, una bandiera arcobaleno, ma per entrar dovevi suonare al portone, “ciao sono io, mi fai entrare?”. Certo tutto nello stile di sinistra alternativa ma dentro una moderna torre medioevale, tozza, cortile centrale quadrato nn molto grande, sotterranei (con grande sala per concerti) e due strette scale sul lato nord e sud per accedere alle stanze che contano. Un paio di salepubbliche per conferenze, filmklub, teatro, riunioni e poi gli uffici degli ordini dei cavalieri degli ordini del XXI secolo che hanno la loro luogotenza ad Aurora e che sono:

  • Alternatíva Alapítvány (Altalap) – fondazione alternativa
  • Közélet Iskolája la scuola pubblica
  • Zöld Pók Alapítvány Fondazione Ragno verde
  • Marom Egyesület Associazione Marom
  • Pneuma Szöv. (Közmű Egyesület – Mókus csoport) Federzione Pneuma
  • Roma Sajtóközpont (RSK) Centro stampa Rom
  • Budapest Pride (Szivárvány Misszió Alapítvány) Fondazione Missione arcobaleno

ma se volevi incontrare qualcuno delle associazioni ancora più grandi il Comitato Helsinki, o Migszol o Amnesty International è qui che devi venire, il pomeriggio o la sera, spesso davanti a una birra.

Aurora non era un posto solo di sinistra, era anche un pub, pub all’aperto sala da concerti, con prezzi piu o meno normali, per la birra, concerti anche a 10 euro col buttafuori e gente anche fighetta nei weekend. Il fortino resistito ancora ma la guardia nazionale ha fatto chiudere questi luoghi di pubblica vendita. (Le strutture nel cortile sono di 20.4 m2 anziché di max 20 come da regolmaento, la legge del 99 nn era rispettata e poi “in seguito a segnalazione dela popolazione la polizia (decine di poliziotti, piu protezione civile, piu piu) ha fatto irruzione nell’aurora a metà mese arrestando 15 pesone per possesso di droga (maria).)

9092491_d4f8357f0aeee96b54e364b3ae514b41_l.jpg

(ex)Siràly

Troveranno subito un altro posto dove stabilirsi. A Budapest è sempre così. Comunque non mi sono mai piaciuti.” Justin ordina un’altra birra e nn lascia neanche 10 fiorini di mancia. Lui è di Londra, a Budapest da 20 anni, ottima laurea lasciata in un cassetto, IT, ha cercato per anni il lavoro per guadagnare buoni soldi in fretta, ha studiato arte, lo trovi sempre a disegnare schizzi di “È gente spocchiosa, che se l’è sempre tirata tanto, questi ambienti di sinistra moralista radicale sono tremendi” (Justin è uno che ha votato Brexit contro i migranti, è come uno che offre in un pub, entrano gli ultimi arrivati e vogliono anche loro free beer). Continua “prima c’era lo Siràly (il gabbiano n.d.t.) ti ricordi no?” annuisco, certo che mi ricordo, allo Siràly andavamo a studiare, quando avevamo le tasche vuote, italiano e inglese, la mattina quando nn c’era nessuno, ci mettevamo su quei tavoli quadrati, li sopra nella biblioteca aula studio al primo piano, tra scaffali con libri che nessuno avrebbe mai portato via. Nel seminterrato invece c’era un piccolo teatro, colonne, tribune a semicerchio. Lo Siràly era il crocevia di molti degli ambienti off della Budapest di 10 anni fa, teatro, cultura, politica forse nel primo anno di orban quelli accanto a me (io ero dietro una colonna) girarono un video con uno incappucciato che incitava alla rivolta.

Poi aprivamo una di quelle scacchiere enormi che trovi solo nei caffè dell’europa centrale, gli scacchi sono un gioco spietato e io ero spietato. Anche nel non contraddirlo quando per riempire tutto il suo ego appena calpestato diceva: “ in fondo per uno che gioca a scacchi solo da due anni perdere in 30 mosse è un buon risultato” io annuivo.

Lo Siraly era all’inizio di Kiraly utca ed era un posto fantastico, ed era un posto occupato, fu fatto sgomberare nel 2012, sulle ceneri dello Siraly nacque Aurora. É appena piovuto a Budapest. È sera. Dopo l’Aurora in genere si alza un sole alto e luminoso, lassù nel cielo.

qui qual che informazione in più ..

Sly

“Maledetti, siate tutti maledetti” la credevo una commedia, ma le ultime parole nn son mica male.

Accanto a me Stanley e Fitzgerald nn capiscono niente, una delle piccole rivincite dell’italiano misero nel grande mondo, andare all’opera, 8 volte su 10 si parla e si canta in italiano e questo è un toccasana per la tua autostima.. e poi il tenore è bravo, urla, ha un’ottima dizione e sul palco fa le smorfie come nei film muti, negli anni 30.

Stiamo vedendo Sly, A me l’onore di scombussolare l’equilibrio dei miei amici anglofoni con un’opera che nn è Verdi o Wagner, ma uno mai sentito, Wolf Ferrari, e la storia di Sly è praticamente quella di Gasperino il Carbonaro del Marchese del Grillo, quello di Sè svejatoo. Il poveraccio ubriacone incontrato dal sor marchese annoiato che gira per bettole e per scherzone vien fatto risvegliare nel letto imperiale con paggi, lussi, orinatoi d’oro. Che poi scava scava wikipedia mica lo cita, i riferimenti quelli fighi son le mille e una notte e Shakespeare, che il povero ubriaco che vuol risvegliarsi la mattina dopo nel letto di un ricco è storia vecchia quanto il cucco… la prima di Sly è avvenuta il giorno in cui sono nato io del 1928, e a guardarla con gli occhi freddi è proprio strana, c’è quasi il belcanto e l’aria famosa (l’orso) danza alla francese, lo stile verista, la musica è ovviamente già novecento storico con strumenti che vanno ognuno dove gli pare, e gli elementi essenziali di un’opera italiana: elogio del vino, morte nel terzo atto, per amore, lei ama lui ma lui non lo sa, cortigiani vil razza danata.

il povero ubriaco in Shakespeare si chiama Sly, e lo beccano in una bettolaccia, che però il testo chiama taverna e ha un compagno di sbronze, che sembra il nome di un politico, John Page.

Sly qui a Budapest per noi però è qualcos’altro, è da Sly, in via del Grande Noce dove bere quando ti vuoi nascondere, luci fredde, grande quanto una mezzastanza, Sly è gentile, ti saluta, ha solo le birracce locali e le spilla come fosse nettare degli dei, un espositore con torte al cioccolato e alla carota e sandwich superguarniti, è la prima persona che ho visto a Budapest pulire con molta pazienza la macchina da caffè. Sly è inglese, di colore, sorride sempre, con i capelli all’insu ma ora si è rasato, ha il poster di un autobus a due piani di londra sotto il bancone ed è a budapest da un anno, il motivo è in una piccola foto attaccata con una punes (si dice ancora così?) sotto i liquori, un bimbetto di 5 anni, suo figlio.

Al tavolinetto tondo nel foyer all’intervallo eccoci qua col mondo dell’opera economica della domenica che ci sfila davanti, molti stranieri, una coppia di ottantenni.. l’opera mantiene in salute, fa Fitzgerald.. sorridiamo, continua solenne: “io ho un amico che canta nel teatro dell’opera di Vienna” Fitzgerald è di New York, è la seconda persona che incontro in 5 giorni che si è sposata un’ungherese con lei che vuole vivere a New York e lui a Budapest. Continua col suo amico tenore.. “io e lui eravamo compagni di classe. (a New York..) dovrei scrivergli: ciao ti ricordi di me,e poi incontrarlo, a Vienna, è vicino, verrà all’incontro con una grande sciarpa al collo ahah”

insomma siamo all’opera, al secondo teatro dell’opera di Budapest, che ne ha due, abbiam pagato per la platea 5 euro, si, si parla sempre di soldi, Budapest è ancora così la cultura qui costa sì poco… puoi far traduzioni, cinema, ma con la cultura così questa sarà sempre la vera città d’europa per artisti senza un soldo”. a ragione. E tutti possono esserlo qui, artisti.

Domani è lunedi, Fitzgerald si alza alle sei per portare i figli a scuola, Stanley deve imparare la parte per il film che gira martedi, fa il domatore di leoni, è un horror storico, io mi sento molto debole. Fuori ci sono -10°C, i marciapiedi son tutti ghiacciati, cerchiamo di non cadere mentre ci allontaniamo.P.S.

P.S. se sei a Budapest vuoi andare da Sly e girare per bettole in un tour in italiano dedicato, guarda il tour delle bettole dell’altra Budapest (clicca qui)

Italiani, politici onesti..

le reazioni in Ungheria al No di Roma alle olimpiadi, che dà qualche chance in più al sogno di Budapest 2024. Italiani popolo onesto:

olimpiadiBudapest2024.jpg

candidatura di Budapest 2024 – i siti olimpici

Dopo Boston e Amburgo ora Roma, con la Raggi ha detto che le olimpiadi non s’han da fare e per Renzi è un capitolo chiuso. L’Italia  è un paese onesto e nn vuole sporcarsi lemani con le olimpiadi ei soldi sporchi e la morale è che ora le olimpiadi non le vuol fare nessuno, i concorrenti per i giochi del 2024 son rimasti solo 3: Parigi (che le ha già fatte ben 2 volte e ci prova da un bel po’), Los Angeles (che le ha già fatte ben 2 volte ed è saltata in corsa dopo il no di Boston) e guarda un po’ Budapest, la nostra amata Budapest (che tra europei 2020, mondiali di nuoto 2017, mille altri eventi vuol far del turismo sportivo uno dei motori economici della città).  Al popolo qui però non è stato chiesto un bel niente, e in città e sui media se ne parla pochissimo, come se davvero le olimpiadi di Buapest non riguardassero Budapest. le olimpiadi si vedono in TV da che mondo è mondo. Sui siti di opposizione però le vicissitudini di Raggi e Malagò si seguono e sentire i lettori che lodano la professionalità, competenza eonestà dei nostri sindaci e politici tutti fa un po’ stringere il cuore, ve ne dò un assaggio tradotto alla buona (il sito è 444!!!). viva l’Italia…

Petocz Istvàn: ma è irresponsabile non organizzarle… Chi sa quando ci sarà la prossima occasione storica di arraffare tanti miliardi di fiorini?

Feher Alfred: Loro hanno molto più cervello.!!! Forza Parigi!!! (perché è più vicina)

Balogh Laszlo: come vorrei essere romano ora…

Botond Bercsenyi: la voce della saggezza

Katalin Muller: hanno deciso in maniera intelligente!

Gabor Futo; se anche Bp avesse un sindaco così.., ma, ora sveglia, basta sognare

Richard Orvath OFF in Italia i dirigenti non hanno l’arroganza come pietra miliare…

Gabor Pèli: ora noi ungheresi “intelligentoni” ne faremo 2 di olimpiadi! Roma, insieme alle altre, a causa della corruzione ha rinunciato all’organizzazione delle olimpiadi, e invece noi ungheresi abbiamo deciso di farle..

Istvan Shnk Ravi: Decisione responsabile… Lo spirito di Berlusconi non contamina più le loro menti.

Janos Konrad: prende forma, ecco che la tragedia prende forma. Ma se arriva, bisogna essere una nazione unita. Rinasceremo dalla bancarotta in 50-100 cicli olimpici.

XX – A chi vuole mangiare alla grande: A Budapest si terranno le olimpiadi. Il partito del cane a due code le organizzerà e Kiszel Tunde [anchorwoman televisiva] sarà il presidente del comitato olimpico.

Ferenc Szakal: Naturalmente a Roma la decisione non spetta al sindaco, ma al consiglio comunale. È una notizia falsa.

emoke Boross: Finora tutte le città hanno pagato care le olimpiadi. Ma Budapest ha tanto denaro da buttare.

Zoltan Karoly Kosztya: in certe circostanze le donne guardano a certe cose in maniera più complessa, e decidono meglio

Bela Jurmann: Finalmente un sindaco responsabile in una grande città. Non è mai troppo tardi per imparare dagli altri.

Gyula Babik: a chi ora santifica l’Italia consiglio di andarci, e guardare in che modo del cazzo governano lì

Leonora Goldamn Kahan: è così facile essere saggi (e onesti)?

Alla Difesa del Parco

13509121_1256718791012498_97998121456750124_nLe mie finestre danno sul cortile di dietro del palazzo: il cortile sarà largo si e no un metro, non si può farci un giardino perchè ci son grandi pietre squadrate appena sotto il terreno, messe chissà da chi e in che epoca, ma ci crescono due alberi spontanei, non sono querce ma nn si può avere tutto dalla vita, sono uno grande e uno piccolino, come dei fiori di campo, con gli uccellini che cinguettano e larghe fronde che mi fanno ombra al mattino quando batte il sole. Ora però il condominio li vuole abbattere, evidentemente per qualcuno sono un peso o ha altri interessi, io ci provo a contattare un agronomo e a difenderli con i denti, ma già mi preparo a mettere i gerani e le tende da sole…

è che gli alberi sono un grande problema a Budapest, per far tagliare degli alberi secolari ieri è dovuta intervenire la polizia, 200 agenti, un blitz all’alba come nei film, per sorprendere e dar battaglia ai sedicenti “difensori del parco”, portati via di peso in manette (i filmati son degni della val di Susa). Una pericolosa setta di amanti del verde che da un po’ di mesi sta cercando di ostacolare i grandiosi piani del governo Orbàn, che come grande investimento (speculazione) della legislatura 2014-2018 ha preso di mira il parco di Budapest, il Varosliget. (no, non è l’isola Margherita..).

13615469_1261791230505254_4591007888512589519_n

Enter a caption

il membro della gunta del VII distretto Moldovan Laszlo portato via dalla polizia.

13600305_1261860207165023_2546875717278433847_n

 

è una storia vecchia.. la mia piccola trattoria di quartiere, con le tovaglie a quadretti e il cuoco gobbo e claudicante, a due passi dal caffè New York è in via Bassa del Bosco, anche se sei in mezzo alla città e di bosco non vi è alcuna traccia. In realtà, come nell’ambientazione di un’opera di Shakespeare, Pest è nata sull’ansa di un grande fiume, circondata da un fitto bosco e se si osserva oggi la pianta della città il bosco lo si vede ancora, è diventato una grande fascia verde che chiude i quartieri semicentrali, c’è il Nèpliget, il parco del popolo, l’enorme parco-cimitero monumentale Kerepesi, l’isola Margherita e il Varosliget. E quest’ultimo è quello più vicino al centro, collegato prima da via Kiraly a metà 800 e poi a fine 800 dal grandioso boulevard che ha per nome viale Andrassy, con la spettacolare piazza degli eroi a fare da ingresso trionfale al parco..

Certo si è un po’ ristretto se vedo dov’è via bassa e poi dov’è via alta e presto sarà ancora più stretto, ora che il governo ungherese sta avviando un progetto di “riqualificazione dell’area” si dice sempre così, con 3-4 musei nazionali in un nuovo quartiere dei musei che scopiazzerà Vienna… c’è di mezzo poi la ragion di stato, che vuol costruire musei nazionali per la gloria della nazione e liberare così finalmente le sale del palazzo reale di Buda, dove gli odiati comunisti misero la Galleria Nazionale ungherese, perché ridiventi sede del governo di sua maestà. Certo ci son delle regole e il verde è sacro e di tutti, ma forse era di tutti anche 150 anni fa quando qualcuno percorreva via bassa del bosco e si iniziò a chiedere dove caspita è il bosco…

é che il parco soffre di una malattia antica, la vicinanza alla città, e dalla fine dell’800, quando si pensava in grande fu tutto organizzato, il lago naturale diventa laghetto, nascono gli svaghi per la società di massa: lo zoo, il luna park, le terme, il castello delle fiabe, il circo e la società di pattinaggio.. e si è riempito già di tanta pietra e cemento, un po’ per la storica esposizione universale del 1896, quella del millennium, i festeggiamenti de 1000 anni dei magiari in europa, e poi altre fiere industriali fino agli anni 80, il parco ha un palazzetto dello sport orrendo che nn si riesce ad abbattere, strutture chiuse, i parcheggi dell’ex piazza delle sfilate, quella della statua di Stalin e poi di Lenin, quella dove Rakosi (il piccolo Stalin) fece abbattere il tempio mariano, e poi il ristorante sul lago, l’odiato monumento al 56 (eh si, bruttarello e nn piace a nessuno), c’è persino un’installazione dedicata all’ingresso dell’Ungheria nell’Ue, sfido ogni abitante di Budapest a indicarmi cos’è. E dimenticavo tre musei che già ci sono, il museo dei Trasporti, il museo di Bella Arti e il padiglione dell’Arte… insomma un po’ di tutto che da solo racconta l’incredibile storia ungherese dell’ultimo secolo ma la storia contrariamente a quanto si pensava pochi anni fa non accenna a finire.

Han provato a dirci che costruire 3-4 nuovi musei in un parco equivale a renderlo più verde. (sic). Le stazioni della metro di Budapest sono piene di grandi manifesti bianchi e verdi di un parco del 3000 con un museo che manco si vede, interrato e con l’erba sul tetto, le pareti trasparenti, e bellissimo e un lago all’ingresso, un po’ come in certe pubblicità dell’auto elettrica che prende tutti i giorni la famiglia Barilla per andare a lavorare.. Certo andranno al posto di qualcuna delle strutture che già ci sono, ma come mi dice Donald, amico inglese saccente, mettere chissà quante tonnellate di cemento sotto il terreno di un parco non è comunque una brillante idea.

Io penso solo ai musei che porteranno migliaia di persone (che qui sappiamo che con la cultura si mangia e dà attualmente 1/3 del pil) in giro per il parco, tra “eataly magiare e visitor’s center bookshops e caffè” e il parco non sarà più un parco per correre al mattino o stendere una coperta a quadri e sdraiarsi con la tua bella o solo bighellonare, come facevano i personaggi dei racconti di Ferenc Molnar…

20160104liget

P.S.Ogni tanto vado in Italia, e giusto ieri  – giorno della difesa del parco – ero su un aereo carta di identità nel taschino, se no due pssi nel parco me li sarei fatti, a respirare un po’ d’aria buona (e a giocare al reporter)

P.S. n.2 se sei in visita  aBudapest e vuoi saperne di più del parco, di Orban, della città e dei suoi cambiamenti il consiglio è affidarsi ai miei tour guidati in italiano, sotto il nome  dell’altra Budapest (link)

le foto sono di ligetvedok…

Una vittoria attesa 44 anni

i festeggiamenti per la storica vittoria contro l’Austria agli Europei. una vittoria di Stato.

A mezzanotte il körút, il grande viale circolare alberato che attraversa Pest da ponte a ponte collegando i quartieri semicentrali, è ancora chiuso per metà, solo una corsia é attiva, i tram non passano da ore. I bar lungo il körút sono ancora strapieni di tifosi che festeggiano, Austria – Ungheria, esordio vincente  dei magiari agli europei di calcio di Francia 2016; la partita è finita da piú di 4 ore, uno 0-2 che nn ammette repliche, ma la festa qui va avanti. Un vigile urbano bassino col cappello troppo grande controlla senza troppa convinzione l’incrocio con Kiraly utca, uno di quelli che porta a settimo distretto, il quartiere dei bar e dei divertimenti.

This slideshow requires JavaScript.

 La febbre era alle stelle giá ore prima della partita, con maglie rosse della nazionale che spuntavano ovunque, bambini con sule guance il tricolore magiaro, come se si giocasse a Budapest per davvero, una nazione intera é scesa in campo, lo stadio d’atletica dell’isola Margherita, dove hanno installato un maxischermo strapieno fino all’inverosimile, che nn facevan più entrare da mezz’ora prima dell’inizio. A occhio ho contato 50.000 persone. Personalmente ho visto il primo tempo praticamente appollaiato su uno degli alberi di Szabadsag tèr con gli occhi sul maxischermo opposto lontano 100metri e nascosto da un ombrellone per metá e per fortuna che all’intervallo la gente va a far rifornimento di birre e ci si può spostare in avanti.

 La birra scorre, i baracci sul korut stan facendo affari d’oro,  partono ancora cori a squarciagola, l’eterno “Ria ria Hungaria” che nn vul dire niente, ma che fa rima e serve a gridare, ed è stato eletto da un sito inglese come il grido piu bello delle 24 nazionali (il peggiore con 1/10 il russo tutti per uno, uno per tutti, l’Italia con Forza azzurri ha una piúcheonorevole media classifica) un ubriaco che cerca di prendere il tram e cammina storto, cade, si inginocchia alla fermata. È come la grande sbornia del giorno del matrimonio, della nascita del primogenito o della maturità che si svolge in questi giorni nelle scuole ungheresi, con le ragazze vestite da marinarette e i ragazzi in costume. Una vittoria attesa 44 anni, dall’ultima partecipazione  ungherese ad un europeo, e chissà il futuro cosa ci riserverà.

Austria – Ungheria

aut hun

Vittoria per di più contro i cugini austriaci, certo anche loro ben lontani dai fasti anni 30 del calcio danubiano, ma comunque rappresentanti (con Alaba, sontuoso centrocampista del Bayer Monaco, Arnautovich, nuovo Ibrahimovic, Fuchs che ha fatto parte della favola Leicvster) di quella nuova europa che ci sforziamo di non vedere, e che invece ha già vinto i mondiali precedenti, la nuova europa dei figli degli immigrati, che son quelli che giocano a pallone che i campioni nascono sulla strada.

 Ma questa è la festa dell’Ungheria, dei suoi talenti che finalmente all’ultima occasione utile o quasi sono maturati, il capitano Dzsudzsák che stava per finire alla Juve, dopo ottime stagioni nel PSV e poi si è perso nei soldi di città poco note russe e turche, o di Gera Zoltan, mezz’ala del Fulham, ritornato alla base del Ferencvaros, la vittoria dei giovani che si formano nella serie B tedesca, la vittoria della nuova guida tecnica, figlia di quel Dardai Pál che ha dato carisma, approccio professionale e un nuovo sistema di gioco finalmente pragmatico (la difesa) a una squadra un po’ troppo naif e innamorata del calcio d’altri tempi.

la vittoria di Orban

Ma è soprattuto la vittoria di Orban, perché se nessuno lo sa in Ungheria il calcio è un affare di stato. O meglio lo è dappertutto con Federcalcio e CONI nazionali, e figuriamoci qui con i club sono rimasti poco più che circoli sportivi  e un primo ministro accentratore e nazionalizzatore, appassionato di calcio ed ex calciatore dilettante egli stesso. Non ha mai stupito la base calcistica della sua amicizia con Berlusconi, l’aver preso in prestito dal Silvio nazionale lo slogan Forza Ungheria del suo partito, Fidesz, la sua presenza accanto al figlio (anch’egli calciatore) ai grandi eventi, a memoria lo ricordo, novello Zelig, accanto a Platini  alla premiazione della finale di Champions 2010 e nella fila immediatamente sotto Putin e Merkel alla finale degli ultimi mondiali in Brasile.

Orban lo ha fatto capire fin dall’inizio che  la rinascita del paese passava per lo sport e per lo sport più seguito al mondo, il calcio. Ad iniziare con la riforma dei campionati, ora a sole 12 squadre, per renderlo più competitivo e lasciar posto ai ritiri per la nazionale, ritiri che si svolgono nel nuovo centro federale di Felcsút, che guarda caso è il paese natale di Orban, ed è un po’ come avere la Coverciano ad Arcore. La foto aerea del paesello con il centro federale con i suoi campi di calcio e strutture 10 volte piu grande dell’abitato è una delle più cliccate qui. Orban ha poi voluto anche i grandi investimenti pubblici per rifare letteralmente tutti gli stadi (vetusti) d’Ungheria, da quello della nazionale, al gioiellino costosissimo dello stadio di Felcsút dell’archistar magiara Makovecz, a quelli di Ferencvaros, Debrecen MTK, alle squadre di provincia, con conseguenti polemiche che era meglio fare gli ospedali già che c’erano.

Il centro federale ha persino una squadra nelle serie A ungherese (in verità retrocessa quest’anno all’ultima giornata) che è un po’ come avere l’under21 che gioca contro la Juventus. Può sembrar strano, ma cosi si fanno crescere i giovani. Molti giocatori persi nelle panchine lunghe di qualche squadra dal grande nome son tornati in patria. Sono arrivati buoni allenatori stranieri, basti citare il Paolo Sousa allenatore del videoton o l’ex juventino Andi Moeller nello staff della nazionale.

La nazionale ha sopratutto avuto tempo di preparare le partite, e costruire una squadra, ad esempio, hanno avuto due settimane di ritiro prima dello spareggio tra le migliori terze dei gironi eliminatori contro la Norvegia. L’Ungheria è stata tra le prime squadre a raggiungere la Francia per questo europeo per rifinire la preparazione. Conte lascia la nazionale per questo, per la mancanza di raduni e stage per formare una sua squadra, Ranieri prima di diventare il re dell’Inghilterra Settentrionale era l’allenatore dimissionario di una Grecia riuscita nell’impresa di perdere sugli scogli delle Far Oer. A domanda aveva risposto “ho visto i giocatori due volte prima di scendere in campo, come può nascere una squadra così?” in Ungheria si può, il calcio moderno è questo. Un amico inglese mi raccontava ieri degli europei di Inghilterra 1996, la gente cantava “sono 30 anni che nn vinciamo e gridiamo”, ora sono passati 50 anni, e il motivo lo sappiamo bene è la premiere league a 26 squadre e le 4 coppe nazionali, che obbligano i giocatori a giocare anche a natale e pasqua. L’alternativa è costruire una squadra dall’under21, come la Germania e la Spagna o l’Italia di Vicini.

Il mattino dopo

Stamattina alle 7.30 il korut sembrava sempre lo stesso, strade pulite, volti seri e malinconici che il cielo è grigio, forse piove e devo andare al lavoro. prossimo appuntamento sabato, Ungheria- Islanda.

[Disclaimer: le opinioni son tutte mie, il blog pure, l fact checking preciso lo faccio quando ho tempőo, l’importante é il sentimento che si trasmette, no, l’Inghilterra non ha 4 coppe nazionali, ma su questo blog si afferma il contrario.]

Dal Kazakistan con amore

Whether for good or ill, I have lived my life, travelling a long road fraught with struggles and quarrels, disputes and arguments, suffering and anxiety, and reached these advanced years to find myself at the end of my tether, tired of everything. I have realized the vanity and futility of my labors and the meanness of my existence. What shall I occupy myself with now and how shall I live out the rest of my days? I am puzzled that I can find no answer to this question. (Abai Qunanbaiuli) IMG_20140602_10291225 anni fa in Ungheria eran tutti comunisti, ma ora son tempi duri, tempi di crisi, al governo la destra è più forte che mai, prende più del 50% dei voti e più dei due terzi dei voti in parlamento, è una destra solida e unita, insomma un solo partito, un sol’uomo,  e tra i suoi miti fondatori ha la lotta al comunismo. Comunismo vuol dire come potere che viene da fuori che impedisce la piena realizzazione del vero spirito ungherese, perché questo sul magiaro medio fa sempre presa. In realtà se cambiasse le magliette o se vedessimo allo specchio il parlamento ungherese nn ce ne accorgeremmo neanche. Sentivo, a 8 e mezzo di Lilli la Rossa, Curzio Maltese candidato alle europee per la lista Tsipras. Le ricette che proponeTsipras (grandi interventi pubblici, aumento di spesa su tutti, intervento dello stato nelle banche, no al trattato di libero scambio con gli USA, etc. ) in Ungheria  è programma già da 4 anni. Magari la democrazia ce la perdiamo ma..

Chi vive a Budapest sa che la città è un brulicare di belle statue in bronzo e marmo, non solo di santi dorati nelle chiese, ma di uomini politici piu o meno noti un po’ in tutte le piazze. Budapest è una città di piazze stupende. Una bella statua nn si nega a nessuno, tra le ultime son spuntati Cseh Tamas (il Gaber ungherese) e Peter Falk, si, il tenente Colombo (la leggenda vuole di origini magiare). Anche il suo cane ha una statua.  Si seminano statue senza interruzione da un centocinquant’anni chiunque sia al comando.. liberali, conservatori, comunisti, fascisti, comunisti, e quelli di oggi (orbanisti). Ognuno vuol dire io c’ero, ed ho un poster in camera che voglio condividere con voi. Chi apre una guida turistica sa che le statue comuniste più compromettenti son tutte in un parco fuori città, fatti un’ora di mezzi e ci sei. Qualcuna meno compromettente ha cambiato nome, da statua della liberazione a statua dei liberatori cambia tutto. C’era poi lo spinoso caso della statua fatta dai comunisti davanti al parlamento, ma che raffigurava un padre della patria, Kossuth Lajos, una sorta di Mazzini ungherese. Una statua bella e vincente, col dito in alto e il popolo in basso ad ammirarlo. Ma si è pensato bene di mettere quella di prima, imponente, ma triste, marmo e viso corrucciato all’ingiù.

Cseh Tamás

Peter Falk

Kossuth Lajos

Kossuth-emlékmű

Nel manuale Cencelli dell’arte pubblica magiara il caso ancora più delicato è se la statua è pubblica, ma nn all’aperto. Che fare allora della statua di Marx nell’atrio dell’università di economia prima università Carlo Marx?.  Ancora se ne discute e avevo letto cose strane, e allora ieri ci sono stato a fingermi studente fuoricorso tra i corridoi ma eccolo là, Marx seduto in poltrona, proteso in avanti col libro in mano e l’altra mano semichiusa con i palmi in giu che a un napoletano sembrerebbe dire questo è il piunto, caro mio.. Marx resiste ancora nonostante in città sia sorto anche un bel busto del “duce” (vezèr) magiaro del ventennio et al

IMG_20140602_113619

Karl Marx

Karl Marx Budpaest

Karl Marx

Marx mi strizza l’occhio, ma sulla mia personalissima agendina avevo segnato anche altro.. Succede che se in Italia siam tutti contenti che il Qatar abbia comprato il 49% di Alitalia, mentre Airfrance ci preoccupava molto, l’Ungheria di Orban ha da tempo teorizzato il concetto di apertura ad Est, ormai in  europa ci siamo e sarà difficile cacciare qualcuno, andiamoallaconquista di altri mercati. I russi costruiranno i nuovi reattori della centralenucleare di Paks, cinesi indiani e coreani useranno la terra dei magiari per produione e logistica, siamo un ponte tra oriente e occidente, dialoghiamo con tutti. Un tre anni fa ero all’inaugurazione della seconda statua di Reagan a Budapest, un mesetto fa han ripreso i rapporti diplomatici con la Corea del Nord (c’è pure un monumento a un compositore sudcoreano, il grande Ahn Eak Kai,  però nel parco).. Un colpo al cerchio ed uno alla botte piena ed uno alla moglie ubriaca però…

Ahn Eak Tai statua Budapest

Ahn Eak Tai

statua Ronald Reagan Budapest

Ronald Reagan

C’è poi che con da un annetto ho ripreso a correre nel suddetto parco, grande bello e selvaggio in parte, il Varosliget, il grande parco municipale che si apre alle spalle di piazza degli eroi e nel mio percorso abituale, tra via Stefania e via Tolstoy ho iniziato a leggere bello nuovo e nero su bianco il segnale stradale via Asztana (il piccolo okoskodo (HUN),  bambino intelligente degli anni ’80 – primi anni ’90, che amava aprire l’Atlante Geografico de Agostini per vedere le capitali del mondo e la cartina fisica dell’Europa o dell’Antartide, riconoscerebbe al volo la capitale del Kazakistan, neo membro dell’Alleanza euroasiatica (Russia, Bielorussia- Kazakisztan, da cui l’Ucraina si è defilata e…) Il kazakistan sarà uno stato comunista e dittatoriale, ma ci dà il gas e ci fa fare impresa e noi siamo gente aperta, come gli italiani.

Asztana ut Budapest

Ed ecco che poi nel mio ultimo allenamento vedo su via Asztana un grande faccine in bronzo, scalini in marmo e piedistallo bianco, e capisco ci siamo, eccolo finalmente il monumento all’indimenticato scrittore kazako  Abai Qunanbaiuli, finalmene a Budapest (l’unica sua statua al di fuori del kazakistan è a Mosca, che twitter ha pure reso famosa, qui si incontravano quelli delle proteste a Putin nel 2012, il leader della protesta che twittava..”un monumento a uno sconosciuto kazako”. Ma Budapest è ponte tra  oriente e occidente. Certo un monumento di cui si sentiva la mancanza qui in città. Ok, ci sono ancora i sigilli, lo inaugurano domani 4 giugno (non un giorno qualunque qua, ricorreranno i 94 anni dal trattato di pace con cui l’Ungheria perse i 2/3 del territorio, cose che succedono se perdi le guerre mondiali). Ma il faccione è già lì e io voglio fotografarlo ocn calma.poeta kazako Budapest

Quando mi avvicino c’è un tipo in bicicletta che parla con un giovane, inizio a scattare foto, un bel viso dell’Asia centrale, altipiani, cappelli strani, treccine, labbra carnose, occhi a mandorla, scalini bianchi e panca in marmo, han pure rizollato il terreno circostante, la differenza col prato spelacchiato attorno è curiosa. Ci giro attorno per prendere tutte le angolazioni, dietro c’è la scritta ”regalo del kazakistan al popolo ungherese” che mi fa ricordare il regalo dei lavoratori di Sofia al popolo magiaro del busto di Dimitrov che era in linea d’aria a 100 metri da quel Carlo Marx di prima.. Arrivo a favore di sole. si vedono striature, mateirale un po’ deteriorato, è una statua vecchia, beh  comunque non nuova, diciamo usata, tirata fuori da chissà quale magazzino.. mi accorgo solo ora che il signore in bici è praticamente uguale al sommo poeta. Nn ce la faccio a fotografarlo bene senza farmene accorgere. Si allontana, mi avvicino al giovane, gli fo:“come ti piace?” (tipica espressione magiara) il giovane nn sa nn risponde (tipico modo di fare magiaro) lo incalzo col sorriso sulle labbra: “se ne sentiva la mancanza, dì là verità? Espressione ebete “almeno è qualcosa di nuovo” ( ecco me la cavo cosi e siamo tutti d’accordo).

Accanto a noi un’intera squadra di barboni-giardinieri – lavoratorisocialmenteutili è al lavoro per innaffiare le aiuole improvvisamente comparse ad abbellire questo tratto di parco e a togliere i fili d’erba spuntati dall’asfalto sulla strada. Domani abbiamo graditi ospiti da un lontano paese dell’est.

Ma poi c’è anche un’altra Budapest a cui mi piace attaccarmi e allora, io che ho informatori nei peggiori bar della capitale, mi dirigo in mezzo al prato trale frasche al termnine della via Tolsztoy, dove su indicazioni precise del mio caro amico Mark vado ad abbracciare il busto di Csercsa Tamas anche lui un po’ orientale e sorridente. Lì un po’ nascosto, ma comuqnue a 100 metri da Tolstoy e a 50 da Rudolf, figlio sfortunato di Sissi e Francesco Giuseppe. Prima di Pasqua mi era arrivato un sms, vieni qui e qua domani sabato alle 18, inauguriamo una statua. La statua è questa, è illegale, l’han messa loro, artisti, l’ha fatta un nostro amico scultore, o almeno uscito dall’isttuto d’arte. E’ bella. Ed è rimasta lì. Non disturba nessuno, nn l’hanno levata. Immortala un loro amico elettricista. E’ davvero bella. La targa dice: Csercsa Tamas, elettricista

IMG_20140602_101729

stauta illegale budapest Csercsa Tamas elettricista

Nei giardini del castello…

Ultima forse delle grandi inaugurazioni (in ordine sparso: piazza del parlamento con nuovaanzivecchia statua di Kossuth bianco e imbronciato, OlimpiaPArk, statua del tenente Colombo, linea 4 della metro, nuova piazza della stazione, piazza Erzsebet e sicuramente dimentico qualcosa…)* ecco l’inaugurazione del Varkerti Bazar. Se una cosa ci voleva era il VarkertiBazar, una cosa che nn si riusciva neanche a definire, assi, graffiti e vetrirotti, un passato recente anni 80 da “Centro della Gioventu” con fantastici video su youtube di giovani in cravattino nero e gonna a pieghe a muoversi e oscillare e ballare l’alligalli o piu recente rock ani 70. NUn bel nome antisonante, il bazar dei giardini del castello con mosaici e affreschi, leoni in pietra all’ingresso e grandi scalinate, come lunghi tornati di montagna, per costringerti a guardare il danubio e dall’altra parte il palazzo reale di lassù, monumentali e basse per nn coprire  il panorama, ma belle belle per essere alla pari col lungodanubio neoclassico di Pest, quando a cavallo del 900 Buda era la sede dei ministeri della nova capitale gemella di Vienna..

Da quando son qui assi, graffiti  vetri rotti, e una zona che nenache a volerlo si riusciva a percorrere lungo Buda dal ponte delle catene al ponte elisabetta,e pensare che giusto il lato di fronte è il centro centro della città interna d Pest…

Ci arrivo con la nuova metro in questi giorni che posso… scendo da Rakoczi tèr, l’ex piazza delle mignotte… l’ingresso nella nuova metro d qui sembra sempre piu una discesa agli inferi con tutto questo cemento, questi cerchi e queste grandi scritte on le città di Rakoczi e queste grandissime scale mobili. cemento e scale mobili maestose, la metro del 2100 e risalgo a SzentGellert tèr giusto dopo il Danubio e quindi una delle stazioni piu profonde con i muri color ruggine e tutti quegli assi portanti di cemento incrociati a vista, che a Dicks del Vittula col suo panciotto pare di essere in un film del dopoguerra di entrare in una fabbrica segreta di un misterioso superarmento nucleare…

 

C’è pure una statua nuova, qui sopra, Cseh Tamas, il Gaber ungherese con la chitarra a tracolla tipo viandante hippy anni70, la dedica di Beremeny Geza, regista di Eldorado, suo grande amico e uno degli uomini di cultura fedeli sostenitori di Orban il Vittorioso. Due vecchine la guardano. Mi scusino ma questa è nuova giusto? Si.

Una fermata di 18 con una donna un po’ in carne  e senza trucco che nn smetto di guardare e scendo vicino ai Giardini del Castello. la struttura è enorme e si estende per quasi tutta la lunghezza del palazzo reale, ben rinnovata, ma transenne e tavolini tondi con tovaglie bianche fuori da inaugurazione.. solo al portale si può salire, ecco i mosaici e gli affreschi restaurati, finalmente dopo 9 anni di onorata militanza a Budapest posso salir su queste scale.. mi aspetto in cima una specie di grande spiazzo con i portici alle spalle, e tanta eleganza.. invece sol terra, terreno e vanghe, i lavori nn son terminati, ma le sale interne si. E’ pieno di hostess, capelli raccolti e gonna blu scuro appena sopra il ginocchio. Molto sexy per il mio amico famoushungarianpervert.com.Che ci sarà stasera? mi apsetto concerti e libagioni, ma no Caro amico torni domani autorità e inaugurazione della mostra nelle sale interne… nn posso che sorridere al fascino della divisa..

A lato c’è una scala, una scala mobile, porta al palazzo reale, da dove un tempo gli asburgo e il palatino accedevano dopo il tranquillo viaggio in traghetto. Un cartello avvisa: la scala mobile funziona in un solo senso, da qui si può solo salire. Filosofico.

This slideshow requires JavaScript.

*vien da pensare perhè diavolo abbiano inaugurato Ferenciek tere o l’Accademia d Musica Liszt fErenc nei mesi scorsi, pura follia, Orban vuol proprio perdere voti…

gli anni del maiale

Di che segno sei? – Maiale ascendente topo

(Diego Abatantuono e Stefania Sandrelli, Ecceziunale veramente)

.

27 gennaio, giornata della memoria. in prima mattinata su Rai2 passa Perlasca, con Luca Zingaretti, l’uomo d’affari italiano di stanza a Budapest che si finse console di Spagna per salvare migliaia di Ebrei ungheresi  nel lontano inverno del ’44. un eroe o una spia o tutte e due,  peccato che Wallenberg è diventato più famoso. Girato nel 2oo2. Un soldato nazista tenta di stuprare la bella ebrea. Il suo fidanzatino raccoglie un coltello a serramanico da terra e lo uccide piantandoglielo nelle spalle. La storia cambia. la scena del delitto è in posto grigio e polveroso, cortili bassi e grigi collegati da un lungo passaggio. il Gozsdu udvar, com’era nel 2002. Oggi insegne luminose pub, locali, la parte più figa della città.

 Italia e Ungheria unite nella memoria.  In italia han mandato teste di maiale a istituzioni ebraiche, si sa ci si diverte con poco e maiale è chi maiale fa.

il fatto è però che io vivo in Ungheria e l’Ungheria è un po’ la patria del maiale, quasi ogni famiglia di Budapest ha un parente in provincia con una maiale che ammazza due volte l’anno e l’economia si deve basare sul maiale. Certo ci sono stati i grandi lavori pubblici, il fiorino debole e le nuove fabbriche di automobili, ma la terza gamba per risollevare l’economia è il maiale sottoforma di generosi sgravi fiscali sui derivati del maiale e aumento del consumo di salsicce e costolette di maiale. Homer Simpson adorerebbe l’Ungheria..

nn mi stupisco allora se  alle tre teste di maiale italiane io associo i piedi di maiale messi nel 2009 sul monumento all’olocausto a Budapest, lì sul lungodanubio, alle spalle del parlamento e che se poi cerco il link perchè nei blog tanti link sono obbligatori ritrovo anche giusto 2 anni fa altri bei piedi di porco sul monumento di Wallenberg nel centenario della nascita.  la mia memoria è questa.. certo piccoli atti di una banda di goliardi, ma il problema ci si dice è nn dimenticare, nn chiudere gli occhi e nn giustificare

avevo in realtà in serbo dei vecchi appunti di qualche giorno fa che mi ero tenuto buoni per il giorno della memoria… gli appunti dicevano: “Alla radio leggono un pezzo di Furio Colombo,  ci si prepara con buon anticipo alla giornata della memoria, l’importante è andare preparati e nn affidarsi solo alla memoria a breve termine… Si parla dei diari dell’ambasciatore USA a Berlino, all’indomani dell’ascesa democratica di Adolf Hitler, erano anni in cui l’estrema destra faceva paura un po’ in tutta europa, ma si sa l’Europa ha forti radici democratiche. Ambasciatore: Non vogliono ricevere i nostri dplomatici perchè sono ebrei… Washington: Non importa, cambiamoli con dei non ebrei, è un fenomeno passeggero, non si preoccupi, passerà, la crisi finirà e saremo tutti più felici, ricchi, lavoreremo e saremo meno incazzati.

altri stralci  1933 Hitler è al potere ma la maggioranza dei tedeschi non lo ama. 1938 è incredibile come la popolazione sia così solidale col regime..  potere della propaganda e della buona amministrazione..

l’articolo si chiude con l’esortazione a tenere gli occhi aperti, l’esempio che pone Furio Colombo è l’Ungheria, terra di grande cultura e tradizione dove ora è tornato l’antisemitismo….. bene l’Ungheria sta diventando famosa, ci si candida Berlusconi, forse e  la cita il capo dei forconi come mito ed esempio da imitare.. Ma forse qui il grande Furio Colombo forse si sbaglia, l’antisemitismo non è tornato, giusto non se ne è mai andato e ora è uscito appena allo scoperto, è rimasto giusto sottotraccia, come un po’ in tutti noi del resto,  chi vorrebbe del resto un ministro nero e pure preparato in parlamento? è che non hanno visto le figlie. sono bellissime (foto)

Antichi profumi

a letto malato, ma almeno ho un po’ di tempo per alzare il collo del maglioncino e vedermi insieme col parente a me più caro “Ottocento” mitico sceneggiato RAI ambientato ai tempi delle guerre d’indipendenza contro l’Impero Asburgico. pochi anni ancora e sarebbe diventato Austria-Ungheria.. l’anno di produzione è il ’59.  ottocento è un titolo sbagliato, dai vestiti sembra almeno seicento e la guerra e gli amori la fanno solo i potenti e i signori.

a un certo punto entra un soldato, credo che sul posto di frontiera ogni tanto i doganieri si prendono un caffè insieme, tanto son tutti italiani, o veneti, di nazionalità. Parlottano. l’italiano-austriaco dice “da civile sono un tagliapietre”. un mestiere che forse era già passato di moda nell’800, o che forse anticipava i tagliapietre della lista propaganda 2.

io poi a Budapest un tagliapietre l’ho conosciuto, una sera,  mentre aspettavo il 4-6, il tram giallo simbolo della città, ero in buona compagnia, ma arrivò uno ubriaco perso, molesto, anzi no. ciao ragazzi. si scusate ho bevuto, scusate se dò fastidio, ho bevuto. ma oggi è venerdì, ho lavorato fino ad oggi. si io sono un tagliapietre. kőfaragó, l’ungherese ha mantenuto questa parola, ma si sa l’ungherese è una lingua che guarda al passato, che per resistere in un mare di slavi la lingua magiara del 600 non è molto dissimile da quella di oggi.

A casa malato passo il mio tempo a leggere i vecchi giornali ammonticchiati in un angolo della cucina. Su Repubblica del 31 maggio (subito cercato negli archivi elettronici) leggo qualcosa dal nostro corrispondente a Mosca, Repubblica si può ancora permettere un corrispondente a Mosca. A Mosca si dice che vogliano far rivivere in città gli odori della Mosca preSoviet, limone, menta e fragole in metropolitana,  odor di caffè in un quartiere, di libri usati in un altro, odor di pane nella strada dei fornai e di sigarette nella strada dei tabaccai. Russi romanticoni e progressisti.

e io che pensavo nella mia  vita da budapestino che guardare al passato volesse dire solo mantenere parole vecchie di 400 anni o erigere un monumento per ricordare l’occupazione nazista nel 44 anche se magari cosi scordiamo l’olocausto o riportare la piazza del parlamento all’aspetto che aveva negli anni 30, tutte cose che si avvereranno tra un po’, nel glorioso marzo (elettorale) del 2014 il passato è sempre bello e sempre nuovo, l’avran detto in tanti, specie in parlamento.

ma mi consolo. tra cinquant’anni non sarà difficile ripetere l’esperimento e ritornare agli odori dei favolosi anni ’10 a Budapest, l’acacia in primavera nel Varosliget, la lavanda di settembre scendendo dalla collina del castello, l’odor di vomito rossiccio e bottiglie rotte il venerdì sera per le strade del VII, i sottopassaggi di Blaha e Nyugati  coi senza tetto. per fortuna che a Rakoczi tèr non ci son più le battone….

Banco Natale

Shopping natalizio tra i negozi di vestiti di seconda mano e le sedi dei nuovi istituti  bancari nazionali ed asiatici entrati nel paese..

” – Tutto è incerto non bisogna cercare di capire . (….) 

 – Il denaro non è nulla” (La famiglia Moskat, Isaac B. Singer)

.

.

DSC08330

Ultimo giorno di lavoro. Quest’anno mi hanno spostato il turno e mi alzo col buio, ma è dicembre, il sole sorge dopo le 7. L’unico vantaggio è che il mio caro tram 37 è pieno di pendolari e non puzza ancora di barboni. Ho proprio tutte le fortune. Lo svantaggio è che non so a che punto è il paese, perchè il puzzo dei barboni nel tram è il mio personale indicatore economico nazionale.

Oggi però è una mattinata lunga, al lavoro si stappa lo spumante e  allora mi tocca ammazzare un paio d’ore prima che anche l’ultimo turno sia completato e la grande sala riunioni sia libera finalmente e allora eccomi a sfogliare le riviste sul tavolino. Ecco una copia di Figyelő, l’Osservatore, prestigiosa rivista economica ungherese,  certo ben fatta, le notizie economiche del momento, il braccio di ferro governo-banche sui mutui, l’equitalia ungherese e la politica del gas russo e l’ Unicredit ungherese, ma l’uomo di copertina è Meszàros Csaba, neanche 40 anni e già tra i grandi ricchi d’Ungheria, ingegnere elettronico, un uomo che si è fatto da solo, tante aziende di successo, hi tech ed IT. una bella intervista, il momento più difficile della sua vita è stato quando ha vinto l’appalto per l’ammodernamento dei nastri trasportatori dell’aeroporto di Sidney, potevano lavorare solo tre le 23.30 e le 5 e alle 5 doveva essere tutto superefficiente. Oraecco che apre anche lui una banca, ha rilevato lo sportello (centralissimo) della nota banca sudcoreana Hanwha, pochi clienti, ma affezionati, servizi personalizzati per i suoi amici d’infanzia. Ecco. Banche. Ddappertutto si sbraita contro le banche ma è l’ungheria che si muove, certo  la maggior banca d’Ungheria è ungherese la gloriosa OTP, ma le altre son tutte straniere e delle più insidiose, Germania, Austria, Italia con Unicredit e Intesa San Paolo son loro che si arricchiscono tassiamole e pazienza se poi i costi ricadranno sui clienti, il direttore della Banca Centrale Ungherese l’ha detto chiaro e tonto quattro delle prime otto banche devono lasciare il paese, vatti a fidare di una banca tedesca, meglio aprire i confini a chi non ha bisogno di soldi, perché il paese ce li ha già, banche russe, arabe, la Bank of China che giàha la sede guarda un po’ di fronte alla banca centrale, o qualche piccola banca ungherese, siam piccoli e cresceremo. Insomma il paese è pieno di giovani intraprendenti e di successo, basti dargli una spintarella o una pacca fraterna sulle spalle, un po’ di fiducia e torneremo grandi, siamo a pochi mesi dalle elezioni gli indicatori economici si sono messi incredibilmente al sereno, al di là delle attese. “Ungheria e Romania saranno per l’IT l’India d’Europa” C’era da aspettarselo, hajra magyarok…

Manca ancora un’oretta e allora pesco anche il Szabadföld, (terra libera, come una telenovela sugli emigranti italiani in Argentina), il “settimanale della provincia” nel suo riconoscibilissimo formato un po’piugrandedeglialtri , anche questo un bel giornale, con un’anima, una pagina di esteri per i villici  e ancora la rubrica degli scacchi sotto la posta dl cuore. Terra libera ha invece un articolo corredato di grafici e tabelle sulle regioni d’Ungheria relegate, a parte la regione di Budapest e quella accanto all’Austria, agli ultimissimi posti nella classifica UE per reddito pro capite. Le ultime 20 regioni sono tutte in Ungheria, Romania e Bulgaria.

Mi gratto un po’ il capino allora, anche giunto nella sala runioni bella e storica, disegnata dal grande Lechner ai primi del 900, quando ancora le banche ci avevano i soldini, e purtroppo oggi dannatamente fredda, ma almeno i vecchi dipendenti ormai in pensione giunti come tradizione a festeggiare con noi sono molto carini. Un omino che a malapena si regge in piedi fa un discorso commovente e impostato che inizia con lui nel 1949 pieno di speranza che cambia 3-4 lavori prima di trovare la sua vocazione; e dire che aveva frequentato i corsi di teatro..

Il giorno dopo sono libero, come un piccolo risparmiatore, il cielo è grigio da 7 giorni e devo passare un’ora in giro neanche so più perché. Sono all’imbocco della Dohàny, lì all’inizio del VII basso, quando la magnificenza del New York si stempera nel grasso dei gyros.. Entro allora in un negozio di vestiti di seconda mano che qui a Budapest vanno alla grande (specialmente se con la union jack sulla vetrina e la scritta vero abbigliamento inglese). diventati in poco tempo il mio secondo preferito indicatore economico nazionale. Siamo a Natale, è pieno di gente, colori caldi alle pareti, e tante donne dentro. il sistema si sconfigge così. Le camicie quasi nuove sono a 4 euro, io ne esco con una cravatta a due euro per le feste di Natale cui affidare il mio successo sociale.

Ci prendo gusto e mi dirigo sulla Rakoczi, il grande viale dedicato al Garibaldi ungherese, che dalla bellissima stazione orientale taglia i vecchi quartieri semicentrali di Pest, attraversa Blaha, il vero cuore pulsante della città e poi Astoria, l’altro grande incrociosimbolo, e poi il Danubio, il ponte Elisabetta, Sissi e poi a tagliare Buda.. Quasi naturalmente dalla stazione la via si riempì di alberghi grandi e piccoli, negozi e centri commerciali, dal Corvin Aruhaz anni ’20 al magazzino del giovane pioniere.

cream_hasznalt_ruha_-_rakoczi_ut

Da anni però la Rakoczi è un fantasma, la storia è passata e il presente non c’è, la città si è sviluppata in altre direttrici e questa parte è incredibilmente rimasta al passo, vecchie insegne al neon, rimaste lì, negozi di libri da rimodernare, lo straniero che passa di là impara le parole Kiado ed Elado*.  una di quelle strade che meglio descrive dove è il paese e cose le sta succedendo…

Sicuramente si capisce che in Ungheria succede che la gente è molto affezionata alla moda vintage; ci provo gusto e me ne faccio altri tre o quattro, praticamente uno affianco all’altro, sempreverdi, commesse e  locali rimasti quelle degli anni 80 con qualche ruga inpiù e qualche speranza in meno nella vita. La commessa di 60 anni mi sorride, guarda, un bel giovane qua dentro…

Alla fine attraverso la Rakoczi, giusto all’altezza del grande palazzo neomoresco di Schmahl e lì sotto gli archi ocra arabeggianti ecco l’insegna nuova di zecca della SBER, colore dominante verde, verde speranza, è una banca e nn un profumo, ma nei manifesti in vetrina c’è sempre un ragazzo figo e snello con cravatta e maniche di camicia e la tua compagna di classe carina in camicia, tailleur, occhiali con bordo leggermente colorato che ti sorride e ti da una mazzetta di soldi. SBER. la più grande banca russa e dell’Europa dell’Est e la terza d’Europa, la grande apertura all’est è in marcia, e mica cavoli, la SBER era la grande banca dell’URSS e ora di Putin, che l’anno scorso ha comprato la Volksbank entrando trionfalmente nel mercato ungherese. Nella filiale stanno ancora lucidando l’argenteria, ma già hanno aperto. Ancora un isolato ed arrivo ad Astoria, il grande hotel eclettico degli intrighi di regime e di fronte l’EastWest business center,  il grande palazzo a vetri per uffici dove l‘occidente incontra l’oriente, la prima timida bolla edilizia dopo il crollo del muro (1991) in fondo nn bruttissimo.  Lì di fronte alla fermata del 7, dove per anni c’era l’insegna tricolore disegnata da un bambino del “Banco Popolare”, ora c’è questo simbolo discreto giallo e arancione che ha già cambiato nome, evidentemente le indiscrezioni erano esatte, l’Osservatore ci aveva visto lungo e qui le banche stan cambiando piano piano tutto… girato l’angolo ecco poi la colomba stilizzata della banca Magnet, magnetico, anzi no, la rete del nocciolo (mag in magiaro), insomma Mag-net con arguto giuoco di parole ungherese, la prima banca etica ungherese, fondata il 29 Aprile 2010, guarda caso un paio di settimane dopo la schiacciante vittoria elettorale di Orban, l’avevo già incrociata durante la notte dei musei, dopo esser entrato all’Hopp Ferenc il museo di arte orientale, nella bella villa sul viale Andrassy dedicato al grande viaggiatore magiaro di inizio secolo con le sue foto e i suoi ricordi dalla lontana Corea, poi lunga coda al nuovo museo dell’oro, cineserie dorate, un museo da 15 euro di biglietto quel giorno gratis, e coda lunghissima, alla fine rinuncio ma subito dopo mi imbatto in un’altra villa di quelle prima di un ricco ebreo, poi di un ricco nazista, poi di un ricco dirigente comunista. Tavolini di artigianato tipico andino e collanine, stemmini del Magnet dappertutto, l’edificio magnifico. Tutto sembra tranne che una banca. Faccio due più due, che oriente e occidente  si siano conosciuti cosi, tra vicini di casa..

*affittasi e vendesi

This slideshow requires JavaScript.

Il domani non arriverà

al mercato cinese di Budapest, il più grande dell’Europa centrale, il giorno prima della probabile chiusura.. 

Sembra un giorno come tanti, e lo era anche stamattina, quando ho perso il mio tram 37 a cui son tanto affezionato e ho dovuto ripiegare su un numero più scontato e normale, cosa che nn fa per me, il 28, . E dire che volevo prenderlo nel pomeriggio al ritorno dal lavoro, perhè voglio andare in un posto importante assai. Vuol dire che ci passerò ancheall’andata e ci butterò un occho non distratto.  Ci passa e dò uno sguardo dal mio tram giallo allora: tutto insolitamente normale, come nei miei ricordi di cucciolo a Budapest.. stesse scritte, stesse facce, stessa gente, stessi colori, tanto poi ci torno, ma  è strano ..

Le stesse facce del pomeriggio o quasi, come quel tipo salito lì alla fermata allangolo con l’Hungaria Korut, giusto davanti al grande murales con i Gorilla,[gruppo musicale di quando già non ero più giovane] dove Budapest finisce di essere Budapest e inizia a somigliare un po’ a una cittadona siberiana con le grande strade, i capannoni e il cielo grigio.. Sale il tipo,distinto, occhialetti, riga a lato, si sitema accanto a donne con enormi buste nere strapiene de pesantissime, due estremi del posto dove stiamo andando,il più grande mercato cinese all’aperto dell’europa orientale, che dovrebbe chiudere i battenti domani.. Che ormai la zona dov’è fa gola a molti, siamo quasi in centro e vicino a spazi verdi, strade e mezzi di comunicazione e … Il tipo dai tratti orientali, alto perché nn tutti i cinesi sono bassi ovviamente scende insieme a me duefermate dopo, a quella fermt che si ciama come il numero civico, Kobanya ut 31, si scende e c’è n chioschetto cinese, poi l’ingresso est del grande mercato cinese…

E’ come se la notizia qui nn fosse neppure arrivata, tutto come sempre, certo, con tutte le baracche aperte, i corridoi stretti di bassi tetti im lamiera, i container in fondo, zingari e sfaccendati un po’ ovunque, tanti asiatici ma tanti tratti somatici diversi he l’Asia è grande assai e qui i vietnamiti la fan da padrone, e il Vietnam sappiamo che era Nord e Sud..  Quasi all’inizio all’angolo degli arabi con un faccione pelato dalla pelle caramello in TV e le sovrascritte arabe e i cambiavalute, poi i soliti visini delicati di eterne ragazze o sguardi furbi di cinesi coi capelli a spazzola che sbucano da montagne di pacchi di 5 calze a 1000 fiorini o giubbotti coloratissimi. Quest’anno vanno alla grande anche delle calze da donna che nn ho ancora capito da che parte si indossano ma nn imprta ormai… Insomma niente funerali, gente che smantella la baracca, visi lunghi o un almeno po’ tesi. A day in the life dello splendido mercato cinese, in tutto il suo splendore da favelas quasi al centro della città, che dovrebbero dichiarare patrimonio architettonico nazionale “perchè conserva il patrimonio culturale e tradizionale di una delle minoranze che tanto hanno contribuito a dare a Budapest l’aspetto che noi tutti amiamo..”.

Ho pochi soldi nel portafoglio e non posso comprarmi quegli scarponcini che ho sempre sognato o provare a tirare sul prezzo di un Samsnung T5.. mi faccio però tentare da un paio di guanti di lana ricamati a 1 euro (299HUF) e 5 paia di calze da uomo in varie tinte tutte virilissime dl blu notte al grigio nebbia in offerta a meno di 500 fiorini (499).. il tizio che me le vende è la tranquillità fatta persona… Mi scappa in un ottimo ungherese “che avverrà in futuro? Resterà tutto?” non si scompone diavolo di una tigre cinese “Si resterà tutto” detto con la tranquillità dei forti e di chi ne sa più come se avesse letto il giornale del giorno dopo in un film in bianco e nero di Frank Capra. La sua tranquillità si effonde anche nel mio animo irrequieto e gli rispondo:“Ne sarò molto contento”, sir… Giro un angolo di questo labirinto di tetti bassi e zainetti rosa, eccoli tra una nube di fumo, tutti inginocchiati giocatori e astanti attorno a uno scatolone di cartone rovesciato a sbattere fortissimo le carte per terra. SCIAFF!. Poco più in là spuntano due attentisismi e impassibili davanti a  una tabella con diegnata una griglia geometrica curiosa e poche pedine con ideogrammi sopra… una partita a scacchi cinesi o che diavoloneso.

Ho una meta comunque, una sosta in questa cavalcata di 1500 metri in linea d’aria guardando per terra e per nn incrociare sguardi pericolosi che ogni tanto mi concedo per sentire appieno sulla mia pelle la grande città. La meta è il bugigattolo vietnamita all’altezza della penultima porta, dall’altra parte dell’ex enorme ciminiera della fabbrica automezzi Ganz… uno dei punti di riferimento di tutto il quartiere… Qui dal vietnamita, dove guardandoun po’ in giro riesci a riconoscere gli scartamenti ridotti dei binari che dalla fabbrica portavano direttamente ai binari dell’ex prima stzione ferroviaria di Budapest, qui c’è il cibo dell’estremo oriente migliore di Budapest.. con le sue panche di legno chiaro, metà negozio di alimentari cinese e metà tavola calda. Negozio di alimentari è una parola grossa, il mio ricordo che resterà sono i grandi sacchi da 15 kili di riso nel mezzo, accatastati, e tutta quella verdura verde scuro lì esposta, giusto accanto alle panche, di una qualità che gli ungheresi snobbano o non coltivano, una specie di cicoria o rapa di cui evidentemente i vietnamiti fan largo uso. Mi siedo su una panca tutta vuota, davanti a me una coppia di giovani, si parlano in inglese con lui figo e dall’aria ben nutrita e lei biondina. Dietro un gigante dagli occhi a mandorla. Ho ordinato alla signora, spaghetti di riso, la signora piccolina, ovvio, nel suo golfino viola. Qui certo la specialità sono le zuppone vietnamite, porzioni enormi, almeno un litro di zuppa dai colori fantastici tagliatelle bianche e straccetti di carne, e soprattuto vederli mangiare da questi qui accanto che mi sa che ne capiscono piu di me di tipicipiatti della tradizione indocinese.. E di certo hanno un sapore che nn ho mai sentito in vita mia, per me fortissimo e pungente che nn ho ancora capito se venga da una radice o unerba o che so-io e che mi resta in gola almeno per un paio di giorni, ma devo dire sembra di essere a Saigon… arrivano due ragazzini anche loro occhi a mandorla, un po’ nerds, un po’ figli di questa gente, insomma budapestini ed europei, miei fratellini, si sfregano le mani quando arriva il loro zuppone, dal bel color rossiccio, gridolini disoddisfazione, foto con o’smartphone.. il titolare porta sacchi di riso, li scarica a terra. Io rimango affascinato dallo zingaro di mezza età, seduto fuori in un angolo dietro ai container. Questa è la ua casa. Qualcuno lo chiama da fuori, “Zio!!  tutto benea anche oggi?…” i veri padroni dlel’isolato sono però i due enormi gatti grigi che attraversano il vicolo con eleganza e vengono a stiracchiarsi di fronte a me..Il gigante se ne va, si sistema su una sedia a rotelle ,che trascina muovendo i piedi… Da dove sono posso buttare un occhio anche in cucina. Vedo l’enorme pentolone della zuppa, una grande ventola, che anche qui in teoria sono in regola con tutte le normative della ASL. Poi arriva il mio piatto, avevo avuto il coraggio di chiedere una porzione piccola e ho un piattone davanti di spaghetti di riso con soia, coriandolo, erbetta cipollina cinese e anacardi .diavoli. il saporaccio c’è sempre, ma meno forte. Forse sono questi germogli di soia grandi come tronchi. Pago. Mi chiede 1000 fiorini. Ricordavo meno. Provo a chiedere anche alla signora in viola se il suo futuro lo vede rosa. Prima fa finta di nn aver capito, poi dice “chissà, vedremo da dopodomani.” Vedremo.

Esco per riprendere il tram. Davanti il palazzo celestino ex dei manager della Ganz Holdng. Anche questo cinese da 15 anni, con un paio di nuovi cartelli in ideogrammi..

 

per qualchenotizia in più sul mercato cinese andate qui http://laltrabudapest.wordpress.com/2013/11/21/le-4-tigri-di-budapest/

Nessuno mi crede

C’erano giorni in cui ci riunivamo giù in cantina, quando il VII distretto era un luogo ancora nn tutto per bene e quella strada puzzava di umidità, ed era buia. sempre. nn si andava a fumare fuori perchè nessuno ci obbligava, fuori c’era solo la cantina dirimpetto, abbastanza triste e anonima, ma con la scritta rosa KUKKOLO che vuol dire che pagavi per vedere una ragazza ne bella ne brutta, spogliarsi al di la di un vetro. no, n ci sono mai stato io. Alle zingarette che all’angolo del New York mi vedono solo a una certa ora della notte e con un fil di voce mi fanno ciao (che vuol dire sono una che fa la vita, che ne dici?) io rispondo. haza (vado a casa). io sorrido lei sorride. 

In quei giorni l’unico modo per sbirciare nel taccuino di Markò era allora aspettare che andasse a pisciare, scendere dallo sgabellone del Vittula, (si, parlavo del Vittula), lisciarsi la giacca di pelle lisa, guardarsi il bicchierino di Unicum vuoto e via.

Quella volta ci lessi bel calcato tutto di lato, con la calligrafia un po’ troppo bella per uno che dice di avere l’animo tormentato “obbligo di frequentare gli anziani per tutti gli abili dai 14 anni in su, fino ai 40.”  cancellato in “per sempre”. “I trasgressori saranno puniti con pene pecuniarie fino a un massimo di 50000 fiorini. e una freccetta. con i vecchi si impara a capire il senso della vita. non da loro, loro nn sanno un cazzo, ma dalle loro vite, quello si...”

Mi è venuta in mente ‘sta cazzata l’altra mattina, ero là, dietro alla statua di Ady che si sistema il mantello, un capitan Harlock in bronzo di cui ogni spirito poetico sarebbe fiero. là perchè là c’è una connessione gratuita, il venticello, gli alberi, una panchina, e poi passa sempre qualche  turista stupidina scosciata con la pelle bianca e rossa.

A un certo punto viene un vecchietto in carrozzina, ha una polo rossa, la carrozzina la tira un bambino, lineamenti asiatici. Con un fare risoluto gira la carrozzina di 90° e la pianta  di fronte al marciapiede. dico, dagli altri tre lati puoi vedere la strada  (e che strada, il viale Andrassy), la piazza, la statua, loro no, il muro di fronte. E nn dicono niente, come se l’avesse messo nel posto piu naturale del mondo tipo davanti alla TV o alla porta di casa. nn dicono niente nn si scambiano una battuta. Chissa a che cazzo pensa il vecchio. si sembra ancora in grado di pensare. me ne ero quasi dimenticato, tipo dopo una mezz’oretta, arrivano due genitori. il coreano rispunta chissà da dove, la famiglia si rimette in cammino.

Un paio di giorni dopo invece ero a pranzo nella mia personalissima trattoria con due  gentili ospiti. a un tratto uno fa: “La schiena ora nn me la sento quasi piu!”. Lello si alza, sembra incredibile che possa avere problemi alla schiena, lui un ex carabiniere in pensione, fisico da ex canoista 60.enne. Appena si allontana per raggiungere la toilette la moglie dolcissima mi dice che è caduto da un albero, un’altezza di 9 metri. Ah ecco, mica posizioni scorrette in poltrona… E in effetti prima mi raccontava di fratture plurime alle vertebre, e io che gli stavo per chiedere se era in servizio…

Eh si, eravamo preoccupati, ma tutto è andato bene ed eccoci qua. Come quell’altra volta sai… C’è dell’altro…

Aveva un dolore alla gamba, un po’ di sforzo, facciamo i raggi e il dottore subito dice, bene, quando si vuole operare? io? io no, io mai… Ma nn scherziamo qui le lastre parlano chiaro.  Guardi che tra un po’ …. mettiamola cosi’, tra 6 mesi sarà lei a strisciare fin sotto il lettino, a implorarmi.. Ma Lello piuttosto cambia dottore. Lo hanno visto i migliori specialisti, a botta di 2-3-400 euro a seduta. Il disco nn cambia. operarsi, la lastra parla chiaro.. e. .. a noi che piaceva tanto andare in montagna camminavamo come gli anziani giusto da qui a lì.. tanti soldi e neanche una visita approfondita, bastava vedere la lastra, era tutto un colabrodo, tutto marcio.

Poi.. – fa una pausa e assaggia il succo di lamponi che ha preso il marito  che giurano sia la cosa più buona che abbiano mai mangiato…- Poi un dottorone si impietosisce e lo visita per bene, tocca e ritocca, gira la gamba, la contorce e lui in fondo nn grida dal dolore… poi riguarda la lastra.

sono ancora un bambino intelligente, anche se sento la mattina sempre un po’ di stanchezza alla testa… “ma nn c’era il nome sula lastra??”

“c’era, c’era” fa Lello che nel frattempo è rientrato, sorride, serio ma calmo… sono fortunati, sono di quelle persone che vivono nel “meno male come è andata piuttosto che col che paura che ho avuto”..

E poi hanno incontrato il tipo con cui avevano scambiato le radiografie. Un vecchietto, tutto piegato da un lato, ha fatto una fatica indicibile per arrivare alla porta di casa.. le prime parole che ha detto son state. “Nessuno mi crede. Nemmeno mia moglie…” Nemmeno lei…

 

l’Europa è unita nella pace e nello spirito. Viva Adolf Hitler! Viva la Germania! (Nyiro J.)

(E’ una di quelle volte in cui vorrei solo esporre i fatti che sono sufficienti, ma poi nn ce la faccio allora forzo la mano e la butto sull’ironia..)

il giugno di Budapest si colora sempre di rosso e di nero, i colori dell’estate, si sa, i colori dei ribes rossi e neri che si vendono al chilo al mio mercato. quelli neri sono più grossi e dolci, quelli rossi sono belli da vedere negli strati delle torte, costano uguale. Rosso e nero, qualcuno ci ha anche fatto un libro, un gioco d’azzardo popolare, un partito politico.  la politica, quella c’entra sempre..

C’è che ogni anno verso maggio-giugno qui nella bella ungheria esplode una bella polemica sul tema della maturità. troppi scrittori ebrei, no volevo dire solo scrittori ebrei, no lasciatemi esprimere meglio, se mettete uno scrittore ungherese di religione ebraica o uno scrittore ungherese la cui famiglia di origine è ebraica ovvero c’è ufficialmente un giudeo fino al secondo grado di parentela,  allora se sono questi gli scrittori che formano la nostra gioventù magiara, dovremmo inserire nei programmi scolastici anche i nostri grandi scrittori ungheresi di Transilvania che tante belle pagine hanno scritto sul popolo magiaro e ora sono ingiustamente esclusi perchè il comunismo e il post comunismo (la differenza sembra nn l’abbia avvertita nessuno) li hanno tacciati di essere fascistoni e antisemiti.. Accanto a Spirò ed Eszterhàzi rivogliamo Wass Albert la cui bella prosa recitata da un vero ungherese in audiobook mi fa sognare mentre guido al tramonto in autostrada.

la parola italiana è revisionismo, si iniziano a dedicare statue e piazze  al “controverso” capopolitico del ventennio, mise le leggi razziali e nel 20 ci fu una delle prime leggi in europa antiebraiche, restringendo il loro numero di matricole all’università, ma è anche certo che salvò molti ebrei. fa niente se qualcuno ci marcia sopra, se qualche ubriaco picchia un anziano rabbino o se un parlamentare dell’estrema destra (Jobbik) si fa fare il test del DNA per mostrare a tutti con orgoglio che nel suo patrimonio genetico nn ci sono i geni giudei o zigani. (però il test per la coglionaggine però nn ha osato farlo (n.d.a.)).

in settimana poi il premio nobel Elie Wiesel, (uno di quelli che si fa fatica a definire; ebreo (tedesco?) di transilvania (Romania) nato lì quando la transilvania era ungherese diciamo così)  rifiuta un’alta onorificenza avuta dal governo ungherese perchè Kover Laszlo, il secondo uomo più potente di Fidesz, quindi del governo e del parlamento e dell’Ungheria partecipa in veste uffiicale alla cerimonia del ritorno a casa delle ceneri di Nyiro, scrittore, transilvano, ungherese, anche ministro quando le croci frecciate (il partito filonazista) andò al potere nell’epoca d’oro, il favoloso 1944.

C’è stato un bello scambio di lettere (altro che le lettere di Veronica a Repubblica). caro sig. Kover la stimo molto, ma Nyiro era un gran fascista e antisemita. Egregio sig. Wiesel, nn era nè fascista nè antisemita. e poi abbiamo un famoso filosofo marxista che nn è stato messo all’indice e allora perchè fare due pesi e due misure (a saperlo prima…, se nn ci fossero state le foibe nn ci sarebbero stati i forni crematori).

ho uno corrispondenza privata (oggi si dice chat) l’amico  amico storico C.A. : Alessandro tu nn capisci l’universo transilvano e i poveri ungheresi di transilvania, certo sono passati 100 anni, ma sono ancora pochi per assorbire il trauma di nn essere più col passaporto ungherese, in fondo hanno semplicemente portato le ceneri al paese natale. si a esagerando è ua reazione eccessiva.

il mio amico S.L. ungherese di Transilvania, invece mi cita il passo in cui Kover dice che anche Ceaucescu gli aveva dato la pensione da scrittore già negli nni 70. ma si chiama fuori.

oggi qualcuno “nel mondo dei blog e dei social network” prova a mettere una frase virgolettata per chiarirci le idee:

“Confusion about Poetry Day at Weimar. The latest article says: The Third Reich has also arranged a Poetry Day in Weimar in which invited poets from the eleven Central and European nations will take part. Hungary will be represented by the Transylvanian writer Jozsef Nyiro. Nyiro in his statement to the press said: ‘We are witnessing the spiritual rebirth of Europe. I, like the rest of Hungarian literature, am happy to be able to take my part in this spiritual development. Earlier in the church I saw a beautiful painting in which Luther is pointing out the verse in the Bible that declares that we will be washed clean by blood. It is blood that will cleanse Europe. The nations of Europe are discovering each other and drawing together in the name of peace, of soul, and of spiritual revival. I support this enterprise with my heart and soul. Long live Adolf Hitler! Long live Germany! Long live the German Society of Authors!’ ” (1941)

quando chiedo la fonte è bella ma poco attendibile, è tratta dai diari di Radnòti Miklòs, un grande poeta, triste e sensibile, ungherese, ma ahinoi ebreo, morto in un campo di lavoro, era il favoloso 1944.

 

 

C’era una volta l’hotel Volga

Ogni tanto provo a chiedere a qualcuno, specie se ungherese e ha i capelli bianchi di spiegarmi che succede. Serve a questo laurearsi in scienze, ti abitua a porti domande semplici semplici, tipo perché la terra gira, che cos’è la massa, perchè i papaveri sono rossi e perché esiste la molecola H2O e non H4O. una delle conclusioni universalmente accettate è che orban un po’ di ragione ce l’ha, forse: il comunismo nn è mai finito, ha solo condiviso il potere con le altre forze democratiche, solo  per far sì che il paese nn si facesse male o che tutto rimanesse com’era bisognava che tutto cambiasse, anche i Savoia erano a loro modo comunisti e Gorbaciov è esistito ed era ungherese, no, forse faccio un po’ di confusione. È certo comunque che la transizione chi l’ha guidata l’ha fatta a proprio vantaggio e chi era capo dei giovani comunisti è diventato uno degli uomini più ricchi d’Ungheria e uno che muoveva le orecchie e diceva di essere molto ironico è diventato sette volte primo ministro.. (faccio ancora confusione).

E di certo uno dei simboli più evidenti della transizione dolce è il signor Finta Jozsef, architetto di regime, (guardate la foto ufficiale occhi azzurri, e camicia senza bottoni, sguardo da film di Haneke) autore di molte molte opere moderne a cominciare dai due dei grandi alberghi “moderni” sorti pian piano al posto dei grandi ohotel ospitati dai palazzi neoclassici danneggiati dalla guerra lì sul lungodanubio, tanto decantati dalle cronache dei viaggiatori di inizio secolo (quello vecchio, il 900). Certo a vedere le cartoline d’epoca un po’ d’effetto fa..

E poi tanti altri progetti, prima e dopo la caduta del muro, perché se hai dei buoni amici, loro ti sono riconoscenti, sempre, l’hotel Kempinsky, o quel grandde palazzo moderno all’angolo tra Andràssy e Bajcsy Zsilinski, o il comando della polizia o il Westend, e tanti altri .

 

Sabato era una bella giornata, 20 gradi, e dire che gli italiani che vengon qua credono di stare ad Arkagiolesk e di trovare 3 metri di neve fino a fine marzo. Niente di meglio che andare in giro per la città, allora, per me che amo il fumo, lo smog, la strade, il cemento, la vita, la società. se mi invitano in montagna trovo una scusa. Niente di meglio che prendere due filobus e andare all’incrocio tra due grandi vie di semi periferia a veder abbattere un grande grattacielo del passato.

  E’ successo che un giorno che mi sono alzato ho sentito la notizia triste che chiudono Ferihegy 1, leggi qua. Allora sono andato a cercare conforto e conferme su index.hu, e ho letto che era vero. E subito dopo ho letto che stavano abbattendo l’hotel Volga, all’incrocio tra Vàci ut e Dozsa Gyorgy ùt, uno dei grandi hotel socialisti, alto, senza balconi, un grande parallelepipedo in piedi, per il mondo del futuro. Un nome chepiusociliastanonsipuo’, hotel Volga. Finiranno a fine mese, e tra un paio d’anni sorgeranno gli uffici del futuro..

  Allora una mattina mi son mosso a fatica,  ma la mia mattinata nn poteva essere migliore, abbondante colazione, poi salto su un paio di filobus rossi, che attraversano il parco. Dal secondo, dal 75, vedo sulla strada tantissimi mezzi della polizia, poi la polizia in carne e ossa, in assetto antisommossa, giovani uomini e donne nelle loro divise, in squadre, caschi neri, almeno un migliaio, in lontananza a piazza degli eroi un po’ di gente, con le bandiere a strisce bianche e rosse dell’estrema destra. “Ma quanta polizia…”, accanto a me un signore ungherese con gli occhialoni, son duri e puri gli ungheresi, ma prova a rompere il ghiaccio e diventano amiconi. Ed eccomi parlare col signore che l’ungheria è nei guai perché si spendono cosi tanti soldi in polizia per queste cose. A quella fermata scende una ragazza, ha le occhiaie, è vestita dark, credo si dica emo adesso, ha delle grandi mammelle, belle, bianche, esposte, gonnellino scozzese, capelli rovinati, un gran cane nero. Me la ricordo ancora.

  Poi arrivo all’incrocio, eccola, la meta del mio sabato mattina. Che bello, eccolo lì, l’Hotel IbisVolga, per metà in piedi per metà no, e lavorano anche oggi, sabato. Un grande edificio socialista, rifatto in quell’orrendo verde e rosa dell’Ibis,  almeno il centro di fronte, la sede dell’acquedotto di Budapest, due curiosi edifici uguali uno verticale e uno orizzontale, con le decorazioni esterne uguali a quelle delle metropolitane socialiste, è ancora lì.

È un grande spettacolo, il cantiere, le macerie della parte abbattuta, dove si muove agilmente un escavatore e l’altroedificio già sventrato, con le barre di ferro e cavi che spuntano e lo sguardo che entra fin dentro in quelle che prima erano le camere. C’è rumore e il sole, giro pian piano attorno, dietro l’hotel Ibisvolga si vede un po’ meglio per com’era prima, è un modello calmo e paziente, che si lascia fotografare da tutte le posizioni, e si mette anche in posa.

C’è un altro tipo che mi vede fermo e si ferma anche lui, osserva, si fuma una sigaretta, poi mi metto ai piedi di un’aiuola, dietro di me a distanza di sicurezza un uomo, con la faccia sporca e scavata e una grande busta di plastica, oggetto distintivo del sottoproletariato urbano, che qui ancora resiste e che avrebbe tanto fatto felice Pasolini. Ci ho preso gusto, resto a osservare l’hotelIbisVolga comodamente seduto ancora un 20 minuti, poi mi avvicino. “Domani? Replicano lo spettacolo?, domani lavorano?” lui è convinto di si, poi si lascia prendere dalla nostalgia. “Era l’hotel Volga, tutto cambia”, mi fa

finale di regina

io sapevo solo che c’erano tanti concerti lì al parco del popolo, al Népliget, (ma quando ci arrivo, con grande fatica, perchè ci arrivo senza pagare il tram),  il parco del popolo è strapieno di tantissimi stand, una specie di majalis (la fiera-baraonda che si fa il primo maggio al Varosliget) c’è pure una ragazza con un boa enorme attorno al collo (giura che era enorme)pagliacci, Dart Veder, auto d’epoca socialista, gara delle magliette bagnate e almeno 3 palchi con musica dal vivo, manca solo berlusconi insomma.. 

Dopo tutta questa baraonda, stanco, di una stanchezza eterna, che mi fa pensare al senso della vita, mi trascino a prendere una lattina di sanissima birra Borsodi e mi piazzo sotto un albero, ben dietro gli stand, ma un po’ rialzato che si puo’ sentire per bene la voce rocker della cantante del gruppo che ho scelto di ascoltare..

nn so da quanto nn mi stendevo sotto un albero. dopo un par d’ore che faccio per andarmene vedo su un tavolo lungo delle scacchiere, ci metto un po’ a capire che è una simultanea,  dai su gioca che c’è posto, dai, si, è na campionessa che gioca contro tutti, ma dai che ti diverti.. sono stanco e ho attacchi di ansia dalla mattina, ma mi siedo, conl’orribile sensazione di trovare strano avere davanti una scacchiera con pezzi veri sotto un albero anziche giocare contro uno sconosciuto che ha solo un nome di comodo e nn so neanche da quale parte del mondo venga, guardando una scacchiera sullo schermo..

[ok, è il mondo che va così, quando hanno chiesto al numero uno delle liste FIDE, la federazione internazionle degli scacchi, insomma il più forte, un ragazzetto norvegese di 20 anni, Magnus Carlson, che scacchiera ha a casa, pare abbia risposto, si, devo averne una da qualche parte..]

insomma sono al parco, emozionato e con la testa troppo leggera per la birra. per di più la signora apre di donna, e io rispondo con la mia difesa indiana di re, che ha un certo fascino, ovvio, e di cui ho capito appieno i principi generali, occupare la diagonale scura, fare attaccare al centro per contrattaccare violentemente sul lato i re, ma che ha tantissima teoria che nn conosco assolutamente, e difatti la variante della signora, con un fianchetto anche lei, mi è ignota.

si possono fare due partite, finiscono per essere quasi uguali, alla fine cambiamo i pezzi, e vince il finale, sconfitte onorevoli in fondo, ma accanto a me un ragazzo che mi pare di conoscere la batte e la signora inizia a perdere colpi con altri due o tre che si trovavano a passare. la signora ha 83 anni, ha uno sguardo gentile ma deciso che fa molta Ungheria, si aggira in piedi tra i banchi, mentre noi siamo seduti. Strano in fondo che abbia ripetuto la stessa apertura contro di me, dico il fianchetto contro l’indiana di re, in genere variano per provare nuove cose o varianti insolite nel loro repertorio, contro umili dilettanti.

tra i ragazzi che fanno parte dell’organizzaizone c’è un DVD a 2 euro, un dokumentumfilm come si dice qua sulla signora, 83 anni, il risvolto di copertina dice che si chiama Sinka Brigitta, nata nell’Ungheria profonda, maestro di scacchi (una specie di titolo di elite nazionale) ha giocato anche contro grandi campioni come Korchnoi e Bobby Fischer (e Grimaldi ora).

passa uno un paio di volte da me, si stupisce come nn abbia vinto, eppure sembravo averla messa in difficoltà, poi vengo a sapere che la signora gioca queste simultanee lì al Nèpliget da un 8 ore buone e ne avrà ancora fino alle 21.30. a tutti dice dopo la partita, se vuoi puoi farne 2, vai a ritirare un ricordino, lì dai ragazzi, mentre completa lei stessa e firma il cartellino della partita.

quando la cerco su google, apprendo che la signora dopo aver giocato a livello professionistico per 50 anni, si è accorta di potersi far certificare 12000 partite di scacchi e vuole arrivare a 13000 con queste simultanee per entrare nel libro dei record.

in giorni in cui mi interrogo sul senso della vita, chissà se Brigitta abbia trovato la risposta o se stia concludendo la sua nel vortice di una passione, compulsiva come gli scacchi sanno essere piu di tante altre, che la fa stare 10 ore in piedi mentre dietro di lei inpazza un concerto metal (vero erano a 30 mt da noi scacchisti…)

FOTO: http://www.facebook.com/media/set/?set=a.2137299666819.116558.1075926659

 

 

ai grandi magazzini, per grandi e per piccini

nn chiedetemi perchè ma cercavo fazzoletti da naso da donna quel giorno, cosi’ è la vita.

Ero a Blaha, e allora faccio un salto al Corvin Aruhaz, i grandi magazzini Corvin, lì a Blaha, gli Harrods di Budapest dicevo, forse oggi più famosi per il tetto, cosi’ è la vita, perchè sul tetto ci hanno aperto un pub, proprio sul tetto, il parapetto è alto e la vista nn è sul Danubio, ma il posto è carino e in effetti ti senti  a 50 metri d’altezza.. .

per salire prendi l’ascensore del retro, per scendere le scale,  strutture vecchiotte mai ristrutturate, di quando nei grandi magazzini  fu inaugurata la prima scala mobile d’Ungheria., era l’età dell’oro forse la prima scala mobile in Italia è pure posteriore..

ero stato ai Corvin Aruhaz prima di Natale, a curiosare,  l’epoca d’oro è finita, da un pezzo a me piace ricordarlo così come nel film “Allami Aruhàz – i grandi magazzini statali”,  (http://www.tvarchivum.hu/?id=142129) quando i grandi magazzini erano diventati i grandi magazzini nazionali..

lì avevo trovato, in incredibile offerta, i cappelli, estivi e invernali, quelli servono sempre, caso mai li perdi ina eroporto durante perigliose trasferte..

Ieri già mentre ti avvicini capisci che c’è una grande svendita, tutto al 70% solo i capi di marca al 50%..uhah Le scale mobili ci sono ancora, 4, appena davanti all’ingresso. Follia dei nostri nonni. Oggi ogni buon architetto sa che le scale mobili devono essere quanto più difficili da trovare o almeno bisogna fare un po’ di strada per arrivarci, cosi’ nel mentre puoi guardarti attorno e trovare una cosa a cui nn avevi pensato ma che devi assolutamente comprare.

Al piano terra c’è un supermercato, sopra il business è retto da Skala, una specie di Standa ungherese. Al primo piano c’è l’abbigliamento, al secondo l’arredo casa. L’aria è triste, scaffali mezzi vuoti, metà dei locali già liberati, sono rimaste solo camicie di collo 50 e a tinta unita, di un giallino o arancione, tanta gente, dove altro lo trovi uno sconto (reale) del 70% su tutto??

alla fine mi convinco anch’io  a prendere una camicia che definisco rosso mattone, mi trattengo dal prendere una delle cravatte anni 70 degne di una copertina di una band sballata, ma soprattutto prendo a un prezzo accettabile il sogno di una vita magiara, un accappatoio bordò scuro..

per fortuna avevo qualcosa da leggere, perchè faccio 45 minuti di coda, le cassiere di mezz’ètà impazziscono con i cartellini sbiaditi e le percentuali dello sconto, e poi sì c’è molta molta gente, qualcuno si compra un borsone e mette tutto là, le donne del vicino VIII distretto hanno i cestini pieni di biancheria intima sexy e vestitini per bambini..

mi guardo in giro, erano rimasti gli ornamenti a mosaico delle colonne, come le vediamo  in qualche vecchia kocsma selezionata, anche il pavimento è lo stesso, nn so chi arriverà ora con vetrine scintillanti, ma credo cambierà gli arredi, la gente resterà la stessa credo..

Sono qui da 6 anni, ho visto la vecchia Kiràly utca e l’enorme agenzia dell’Aeroflot all’angolo tra Nagymező utca e l’Andràssy, grande e vuoto, assolutamente inutile se nn per farsi vedere, come i negozi  di alta moda all’aeroporto..  Se dovessi esprimere in una foto la situazione in Ungheria la farei a questo stesso locale.. L’aveva preso la catena di librerie Alexandra, che si è ingrandita enormemente n questi anni, per farci un Antikvarium i negozi di libri rari e di seconda mano che gli ungheresi amano tantissimo.,. é durato una manciata di mesi, ha già chiuso, ora all’interno carrelli pieni di libri, sui vetri le scritte “Megnytottunk – abbiamo aperto” e “Kiado , Elado .- affittasi, vendesi”.

il perchè è semplice, i prezzi erano alti e la merce scadente..